annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

NAM/AO record: che cosa sta succedendo?

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • NAM/AO record: che cosa sta succedendo?

    L’attuale dinamica atmosferica è caratterizzata da un pesante condizionamento strato, effetto anche di una scarsa interazione tra troposfera e stratosfera. Perché è importante sottolineare questo? Perché i dati in nostro possesso sono straordinari e occorre dare una spiegazione fisica ad un VP/VPS molto compatto, ad un NAM e AO record e a dei livelli di Ozono molto bassi.


    Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   fig3.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 632.1 KB 
ID: 1649246Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   fig2.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 287.8 KB 
ID: 1649247

    Premessa: supponendo di confrontare le temperature ottenute dall'equilibrio radiativo in funzione della latitudine e della quota, con la temperatura osservata, si scoprirebbe come la stratosfera invernale sia decisamente più calda rispetto a quella radiativamente calcolata. Questo fatto, che accenno solamente ma che in realtà ho approfondito in passato, ci pone davanti ad un primo ragionamento e cioè che le cause non sono di natura radiativa, ma vanno ricercate nella dinamica. Secondo ragionamento: in assenza di forzanti troposferiche la tendenza della stratosfera sarà sempre quella di raffreddarsi più velocemente.
    È ciò che sta succedendo, oggi il NAM corre verso valori eccezionali, frutto di una dinamica causale che vede la soppressione dei flussi di Calore e di Momento.

    Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   fig1.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 335.3 KB 
ID: 1649248

    Fotografando l’attimo, potremmo dire che tutto ruota intorno allo studio dell’interazione troposfera-stratosfera e più precisamente alla dinamica della propagazione dell’onda (concetti che valgono anche per spiegare in maniera esaustiva come si formano i grandi riscaldamenti stratosferici).
    La propagazione verticale può verificarsi solo se vengono soddisfatte specifiche condizioni scoperte da Charney & Drazin nel 1961: 0<U<Uc dove U rappresenta il flusso medio zonale e Uc la velocità critica di Rossby.
    - Prima condizione necessaria: la presenza di un vento zonale. Se d'inverno la propagazione è possibile (U>0), nella stratosfera estiva i venti sono orientali per cui tale condizione è irrealizzabile.
    - Seconda condizione necessaria: U<Uc: se i venti sono occidentali, ma troppo “forti”, non c'è possibilità di propagazione.
    [La velocità critica di Rossby (Uc) è un valore calcolato che deriva dalla scala orizzontale delle ondulazioni, il che significa che la propagazione verticale dipende da vari aspetti legati al wavenumber zonale (Charney & Drazin avevano stimato un Uc=38 m/sec per un disturbo dell'onda zonale numero 2, mentre l'onda zonale numero 1 un Uc=57m/sec.). In pratica, se valutiamo l’insieme delle ondulazioni di Rossby (N), è importante considerare che al crescere di N diminuisce la lunghezza delle onde, aumenta la velocità di gruppo e si restringe la possibilità di propagazione].
    La conseguenza della seconda condizione porta la stratosfera verso l’equilibrio radiativo: tutto va nella direzione di un raffreddamento e un approfondimento del VPS. Il NAM passa così a valori positivi, le velocità zonali aumentano e si chiude ogni possibilità di propagazione. NAM record, AO Record, VP compatto. Anche i livelli di ozono stratosferico sono ai minimi in quanto il trasporto avviene anche attraverso la propagazione dei flussi.

    Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   fig4.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 259.1 KB 
ID: 1649249

    Ho provato a dare una spiegazione dinamica, lasciando da parte aspetti (in realtà estremamente importanti) quali per esempio la situazione dei ghiacci autunnale.
    Oggi non è sufficiente studiare le TLC se non si conoscono le basi della propagazione dell’onda. Possiamo avere una buona ondulazione (sperando per esempio nella MJO), ma se essa assume caratteristiche stanziali con assenza d’interazione tra onda e flusso zonale, la propagazione risulterà comunque nulla (le possibilità di un SSW saranno ZERO). Questo è semplicemente un modo diverso di interpretare il primo teorema di Eliassen e Palm.
    Daniele Campello

  • #2
    Concetti molto interessanti e, come ben detto, necessari per fare una comprensione più approfondita della situazione attuale.
    Intervento estremamente apprezzato, grazie Neo!
    Davis Vantage PRO 2 - Volpago del Montello (170mslm)
    Monitoraggio dei siti freddi del Montello (Valle di Piero Gobbo) e dei colli Berici (Busa Maran)
    Tutti i dati su: http://montellometeo.altervista.org

    Commenta


    • #3
      Ciao Neo, quello che scrivi si può osservare anche a livello troposferico? Perché osservando questa mappa abbiamo una zonalita’ esasperata con venti occidentali appunto troppo forti, impossibile quindi avere dei flussi che vadano a riscaldare la stratosfera?
      Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   5045BDCA-F526-48C0-AA26-DB3B4773AFD5-3618-00000355DFA47155.png 
Visite: 1 
Dimensione: 170.9 KB 
ID: 1632864


      Inviato dal mio iPad utilizzando Tapatalk
      Stazione meteo Davis Vantage Pro2
      Valdobbiadene (fraz. S.Pietro di Barbozza)
      http://my.meteonetwork.it/station/vnt201/

      Stazione meteo Davis Vantage Pro2
      Caplani (Moldavia)
      http://my.meteonetwork.it/station/md0001/

      Commenta


      • #4
        Originariamente inviato da valdoman Visualizza il messaggio
        Ciao Neo, quello che scrivi si può osservare anche a livello troposferico? Perché osservando questa mappa abbiamo una zonalita’ esasperata con venti occidentali appunto troppo forti, impossibile quindi avere dei flussi che vadano a riscaldare la stratosfera?
        [ATTACH]97987[/ATTACH]


        Inviato dal mio iPad utilizzando Tapatalk
        Si, mi riferisco alla troposfera quando parlo di propagazione (ora praticamente impossibile).
        Ciao

        Inviato dal mio BKL-L09 utilizzando Tapatalk
        Daniele Campello

        Commenta


        • #5
          Originariamente inviato da Neo Visualizza il messaggio
          Si, mi riferisco alla troposfera quando parlo di propagazione (ora praticamente impossibile).
          Ciao

          Inviato dal mio BKL-L09 utilizzando Tapatalk

          esatto, noi con terminologia più "comune" la chiamiamo PIALLATA ^_^
          rende veramente bene l'idea di quanto espresso fin d'ora.
          Credo e ne sono fermamente convinto che questo non sia collegato al GW bensì ad una ciclicità che fa parte della climatologia terrena, non ancora ben capita dall'uomo e di difficile comprensione alle persone comuni.
          Grazie per la chiacchierata e chissà che nei prossimi mesi si sblocchi un pochino la situazione perché l'annata 2019/20 verrà ricordata veramente a lungo.

