annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

[MODELLI] Primavera 2020

Comprimi
Questa discussione è chiusa.
X
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Originariamente inviato da flavio-resana Visualizza il messaggio
    esatto, avrei usato anche io il termine "fuori tempo massimo", ma sappiamo bene come in meteorologia NULLA sia impossibile, basti pensare a VAIA ed altri eventi anche estremi.

    Guardavo un po' tutto quello che potrebbe accadere da qui alla prima decade, vedo cmq una certa instabilità proprio per la prima decade di giugno, come se l'interazione HP/LP potesse generare una linea di confine proprio sulla penisola Italia, ma ancor di più il dato che potrebbe farci riflettere e porre qualche spunto di riflessione è un altro: niente trentelli fino a metà giugno?
    Ecco, in un contesto di GW qualche segno contro tendenza c'è, ovviamente non possiamo che guardare ad un dato "puro" e "spoglio" (nessuna valenza) tuttavia è già un traguardo (per me).
    Ancor di più se guardiamo ad un grafico "d'insieme" (spaghetti) dove difficilmente riusciremo ad andare sopra media in libera atmosfera ed anzi... proprio a fine mese si intravvede una leggera fase sotto media unita a lieve instabilità.
    ASpetto di vedere Reading oggi come imposta i prossimi giorni, sarà molto importante perché ci darà già un primo assaggio di ottica "estiva".
    Stay tuned.
    Ciao Flavio, Immagino tu sappia come io la pensi, per me tutto questo è figlio di un vortice polare che è morto non più tardi di 15 giorni fa... sono dinamiche tardive perché tutto il resto prima è stato tardivo e quindi quasi a giugno ti ritrovi con configurazioni di altre stagioni.
    Per me questo è a tutti gli effetti figlio del Global warming più che un segnale in controtendenza.
    Io la penso cosi[emoji4]

    Commenta


    • Originariamente inviato da Snoww Visualizza il messaggio
      Ciao Flavio, Immagino tu sappia come io la pensi, per me tutto questo è figlio di un vortice polare che è morto non più tardi di 15 giorni fa... sono dinamiche tardive perché tutto il resto prima è stato tardivo e quindi quasi a giugno ti ritrovi con configurazioni di altre stagioni.
      Per me questo è a tutti gli effetti figlio del Global warming più che un segnale in controtendenza.
      Io la penso cosi[emoji4]
      viviamo troppo poco per capire cosa realmente sta accadendo, in questi anni abbiamo visto un costante aumento delle temperature medie, almeno alle nostre latitudini e più che mai si è visto un degrado dei ghiacciai (esempio lampante).
      Tuttavia, magari, tra 30 anni saremo qua a parlare di costante sotto media e ci mancheranno le giornate miti e calde dei giorni d'oggi.
      Chissà...

      cmq per il futuro non vedo grande caldo all'orizzonte e direi che forse forse ci potremmo portare verso metà giugno con ancora clima sopportabile.
      Un successone di sti tempi.

      Commenta


      • Non si può non condividere il buon umore di stamattina, con Reading che a sole 96 ore mostra questo

        Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   ECMOPEU00_96_1.png 
Visite: 1 
Dimensione: 57.8 KB 
ID: 1638896Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   ECMOPIT00_96_2.png 
Visite: 1 
Dimensione: 44.3 KB 
ID: 1638897

        E a 168 quest'altro. Io mi sentirei di dare per probabile la presenza di una goccia fredda a spasso per il centro europa in quei giorni, con traiettoria da definire.

        Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   ECMOPEU00_168_1.png 
Visite: 1 
Dimensione: 55.4 KB 
ID: 1638898

        Insomma, di carne al fuoco stamattina ce n'è e non è detto che sia solo freschino e stabile, le sorprese sono dietro l'angolo e il blocco bicellulare ci farà in ogni caso divertire. Avanti così!

        Commenta


        • Originariamente inviato da flavio-resana Visualizza il messaggio
          viviamo troppo poco per capire cosa realmente sta accadendo, in questi anni abbiamo visto un costante aumento delle temperature medie, almeno alle nostre latitudini e più che mai si è visto un degrado dei ghiacciai (esempio lampante).
          Tuttavia, magari, tra 30 anni saremo qua a parlare di costante sotto media e ci mancheranno le giornate miti e calde dei giorni d'oggi.
          Chissà...

          cmq per il futuro non vedo grande caldo all'orizzonte e direi che forse forse ci potremmo portare verso metà giugno con ancora clima sopportabile.
          Un successone di sti tempi.
          Sul discorso successone di sti tempi assolutamente si!!

