annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

[MODELLI] Estate 2020

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Originariamente inviato da Snoww Visualizza il messaggio
    Ciao Flavio, prima o poi ne usciremo, del resto l'estate arriva, il fatto è che abbiamo la parola reiterazione che nel clima di oggi si ripresenta sempre con maggior frequenza e lo vediamo spesso negli ultimi anni.
    Se andiamo a vedere i messaggi indietro di questo thread, noteremo come questo possibile cambio è sempre più posticipato, per il momento va così.
    E non si cambia, basta che ti vai a vedere il fratello minore di ecm come questa mattina dica:

    Altra palla in buca tra 6/7gg.
    Si, ho già visto, in effetti anche GFS va verso nuovi stimoli piovosi tra l'11 ed il 14...
    ma ti dirò di più, molti cluster vanno sotto media tra il 9 ed il 15, addirittura qualche picco il 14 intorno ai +7°
    il dopo sembra confermare instabilità fino al 21...forse davvero difficilmente raggiungeremo i 30° ...ma prima o poi ne usciremo, speriamo di non romperci le ossa a luglio...

    Commenta


    • Originariamente inviato da flavio-resana Visualizza il messaggio
      Si, ho già visto, in effetti anche GFS va verso nuovi stimoli piovosi tra l'11 ed il 14...
      ma ti dirò di più, molti cluster vanno sotto media tra il 9 ed il 15, addirittura qualche picco il 14 intorno ai +7°
      il dopo sembra confermare instabilità fino al 21...forse davvero difficilmente raggiungeremo i 30° ...ma prima o poi ne usciremo, speriamo di non romperci le ossa a luglio...
      Scusami colpa mia, lo scrivo così lo sanno anche gli altri, io per fratello minore di ecm intendo UKMO che rimane il secondo modello che io guardo dopo ecmwf.

      Riguardo al rompersi le ossa a Luglio... ne riparleremo, certo é che ora stiamo spremendo l'impossibile (giugno folle finora e lo continuerà ad essere) e lo schock quando partirà lo sentiremo inevitabilmente.

      Commenta


      • Ecco la reiterazione di oggi, mjo fermissima in fase 2, che Giugno folle....

        Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   IMG-20200607-WA0001.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 156.7 KB 
ID: 1639331

        Commenta


        • Buongiorno!

          Altra giornata interessante quella di oggi in merito ai fenomeni potenzialmente di forte intensità.
          Buono il richiamo al suolo da SE sulla media e bassa pianura veneta, utile a fornire eventuale spin.

          Oggi uscirò a fare qualche foto, sto valutando un target padovano sud orientale.

          Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   wind10.z2.21.png 
Visite: 1 
Dimensione: 428.2 KB 
ID: 1639332
          Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   pcp1h.z2.22.png 
Visite: 1 
Dimensione: 108.5 KB 
ID: 1639333

          Rispondo anche a Simone, pure io come secondo modello di riferimento utilizzo quello inglese che ha molte analogie con ECMWF a livello di struttura e inizializzazione. Risulta utile eventualmente a confermare la bontà dei calcoli di quello europeo.

          Del resto i grafici sulle performance non mentono.
          Presidente di Meteo in Veneto
          Meteorologo AMPRO - Tecnico Meteorologico Certificato WMO1083
          Fondatore e Direttivo di AMPRO, Associazione Italiana Meteo Professionisti
          Opinionista sportivo per Tva Vicenza.
          https://m.facebook.com/MeteoinVeneto

          Commenta


          • In merito alla giornata odierna, conferme giungono dalla modellistica ad area limitata su base ECMWF circa la possibilità di strutture temporalesche capaci di produrre nubifragi di particolare entità.
            Per capirci in grado di dare origine ad allagamenti lampo.

            Acqua precipitabile
            Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   pw.z2.16.png 
Visite: 1 
Dimensione: 194.3 KB 
ID: 1639335

            Theta e 850 hPa
            Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   the850.z2.16.png 
Visite: 1 
Dimensione: 163.5 KB 
ID: 1639336

            E Delta.
            Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   dthe.z2.16.png 
Visite: 1 
Dimensione: 370.0 KB 
ID: 1639337

            Condizioni favorevoli a temporali abbastanza lenti e con updraft non troppo inclinati. Con tutte le possibili conseguenze del caso.

