annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

[INVERNO] Quando 29 e 56 impallidiscono...

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • #31
    Re: Quando 29 e 56 impallidiscono...

    " Possiamo approfondire ulteriormente quelle che sono le curiosità ed i fatti di costume relativi ai periodi delle Grandi Fiere sul Tamigi gelato, che si tenevano nella città di Londra nei Secoli passati.

    Come detto in un precedente articolo, si tratta di un evento piuttosto comune tra il Seicento ed il Settecento, nel cuore del periodo più freddo della Piccola Età Glaciale, con la concomitanza di fattori che predisponevano il Tamigi a congelarsi con maggiore facilità, rispetto ai tempi moderni.

    Occorre fare a questo punto alcune precisazioni: non ci sono notizie di Fiere di questo tipo prima del XVI Secolo.
    E non solamente per una minore rigidezza invernale: sappiamo, infatti, che alcuni Inverni rigidissimi erano apparsi anche nei Secoli precedenti.

    Nel 1233-34, ad esempio, il gelo perdurò dal 25 Dicembre al 02 Febbraio, e fu gelo privo di neve, tanto che furono distrutti tutti i raccolti e perirono gli alberi, in quanto il terreno gelò per oltre un metro e venti in profondità.

    Nel terribile inverno del 1408 la neve ed il ghiaccio perdurarono per oltre 14 settimane, tra Dicembre e Marzo.

    Ma la prima vera notizia di uno spettacolo tenuto sopra il Tamigi gelato risale soltanto al 1564, in epoca Elisabettiana, agli inizi della fase fredda della PEG.
    In questo caso venne festeggiato il Capodanno arrostendo dei buoi sotto al Ponte di Londra.

    Seguirono i grandi festeggiamenti tenuti sul Tamigi nel rigidissimo inverno 1607-08, quando, tra Dicembre e Gennaio, il fiume gelò più volte, e, stavolta, si verificò una vera e propria "invasione" da parte dei cittadini londinesi.
    Soprattutto nel periodo più freddo, tra il 10 ed il 15 Gennaio, si aprirono negozi di barbieri, si arrostirono buoi e pecore, si tennero balli e danze sul fiume gelato, si bevve vino e birra.
    In pratica, si inaugurò una vera e propria "tradizione" di passatempi invernali quando il clima si faceva così rigido da gelare il grande fiume inglese.

    Questi eventi si ripeterono soprattutto nell'Inverno più rigido di tutti, il 1683-84, con il Tamigi che gelò per 11 settimane consecutive, e con uno spessore del ghiaccio che raggiunse quasi 30 cm.

    Da un'illustrazione dell'epoca, possiamo farci un'idea dei divertimenti che si usavano all'epoca, e di come fosse costruita una vera e propria "città del ghiaccio" sopra il corso del fiume.

    Una grande via, chiamata "Temple street", attraversava il fiume per la sua larghezza, ed era delimitata da grandi tendoni, alla sua destra ed alla sua sinistra.

    In essi erano presenti negozi di macelleria, di rosticceria (si arrostivano pecore e buoi), negozi di barbiere, e perfino centri di "stampa", dove venivano vendute stampe per celebrare questo avvenimento!
    Ma, ovviamente, le più frequentate erano le osterie, dove, con vino e birra, ci si poteva riscaldare contro il grande freddo!

    Oltre a questa grande via sul ghiaccio, fervevano altri divertimenti: i Signori amavano passeggiare in carrozza lungo tutto il corso del fiume, mentre altri divertimenti erano le piccole barche dotate di slitte, e trainate da adulti che portavano i bambini a divertirsi (un po' come i trenini dei luna park odierni).

    Un altro grande divertimento era costituito dalla caccia alla volpe lanciata sul fiume congelato.

    Il pattinaggio era un altro dei divertimenti, anche se probabilmente con i primi rudimentali pattini in legno, che iniziavano a diffondersi proprio a partire dal Seicento, originari dell'Olanda.

    Si giocava anche a bocce, sul fiume gelato, ed, infine, si giocavano partite a pallone!
    Il gioco, denominato proprio "foot-ball", veniva praticato anche all'epoca, tanto che, in questa forma, solo palla al piede, possiamo veramente considerare gli Inglesi come gli inventori di questo divertimento.

    Se questi erano i divertimenti usati all'epoca, in realtà non molto differenti da quelli in uso ai nostri tempi, è purtroppo scomparsa l'abitudine di effettuarli sopra il corso gelato del fiume.

    Come detto, il Tamigi non gela più in modo profondo dal 1814, e probabilmente, essendo cambiate le circostanze, non succederà più neanche se dovessero ritornare i tempi di una nuova PEG!

    Marco Rossi
    Meteo Giornale
    Dati on line:

    Ulteriora mirari, praesentia sequi

    Commenta


    • #32
      Re: Quando 29 e 56 impallidiscono...

      LAGUNA




      Stazione meteo di Camporosso:

      Stazione meteo Valico di Fusine:

      Web Cam Valico Fusine 850m:

      Commenta


      • #33
        Re: Quando 29 e 56 impallidiscono...

        Spettacolari Lukeud!! Che anno era??