          Sul discorso che forse tra 30 anni parleremo d'altro che posso dire io, nulla, nel senso che possiamo solamente attenersi a quello che oggi i dati dicono per il futuro.
          Come tu stesso hai usato il termine successione di sti tempi, sai benissimo che oggi come oggi, in estate con una giornata normale di sole si è matematicamente sopra la media, ecco perché guardare le medie oggi diventa mio giudizio un esercizio un po' così.

          Commenta


          • Originariamente inviato da GeoFede Visualizza il messaggio
            Non si può non condividere il buon umore di stamattina, con Reading che a sole 96 ore mostra questo

            [ATTACH=CONFIG]100638[/ATTACH][ATTACH=CONFIG]100639[/ATTACH]

            E a 168 quest'altro. Io mi sentirei di dare per probabile la presenza di una goccia fredda a spasso per il centro europa in quei giorni, con traiettoria da definire.

            [ATTACH=CONFIG]100640[/ATTACH]

            Insomma, di carne al fuoco stamattina ce n'è e non è detto che sia solo freschino e stabile, le sorprese sono dietro l'angolo e il blocco bicellulare ci farà in ogni caso divertire. Avanti così!
            Ciao Federico, tra la 168 e la 216 c'è quel tentativo che scrivevo questa mattina che è uno tra i più difficili, ma anche tra i più affascinanti come dinamite invernale....
            Vediamo.

            Commenta


            • Originariamente inviato da Snoww Visualizza il messaggio
              Sul discorso successone di sti tempi assolutamente si!!

              Sul discorso che forse tra 30 anni parleremo d'altro che posso dire io, nulla, nel senso che possiamo solamente attenersi a quello che oggi i dati dicono per il futuro.
              Come tu stesso hai usato il termine successione di sti tempi, sai benissimo che oggi come oggi, in estate con una giornata normale di sole si è matematicamente sopra la media, ecco perché guardare le medie oggi diventa mio giudizio un esercizio un po' così.
              Ahinoi è proprio così.
              Quello che noi chiamiamo oggi "sopramedia termico" si realizza ormai senza particolari forzanti. Hai semplificato all'estremo ma spesso e volentieri è davvero così.
              Basta una giornata di sole pieno.
              Tutto questo perché la rapidità degli effetti del riscaldamento globale qui sul territorio mediterraneo ed Europeo non ci permette nemmeno il tempo di ricalibrare le medie.
              Arpav ha stimato questo aumento termico in poco oltre 0.2 gradi medi a decennio.
              Ovvero oltre 0.6 gradi sul trentennio. Ovvero quell'intervallo che noi utilizziamo come media.
              Non esiste alcuno scenario per il futuro, peer review, che proponga un raffreddamento globale.

              Semmai un ulteriore aumento nella rapidità del riscaldamento, purtroppo.

              In merito ai prossimi giorni, dobbiamo ritenerci fortunati, l'aumento termico globale non rallenta, ma pare che il nostro territorio risenta di anomalie termiche migliori rispetto ad altre zone del mondo, ben più vaste, alle prese con pesanti anomalie calde.
              Per disporre noi di giornate gradevoli, ci saranno zone ben più ampie, sulla graticola.

              Da poterne godere finché ci sono.

              "Mors tua vita mea" e in tempo di clima che cambia così rapidamente è quantomai azzeccata.

              A titolo di esempio, il dato globale giornaliero.

              Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   gfs_world-ced_t2anom_1-day.png 
Visite: 1 
Dimensione: 204.8 KB 
ID: 1638899
              Presidente di Meteo in Veneto
              Meteorologo AMPRO - Tecnico Meteorologico Certificato WMO1083
              Fondatore e Direttivo di AMPRO, Associazione Italiana Meteo Professionisti
              Opinionista sportivo per Tva Vicenza.
              https://m.facebook.com/MeteoinVeneto

              Commenta


              • Originariamente inviato da Marco Rabito Visualizza il messaggio
                Ahinoi è proprio così.
                Quello che noi chiamiamo oggi "sopramedia termico" si realizza ormai senza particolari forzanti. Hai semplificato all'estremo ma spesso e volentieri è davvero così.
                Basta una giornata di sole pieno.
                Tutto questo perché la rapidità degli effetti del riscaldamento globale qui sul territorio mediterraneo ed Europeo non ci permette nemmeno il tempo di ricalibrare le medie.
                Arpav ha stimato questo aumento termico in poco oltre 0.2 gradi medi a decennio.
                Ovvero oltre 0.6 gradi sul trentennio. Ovvero quell'intervallo che noi utilizziamo come media.
                Non esiste alcuno scenario per il futuro, peer review, che proponga un raffreddamento globale.

                Semmai un ulteriore aumento nella rapidità del riscaldamento, purtroppo.

                In merito ai prossimi giorni, dobbiamo ritenerci fortunati, l'aumento termico globale non rallenta, ma pare che il nostro territorio risenta di anomalie termiche migliori rispetto ad altre zone del mondo, ben più vaste, alle prese con pesanti anomalie calde.
                Per disporre noi di giornate gradevoli, ci saranno zone ben più ampie, sulla graticola.

