annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Come funzionano gli spaghi Gfs?

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Come funzionano gli spaghi Gfs?

    Dobbiamo metterci in testa che non esistono run sbagliati o sballati, magari esistono modelli migliori o peggiori, ma il perché è un altro discorso non difficile da capire. Quando sostengo che il run ufficiale è il migliore, mi riferisco dal punto di vista “operazionale”, ha una griglia migliore, ed è stato sviluppato per essere la “punta di diamante” del modello. Tutto ciò che gli gira attorno, altri run o cluster, sono variabili al run di controllo (spago blu), e di categoria decisamente inferiore.
    Il fatto che il run ufficiale non mantenga la stessa visione e “balli”, dipende dalle caratteristiche del modello, l’orografia e altre cose, ma soprattutto è un problema di natura deterministica. L’orografia semplificata spiega per esempio il perché una irruzione di aria continentale/pellicolare viene predetta con fatica dai modelli, mentre altre masse d’aria con uno spessore diverso sono facilmente prevedibili (centrano poco le rilevazioni sinottiche insufficienti nell’est Europa).
    Una volta che si impostano i dati di partenza, cioè si compone la griglia (principalmente con dati di back-ground o di “first-guest” utilizzando il metodo dell’optmal interpolation) si procede allo sviluppo del run. A proposito, la differenza tra i vari run 00z, 06z, 12z, 18z in termini di affidabilità è minima, praticamente inesistente grazie al first-guest.
    In seguito ottenuta la griglia, tramite le risoluzione delle equazioni di Navier-Stokes, della termodinamica, di continuità, di evoluzione del vapore acqueo, del stato dei gas, di idrostatica ecc… si crea una possibile interpretazione, cioè una visione probabile e non manipolata di quello che succederà.
    Siamo noi che pretendiamo di fare una previsione a 180h guardando un run, in realtà sbagliamo perché dovremmo utilizzare le varie emissioni, cercando di cogliere quel particolare che ci aiuti a formulare una previsione. Ogni run è uno strumento, anche il run ufficiale che fatur bolla come “chiavica”.
    Socio fondatore M3V

    http://www.meteovicenza.altervista.org/

    Baroni: "La meteorologia é da considerarsi scienza inesatta, che spesso elabora dati incompleti con metodi discutibili per fornire previsioni inaffidabili."

    Ghiaccio NELLA macchina? Menù bambini se possibile.
    INVITA i tuoi amici a cliccare MI PIACE => €€€
    Condividete tutti, farà felici i vostri amici!
    ;66)));66)));66)))

  • #2
    Più che per gli spaghi è la "spiegazione" ultra-semplificata di come funzionano i modelli in generale (GFS, ECMWF ecc... )

    qualche dato:

    Reading risoluzione:

    Run ufficiale è passato da un anno da T511 a T719 (penso sui 25 km)
    Ens ECMWF da T255 a T399


    DWD risoluzione:
    I modelli usati attualmente al DWD su una base sistematica includono un modello locale di alta risoluzione (LM) con una lunghezza di griglia di 7km per la zona dell'Europa centrale. Mentre nel modello globale (denominato GME) si ha una lunghezza di griglia di 60 chilometri.

    GFS risoluzione:
    poco tempo fa la risoluzione del modello GFS è stata migliorata in quanto a sua volta è stato potenziato il calcolatore.
    Attualmente GFS è passato da una risoluzione da T254 (55 chilometri) a T382 (35 chilometri)
    • Vecchio: T254/L64 (0-84 h) T170/L42 (84-180h, T126/L28 a 384h
    • Nuovo: T382/L64 (0-180 h) T190/L64 (180-364 h)
    Per quanto riguarda gli spaghi, cioè le GEFS, c'è da dire che è un modello che lavora a parte, indipendentemente da il run ufficiale GFS, e ha una risoluzione di T126 (circa 80km) estesa oltre le 180h.
    Neo

    Nel mondo esistono 10 tipi di persone: quelli che conoscono i numeri binari e quelli che non li conoscono....