            Ricordo agli amici forumisti e lettori che la modellistica è un supporto fondamentale al Meteorologo o Previsore, professionale o amatoriale, ma va sempre considerata fonte di un'immagine verosimile dell'evoluzione futura e non uno specchio della stessa.
            Pertanto, soprattutto in relazione a fenomeni i convettivi e quindi a mesoscala, la prevedibilità della collocazione spaziale o temporale va considerata come indicativa. E può essere (spesso lo è) soggetta a variazioni in corso d'opera, introdotte da microvariabili locali che i modelli non riescono a calcolare.
            File allegati
            Presidente di Meteo in Veneto
            Meteorologo AMPRO - Tecnico Meteorologico Certificato WMO1083
            Fondatore e Direttivo di AMPRO, Associazione Italiana Meteo Professionisti
            Opinionista sportivo per Tva Vicenza.
            https://m.facebook.com/MeteoinVeneto

            Commenta


            • Tra Padova e Venezia, soliti posti non per portare sfiga ma Dolo, Mira ecc.. sembrano le zone dove c’è spesso più convergenza.

              Commenta


              • Originariamente inviato da valdoman Visualizza il messaggio
                Tra Padova e Venezia, soliti posti non per portare sfiga ma Dolo, Mira ecc.. sembrano le zone dove c’è spesso più convergenza.
                oggi è una giornata da Castellana/Veneziano/Trevigiano, si nota pure dall'acqua precipitabile, ma anche dalla carte dei venti.
                Il richiamo da SE è favorevole a sviluppo di autorigeneranti purché venga in supporto il vento sinottico da NE (ripiego dalle prealpi), in tale circostanza la zona Castellana/Veneziano/Trevigiano può fare numeri da paura.

                Porrei però anche la attenzione sui rilievi dove specie zona Marmolada/PAle si notano condizioni per un fortissimo peggioramento e calo termico.
                Arpav portava QN a 2800, ma in seno a forti precipitazioni direi un buon 2500...
                Massima attenzione agli accumuli sopra i 2800...ci sarà il rischio di grandi valanghe spontanee una volta cessato il peggioramento.

                Commenta


                • Le schiarite in atto sulla pianura centro meridionale, peraltro ben previste da tutta la modellistica, sono una delle variabili più importanti per sostenere poi la tesi dei temporali pomeridiani.
                  Il temporale è da considerarsi macchina quasi perfetta e come tutte le macchine per funzionare necessita di ingranaggi e carburante.
                  Non può prescindere da una giusta collocazione degli "ingredienti" e chi mastica da anni Meteorologia sa quanto le schiarite del mattino risultino molto importanti per instabilizzare, attraverso l'irraggiamento, la massa d'aria e predisporla quindi a sollevamento termoconvettivo.
                  Presidente di Meteo in Veneto
                  Meteorologo AMPRO - Tecnico Meteorologico Certificato WMO1083
                  Fondatore e Direttivo di AMPRO, Associazione Italiana Meteo Professionisti
                  Opinionista sportivo per Tva Vicenza.
                  https://m.facebook.com/MeteoinVeneto

                  Commenta


                  • Di vicende nel breve ce ne sono tante che metà bastano, ma piace anche volgere sguardo un po più in la, specie se si vedono scenari interessanti (dipende dai punti di vista, come sempre)

                    Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   UW144-21.gif 
Visite: 1 
Dimensione: 45.1 KB 
ID: 1639338Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   gem-0-174.png 
Visite: 1 
Dimensione: 36.8 KB 
ID: 1639339Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   gfs-0-168.png 
Visite: 1 
Dimensione: 33.9 KB 
ID: 1639340

                    Sogno di una notte di mezzo giugno ..
                    La meteorologia è una scienza inesatta,che elabora dati incompleti,con metodi discutibili per fornire previsioni inaffidabili. [Andrea Baroni]

                    Commenta


                    • Originariamente inviato da mik94 Visualizza il messaggio
                      Di vicende nel breve ce ne sono tante che metà bastano, ma piace anche volgere sguardo un po più in la, specie se si vedono scenari interessanti (dipende dai punti di vista, come sempre)

                      [ATTACH=CONFIG]101097[/ATTACH][ATTACH=CONFIG]101098[/ATTACH][ATTACH=CONFIG]101099[/ATTACH]

                      Sogno di una notte di mezzo giugno ..
                      Avanti di blocchi a bicella...
                      Presidente di Meteo in Veneto
                      Meteorologo AMPRO - Tecnico Meteorologico Certificato WMO1083
                      Fondatore e Direttivo di AMPRO, Associazione Italiana Meteo Professionisti
                      Opinionista sportivo per Tva Vicenza.
                      https://m.facebook.com/MeteoinVeneto