                Da poterne godere finché ci sono.

                "Mors tua vita mea" e in tempo di clima che cambia così rapidamente è quantomai azzeccata.

                sul "mors tua vita mea" concordo in toto.
                Mi sa che alla prima fiammata africana saremo noi a soffrire pesantemente, e sono altresì curioso di assistere se sto coronavirus avrà vita difficile o se sarà in grado di superare anche la barriera del caldo afoso.

                Commenta


                • Originariamente inviato da Snoww Visualizza il messaggio
                  Ciao Federico, tra la 168 e la 216 c'è quel tentativo che scrivevo questa mattina che è uno tra i più difficili, ma anche tra i più affascinanti come dinamite invernale....
                  Vediamo.
                  In inverno saremmo stati qua a parlare di "bolide gelido" con isoterme sui -15, se non di meno! Dinamica rar e di enorme fascino sì, ma anche tra le più complicate da prevedere. Condivido.

                  Commenta


                  • Vediamo giovedì sera se fa qualche rovescio, eventualmente temporalesco, anche in pianura.

                    Inviato dal mio LYA-L09 utilizzando Tapatalk
                    Dati online su

                    http://www.meteoaltavillavicentina.altervista.org/

                    http://www.meteoaltavillavicentina.altervista.org/tabella.php

                    Stazione Davis VP2 wireless con kit di ventilazione diurna

                    Commenta


                    • Originariamente inviato da GeoFede Visualizza il messaggio
                      In inverno saremmo stati qua a parlare di "bolide gelido" con isoterme sui -15, se non di meno! Dinamica rar e di enorme fascino sì, ma anche tra le più complicate da prevedere. Condivido.

                      certo che se guardo in proiezione dopo le 240 ore...mi fa na paura immane la successiva rotazione.
                      Spero vada diveramente, altrimenti in concomitanza di una risalita dell'ITCZ in aera occidentale rischiamo di avere una botta da SUD pieno con isoterme da paura.

                      Commenta


                      • Run serale che ci dice come sia una delle manovre più complicate il passaggio di un nocciolo di aria fredda a nord delle Alpi in azione retrograda cioè e/o.
                        Stasera almeno, il run palesa questa difficoltà che a dire il vero non mi stranisce visto che a fine maggio sarebbe ancora più eclatante riuscire in tale manovra.
                        Probabile che il Triveneto rimanga sotto correnti da ne fresche per più giorni, e con possibilità di instabilità pomeridiana soprattutto a ridosso dei rilievi.
                        Ma ancora non sono condizioni per far piovere dove servirebbe, le correnti dovrebbero infatti disporsi in altra direzione per portare qualcosa di più diffuso.
                        File allegati

                        Commenta


                        • Sì, andiamo incontro ad una progressiva accentuazione dell'instabilità nei prossimi giorni. Tuttavia non vedo occasioni per fenomeni particolarmente organizzati ancora e per questo aspetto bisognerà forse aspettare l'affondo più occidentale previsto per i primi di giugno, ammesso che non si risolva nell'isolamento di una goccia troppo occidentale per le nostre zone, cosa che non sorprenderebbe visto che gli ultimi due mesi sono stati un continuo tira e molla tra depressioni/discese di aria fredda balcaniche e depressioni chiuse sulla Penisola Iberica.

                          Commenta


                          • Reading serali davvero sontuose. Una retrogressione da leccarsi i baffi.

                            Commenta


                            • Originariamente inviato da GeoFede Visualizza il messaggio
                              Reading serali davvero sontuose. Una retrogressione da leccarsi i baffi.
                              A livello termico, difficile far meglio, se ci riferiamo a tener lontano il mostro.

                              A livello di instabilità chiaramente non si notano passaggi frontali veri e propri ma sono fiducioso che varie occasioni per instabilità possano accontentare più di qualcuno.

                              Aggiungiamo che col mostro lontano anche la minor evaporazione ci sarà di aiuto.
                              Presidente di Meteo in Veneto
                              Meteorologo AMPRO - Tecnico Meteorologico Certificato WMO1083
                              Fondatore e Direttivo di AMPRO, Associazione Italiana Meteo Professionisti
                              Opinionista sportivo per Tva Vicenza.
                              https://m.facebook.com/MeteoinVeneto

                              Commenta


                              • Si va a grandi linee di scand+, c'è da capire se il blocco a bicella verrà chiuso o meno.
                                Non nascondo che la speranza è di riuscire ad avere il taglio della radice.
                                Il passaggio in retrogressione a nord delle Alpi per me è fuori dalle potenzialità.

                                Commenta

                                Sto operando...
                                X