    Commenta


    • #3
      grazie per le delucidazioni ragazzi!!!! Sia Verza che Daniele!!! ottimo!!!

      Commenta


      • #4
        Originariamente inviato da Neo
        E' una spiegazione un pò povera che vale per tutti i modelli, non solo per gli spaghi

        qualche dato:

        Reading risoluzione:

        Run ufficiale è passato da un anno da T511 a T719 (penso sui 25 km)
        Ens ECMWF da T255 a T399


        DWD risoluzione:
        I modelli usati attualmente al DWD su una base sistematica includono un modello locale di alta risoluzione (LM) con una lunghezza di griglia di 7km per la zona dell'Europa centrale. Mentre nel modello globale (denominato GME) si ha una lunghezza di griglia di 60 chilometri.

        GFS risoluzione:
        poco tempo fa la risoluzione del modello GFS è stata migliorata in quanto a sua volta è stato potenziato il calcolatore.
        Attualmente GFS è passato da una risoluzione da T254 (55 chilometri) a T382 (35 chilometri)
        • Vecchio: T254/L64 (0-84 h) T170/L42 (84-180h, T126/L28 a 384h
        • Nuovo: T382/L64 (0-180 h) T190/L64 (180-364 h)
        Per quanto riguarda gli spaghi, cioè le GEFS, c'è da dire che è un modello che lavora a parte, indipendentemente da il run ufficiale GFS, e ha una risoluzione di T126 (circa 80km) estesa oltre le 180h.
        La risoluzione di un modello , non è altro che una griglia più o meno fitta sopra una certa area, ripetuta per ognuno dei vari livelli dell’atmosfera terrestre. Per i GM (global model) questa griglia avvolge l’intero globo, per i LAM (limited area model) logicamente la parte presa in esame, con dati iniziali presi dai modelli (bolam ha dati ecmwf).
        In ciascuno dei nodi di questa griglia vengono fissate le condizioni di partenza, cioè tutti i dati sinottici come temperatura ecc… Il problema di fondo è coincidere una rete sparsa di stazioni meteorologiche, con dei punti precisi. In questo caso si opera seguendo dei metodi che portano a stimare il valore in quel determinato nodo. Uno dei metodi che viene ancora usato è OI (optimal interpolation), dove i valori di una stazione vicina, vengono manipolati con dati climatologici per simulare una stazione meteo in un punto preciso (nodo).
        Attualmente nei modelli di oggi viene utilizzato il metodo first guest, dove si prendono i dati iniziali sviluppati dalla corsa precedente (es: i dati a 6h del modello 00z, vengono presi come dati iniziali a 0h del modello 06z ). Questo metodo (Cressman) elimina possibili errori di rilevazione, mancanza di dati, anomalie della rete sinottica. In questo modo vengono quasi azzerate le differenze di affidabilità tra i vari run. Questi dati poi vengono corretti dalle rilevazioni reali provenienti dalle stazioni di rilevazione qualora disponibili, e vengono elaborati.

        ...poi ci sarebbero da scrivere tante tante altre cose, l'assimilazione dei dati dei LAM, le equazioni che risolvono i modelli per fare la previsione, l'orografia dei modelli, la storia ecc... magari un giorno

        Neo

        Nel mondo esistono 10 tipi di persone: quelli che conoscono i numeri binari e quelli che non li conoscono....

        Commenta


        • #5
          http://forum.meteotriveneto.it/viewtopi ... 977#128977

          Socio fondatore M3V

          http://www.meteovicenza.altervista.org/

          Baroni: "La meteorologia é da considerarsi scienza inesatta, che spesso elabora dati incompleti con metodi discutibili per fornire previsioni inaffidabili."

          Ghiaccio NELLA macchina? Menù bambini se possibile.
          INVITA i tuoi amici a cliccare MI PIACE => €€€
          Condividete tutti, farà felici i vostri amici!
          ;66)));66)));66)))

          Commenta

          Sto operando...
          X