          Commenta


          • #6
            Ciao Daniele, mi piace molto quando nella parte finale parli di questa interpretazione perché significa che anche se parliamo di climatologia e di freddi dati, devono anche loro essere letti nel giusto modo.
            Lo trovo per certi versi una copia di quello che poi é a tutti gli effetti il conoscere il tempo a casa nostra, capire la possibile evoluzione a seconda del tipo di circolazione che abbiamo ech...
            Mi spiego con un esempio attuale, non basta avere uno 0 termico che si avvicina a 4000m per avere 25° al piano......ci sono elementi che vanno letti e studiati al momento giusto per poi capire effettivamente quali saranno gli effetti.
            Lo stesso se prendiamo quello che tu hai detto, esistono indici che possono spiegare un certo tipo di possibile evoluzione, ma come dici te bisogna saperli interpretare.
            La famosa causa/effetto, sembra nulla ma non lo é affatto.
            Dimmi se mi sbaglio, ma chi si cimenta su certi argomenti e indici climatologici, può rischiare il corto circuito quando prende un dato e lo legge per quello che é, senza una adeguata interpretazione nell'attuale contesto in cui si manifesta.
            È, per certi versi, come é successo nella Meteorologia classica, dove negli ultimi anni si sono fatti passi da gigante su molti aspetti tecnici, modellistica, interpretazione del territorio con una maggiore conoscenza applicata al pratico.
            È un po' un caxino il mio discorso.... ma credo di averti fatto capire cosa intendo, una maniera passami il termine "diversa" e per certi versi rivoluzionaria di saper anche interpretare segnali dall'alto.
            Noi oggi possiamo sapere il perché succedono determinate cose (per esempio un VP così oggi ne conosciamo la causa), e forse 15 anni fa non potevamo ancora capirne i motivi principali del perché.....
            Forse roba difficile, ma é anche vero che chi studia i risultati li trova, e la conoscenza cresce sempre...
            Quello che 10 anni fa era utopia oggi non lo é.... mi verrebbe da dire su qualsiasi campo... é la vita.
            Io colgo un passo importante nel tuo messaggio, uno step per certi versi prendendo come base gli studi effettuarli da scienziati ma contestualizzandoli al periodo superveloce a livello climatologico che stiamo vivendo.
            Dimmi se mi sbaglio e... Complimenti sempre per la tua profondità e voglia di conoscere.

            Commenta


            • #7
              Originariamente inviato da Snoww Visualizza il messaggio
              Ciao Daniele, mi piace molto quando nella parte finale parli di questa interpretazione perché significa che anche se parliamo di climatologia e di freddi dati, devono anche loro essere letti nel giusto modo.
              Lo trovo per certi versi una copia di quello che poi é a tutti gli effetti il conoscere il tempo a casa nostra, capire la possibile evoluzione a seconda del tipo di circolazione che abbiamo ech...
              Mi spiego con un esempio attuale, non basta avere uno 0 termico che si avvicina a 4000m per avere 25° al piano......ci sono elementi che vanno letti e studiati al momento giusto per poi capire effettivamente quali saranno gli effetti.
              Lo stesso se prendiamo quello che tu hai detto, esistono indici che possono spiegare un certo tipo di possibile evoluzione, ma come dici te bisogna saperli interpretare.
              La famosa causa/effetto, sembra nulla ma non lo é affatto.
              Dimmi se mi sbaglio, ma chi si cimenta su certi argomenti e indici climatologici, può rischiare il corto circuito quando prende un dato e lo legge per quello che é, senza una adeguata interpretazione nell'attuale contesto in cui si manifesta.
              È, per certi versi, come é successo nella Meteorologia classica, dove negli ultimi anni si sono fatti passi da gigante su molti aspetti tecnici, modellistica, interpretazione del territorio con una maggiore conoscenza applicata al pratico.
              È un po' un caxino il mio discorso.... ma credo di averti fatto capire cosa intendo, una maniera passami il termine "diversa" e per certi versi rivoluzionaria di saper anche interpretare segnali dall'alto.
              Noi oggi possiamo sapere il perché succedono determinate cose (per esempio un VP così oggi ne conosciamo la causa), e forse 15 anni fa non potevamo ancora capirne i motivi principali del perché.....
              Forse roba difficile, ma é anche vero che chi studia i risultati li trova, e la conoscenza cresce sempre...
              Quello che 10 anni fa era utopia oggi non lo é.... mi verrebbe da dire su qualsiasi campo... é la vita.
              Io colgo un passo importante nel tuo messaggio, uno step per certi versi prendendo come base gli studi effettuarli da scienziati ma contestualizzandoli al periodo superveloce a livello climatologico che stiamo vivendo.
              Dimmi se mi sbaglio e... Complimenti sempre per la tua profondità e voglia di conoscere.
              È corretto Simone, non basta infatti osservare le TLC per sperare in una risposta stratosferica se poi non ci sono poi le condizioni per la propagazione. Il risultato sarà magari una bilobazione del VP che si noterà fino in media stratosfera, con in realtà una scarsa interazione e successivo rafforzamento del Nam (è ciò che è successo in questo inverno). Le situazioni vanno interpretate sempre, nel piccolo come nel grande.