                      Commenta


                      • Originariamente inviato da Marco Rabito Visualizza il messaggio
                        Ricordo agli amici forumisti e lettori che la modellistica è un supporto fondamentale al Meteorologo o Previsore, professionale o amatoriale, ma va sempre considerata fonte di un'immagine verosimile dell'evoluzione futura e non uno specchio della stessa.
                        Pertanto, soprattutto in relazione a fenomeni i convettivi e quindi a mesoscala, la prevedibilità della collocazione spaziale o temporale va considerata come indicativa. E può essere (spesso lo è) soggetta a variazioni in corso d'opera, introdotte da microvariabili locali che i modelli non riescono a calcolare.
                        Infatti per questo io ieri commentando il Lam mi ero permesso di dire ottima performances, partivo proprio dal ragionamento che giustamente hai spiegato sopra.
                        Parliamo di fenomenologia convettiva, ancora più schiettamente parliamo di temporali punto, se qualcuno crede nel 2020 un lam possa beccare l'esatto punto al km in cui si verificheranno tutte le varie celle, credo che debba rivedere le proprie conoscenze Meteorologiche basate sulla modellistica.
                        Non lo dico in maniera provocatoria sia chiaro, tutt'altro, ogni appassionato più conosce il potenziale della modellistica, e più crescerà con beneficio suo e di tutti.
                        E ve lo dice uno che non ha un gran rapporto con i calcoli di alcuni Lam di precipitazione, sono spesso moolto in contrasto con molti di loro.
                        Per fare un esempio con il Lam di ieri, ha beccato al km l'inizio della fenomenologia convettiva, perfetto... è cosa assai rara già questa rendiamocene conto.
                        Poi chiaro che la giornata ha visto altre celle partire e crescere, é parte integrante stessa della fenomenologia convettiva far partire altri "focolai".
                        È enormemente importante capire le reali potenzialità che questi Lam hanno, altrimenti i tanti che girano nel web, e i tanti colorini che si portano con loro, invece di aiutare nella comprensione dei fatti si crea ulteriore confusione con il risultato che non si impara niente.
                        Diverso il discorso se li guardiamo in autunno/inverno, li il ragionamento é chiaramente diverso da fare, ma ad ora non ci interessa.

                        Commenta


                        • Curioso soprattutto il generale allineamento ad 1 settimana (mica poco), tutti in blocco verso dinamiche medesime. Distanza importante certo e passibile di stravolgimenti, ma fa specie vedere un tale "sinergia"

                          E un fronte intertropicale che ancora zoppica nella risalita..
                          La meteorologia è una scienza inesatta,che elabora dati incompleti,con metodi discutibili per fornire previsioni inaffidabili. [Andrea Baroni]

                          Commenta


                          • Ecco perché oggi sarò là fuori...

                            Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   IMG-20200607-WA0042.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 107.9 KB 
ID: 1639341 Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   IMG-20200607-WA0043.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 2.5 KB 
ID: 1639342

                            E il testo di De Martin
                            http://www.pretemp.it/archivio/2020/...07giu2020.html
                            Presidente di Meteo in Veneto
                            Meteorologo AMPRO - Tecnico Meteorologico Certificato WMO1083
                            Fondatore e Direttivo di AMPRO, Associazione Italiana Meteo Professionisti
                            Opinionista sportivo per Tva Vicenza.
                            https://m.facebook.com/MeteoinVeneto

                            Commenta


                            • Ho dato un'occhiata ad alcuni modelli, secondo GFS il periodo piovoso (e temporalesco vista la stagione) andrá avanti per un bel po'.
                              Direi che il deficit idrico diventerà ormai sicuramente un lontano ricordo (e questo è un bene) anzi, pare che avremo belle piene di torrenti e fiumi un po' su tutta l'area alpina e padana almeno a nord del Po

                              Lascio la parola ai più esperti per i dettagli e per correggermi se ho interpretato male le carte😊

                              Commenta


                              • Originariamente inviato da Marco Rabito Visualizza il messaggio
                                Buongiorno!

                                Altra giornata interessante quella di oggi in merito ai fenomeni potenzialmente di forte intensità.
                                Buono il richiamo al suolo da SE sulla media e bassa pianura veneta, utile a fornire eventuale spin.

                                Oggi uscirò a fare qualche foto, sto valutando un target padovano sud orientale.

                                [ATTACH=CONFIG]101091[/ATTACH]
                                [ATTACH=CONFIG]101092[/ATTACH]

                                Rispondo anche a Simone, pure io come secondo modello di riferimento utilizzo quello inglese che ha molte analogie con ECMWF a livello di struttura e inizializzazione. Risulta utile eventualmente a confermare la bontà dei calcoli di quello europeo.

                                Del resto i grafici sulle performance non mentono.
                                Mi sembra che anche stavolta la convergenza sia stata ben individuata. È un continuo formarsi di nuclei in quelle zone.

                                Commenta

                                Sto operando...
                                X