        Commenta


        • #34
          Re: Quando 29 e 56 impallidiscono...

          Quadro di Hendrick Avercamp (1585-1663) che raffigura il Tamigi gelato


          Dati on line:

          Ulteriora mirari, praesentia sequi

          Commenta


          • #35
            Re: Quando 29 e 56 impallidiscono...

            Originariamente inviato da Gian1976
            Spettacolari Lukeud!! Che anno era??

            1929
            Stazione meteo di Camporosso:

            Stazione meteo Valico di Fusine:

            Web Cam Valico Fusine 850m:

            Commenta


            • #36
              Re: Quando 29 e 56 impallidiscono...

              Originariamente inviato da lukeud
              Originariamente inviato da Gian1976
              Spettacolari Lukeud!! Che anno era??

              1929
              Spettacolo!!

              peRFect

              Commenta


              • #37
                Re: Quando 29 e 56 impallidiscono...

                sempre 1929

                il Piave gelato

                Stazione meteo di Camporosso:

                Stazione meteo Valico di Fusine:

                Web Cam Valico Fusine 850m:

                Commenta


                • #38
                  Re: Quando 29 e 56 impallidiscono...

                  Dati on line:

                  Ulteriora mirari, praesentia sequi

                  Commenta


                  • #39
                    Re: Quando 29 e 56 impallidiscono...

                    Dati on line:

                    Ulteriora mirari, praesentia sequi

                    Commenta


                    • #40
                      Re: Quando 29 e 56 impallidiscono...

                      1954

                      Trieste



                      Stazione meteo di Camporosso:

                      Stazione meteo Valico di Fusine:

                      Web Cam Valico Fusine 850m:

                      Commenta


                      • #41
                        Re: Quando 29 e 56 impallidiscono...

                        Ogni tanto capita ancora, parzialmente...

                        http://www.canoaclubmestre.it/gallery2/ ... 1.JPG.html




                        Dati on line:

                        Ulteriora mirari, praesentia sequi

                        Commenta


                        • #42
                          Re: Quando 29 e 56 impallidiscono...

                          You tube


                          http://www.youtube.com/watch?v=TFz9a66f ... ata_player
                          Dati on line:

                          Ulteriora mirari, praesentia sequi

                          Commenta


                          • #43
                            Re: Quando 29 e 56 impallidiscono...

                            @Tamigi: oggi sarebbe molto difficile che geli, è navigabile (quindi regolarmente percorso e dragato), ci si scaricano molti reflui urbani (caldi) e ci sono molti più ponti con molti più piloni, dunque corrente più forte e meno punti dove rallentare il flusso d'acqua. Più che la PEG, ci vorrebbe un clima tipo Mosca per righiacciarlo così duramente
                            Un esempio in piccolo sono i canali del centro di Padova: anche in situazioni molto rigide, tipo dicembre 2001 o dicembre 2009, ormai non gelano più se non per un velo, tanti sono gli "scarichi caldi", è più facile che ghiaccino certi fiumi o la Laguna vedi anche l'immagine di Philip (anch'io ce l'ho, salvata sul pc dell'ufficio!) L'unico, fu sotto Natale 2003 il Naviglio Interno, alla Specola: non era freddissimo, ma una paratia lo chiudeva per lavori e così l'acqua stagnante ghiacciò ghiaccio che reggeva il lancio di sassi dal ponte, eh!
                            Sotto la neve pane, sotto la pioggia fame - odio lo scirocco - gelo fan club.

                            Io che ho provato il clima mediterraneo dico: che noia!

                            Commenta


                            • #44
                              Re: Quando 29 e 56 impallidiscono...

                              Isonzo 1985... Si poteva camminare sopra...peccato che io non c ero ancora:'( ma tornera' prima o poi:)
                              Il mio blog meteo:

                              Commenta


                              • #45
                                Re: Quando 29 e 56 impallidiscono...

                                Originariamente inviato da FilTur
                                @Tamigi: oggi sarebbe molto difficile che geli, è navigabile (quindi regolarmente percorso e dragato), ci si scaricano molti reflui urbani (caldi) e ci sono molti più ponti con molti più piloni, dunque corrente più forte e meno punti dove rallentare il flusso d'acqua. Più che la PEG, ci vorrebbe un clima tipo Mosca per righiacciarlo così duramente
                                Un esempio in piccolo sono i canali del centro di Padova: anche in situazioni molto rigide, tipo dicembre 2001 o dicembre 2009, ormai non gelano più se non per un velo, tanti sono gli "scarichi caldi", è più facile che ghiaccino certi fiumi o la Laguna vedi anche l'immagine di Philip (anch'io ce l'ho, salvata sul pc dell'ufficio!) L'unico, fu sotto Natale 2003 il Naviglio Interno, alla Specola: non era freddissimo, ma una paratia lo chiudeva per lavori e così l'acqua stagnante ghiacciò ghiaccio che reggeva il lancio di sassi dal ponte, eh!
                                e' vero
                                probabilmente se non fosse stato navigabile come nel periodo della PEG,si sarebbe ghiacciato almeno parzialmente nel 2009-2010..non credi?

                                Commenta

                                Sto operando...
                                X