              Mi interessava far notare l'importanza dell'interazione tropo/strato in questa situazione. Non con teorie, ma con spiegazione fisica in grado di sottolineare come la dinamica attraverso gli eddies sia in grado di modificare la circolazione nella stratosfera invernale, sia in termini di accelerazione del flusso zonale, che in termini di rallentamento: l’assorbimento di energia susseguente alla rottura delle onde planetarie è quello che di fatto riscalda o comunque modifica la media atmosfera. L'assenza di tale meccanismo porta in stratosfera (e poi la troposfera) ad un rafforzamento del vortice polare.

              Inviato dal mio BKL-L09 utilizzando Tapatalk
              Daniele Campello

              Commenta


              • #8
                Originariamente inviato da Neo Visualizza il messaggio
                L’attuale dinamica atmosferica è caratterizzata da un pesante condizionamento strato, effetto anche di una scarsa interazione tra troposfera e stratosfera. Perché è importante sottolineare questo? Perché i dati in nostro possesso sono straordinari e occorre dare una spiegazione fisica ad un VP/VPS molto compatto, ad un NAM e AO record e a dei livelli di Ozono molto bassi.


                [ATTACH=CONFIG]97977[/ATTACH][ATTACH=CONFIG]97978[/ATTACH]

                Premessa: supponendo di confrontare le temperature ottenute dall'equilibrio radiativo in funzione della latitudine e della quota, con la temperatura osservata, si scoprirebbe come la stratosfera invernale sia decisamente più calda rispetto a quella radiativamente calcolata. Questo fatto, che accenno solamente ma che in realtà ho approfondito in passato, ci pone davanti ad un primo ragionamento e cioè che le cause non sono di natura radiativa, ma vanno ricercate nella dinamica. Secondo ragionamento: in assenza di forzanti troposferiche la tendenza della stratosfera sarà sempre quella di raffreddarsi più velocemente.
                È ciò che sta succedendo, oggi il NAM corre verso valori eccezionali, frutto di una dinamica causale che vede la soppressione dei flussi di Calore e di Momento.

                [ATTACH=CONFIG]97979[/ATTACH]

                Fotografando l’attimo, potremmo dire che tutto ruota intorno allo studio dell’interazione troposfera-stratosfera e più precisamente alla dinamica della propagazione dell’onda (concetti che valgono anche per spiegare in maniera esaustiva come si formano i grandi riscaldamenti stratosferici).
                La propagazione verticale può verificarsi solo se vengono soddisfatte specifiche condizioni scoperte da Charney & Drazin nel 1961: 0<U<Uc dove U rappresenta il flusso medio zonale e Uc la velocità critica di Rossby.
                - Prima condizione necessaria: la presenza di un vento zonale. Se d'inverno la propagazione è possibile (U>0), nella stratosfera estiva i venti sono orientali per cui tale condizione è irrealizzabile.
                - Seconda condizione necessaria: U<Uc: se i venti sono occidentali, ma troppo “forti”, non c'è possibilità di propagazione.
                [La velocità critica di Rossby (Uc) è un valore calcolato che deriva dalla scala orizzontale delle ondulazioni, il che significa che la propagazione verticale dipende da vari aspetti legati al wavenumber zonale (Charney & Drazin avevano stimato un Uc=38 m/sec per un disturbo dell'onda zonale numero 2, mentre l'onda zonale numero 1 un Uc=57m/sec.). In pratica, se valutiamo l’insieme delle ondulazioni di Rossby (N), è importante considerare che al crescere di N diminuisce la lunghezza delle onde, aumenta la velocità di gruppo e si restringe la possibilità di propagazione].
                La conseguenza della seconda condizione porta la stratosfera verso l’equilibrio radiativo: tutto va nella direzione di un raffreddamento e un approfondimento del VPS. Il NAM passa così a valori positivi, le velocità zonali aumentano e si chiude ogni possibilità di propagazione. NAM record, AO Record, VP compatto. Anche i livelli di ozono stratosferico sono ai minimi in quanto il trasporto avviene anche attraverso la propagazione dei flussi.

                [ATTACH=CONFIG]97980[/ATTACH]

                Ho provato a dare una spiegazione dinamica, lasciando da parte aspetti (in realtà estremamente importanti) quali per esempio la situazione dei ghiacci autunnale.
                Oggi non è sufficiente studiare le TLC se non si conoscono le basi della propagazione dell’onda. Possiamo avere una buona ondulazione (sperando per esempio nella MJO), ma se essa assume caratteristiche stanziali con assenza d’interazione tra onda e flusso zonale, la propagazione risulterà comunque nulla (le possibilità di un SSW saranno ZERO). Questo è semplicemente un modo diverso di interpretare il primo teorema di Eliassen e Palm.

                Ciao Daniele,

                ottimo come sempre!

                Intervengo nel quoting rispetto la parte ingrassettata per evidenziare proprio come le anomalìe di fine estate e di inizio autunno (segnatamente nei mesi di settembre e ottobre) oggi ci forniscano una sconfortante chiave di lettura in merito a quanto evidenziato.

                Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   Cattura.JPG 
Visite: 1 
Dimensione: 96.6 KB 
ID: 1632868

                Un gradiente sempre più debole tra polo e tropici in troposfera nei mesi di settembre / ottobre (quelli in cui il vps riparte fino ad entrare già quasi a regime verso metà novembre) è all'origine di velocità zonali emisferiche troppo deboli per costruire flussi di calore e di momento attraverso le onde di Rossby e in grado di oltrepassare la barriera della tropopausa ove peraltro recenti studi hanno evidenziato che a far barriera agli eddies contribuisce anche un maggiore tasso di umidità che rimane ivi intrappolato a causa del maggior calore sensibile e latente derivante dalla fusione dei ghiacci artici.
                L'asincronia sempre più marcata tra l'evoluzione del vpt rispetto al vps (che segue processi di raffreddamento radiativo) e il mancato o debole trasporto di calore dalla troposfera rendono molto rapido l'evoluzione e l'approfondimento del vortice stratosferico e assai più soventi episodi di eventi stratosferici estremi.

                Non credo sia casuale che nello scorso autunno, il record relativo per il mese di ottobre della più bassa estensione di ghiacci, abbia peraltro potuto influenzare anche il trasporto di ozono stratosferico la cui quantità appare nelle regioni polari in pesante deficit.
                Questo ad oggi, oltre a fattori di natura dinamica, legati ai forcing troposferici, è forte indiziato riguardo la permanenza in condizioni di forte strat cooling con vps molto freddo e profondo anche in alta stratosfera nonostante l'avanzamento stagionale.

                Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   Cattura.JPG 
Visite: 1 
Dimensione: 86.7 KB 
ID: 1632869

                Commenta


                • #9
                  Intervento veramente stimolante quello di Daniele. La crisi dei flussi di calore nasce probabilmente con una significativa diminuzione dell'area di albedo. L' albedo in artico avviene nel semestre caldo nel periodo inter-equinoziale. Diminuendo l'albedo, ad agosto quando nasce il VPS, le intrusioni calde arrivano sul Polo Nord con poco sacrificio di energia e da ogni longitudine. Continuano in settembre-ottobre quando il VPS inizia ad approfondirsi. La velocità media zonale si annulla o diventa negativa.

                  Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   anamaly heat flow.PNG 
Visite: 1 
Dimensione: 235.5 KB 
ID: 1632875

                  Il disallineamento tra un vortice polare inibito e una stratosfera in pieno approfondimento radiativo non permette un’efficace trasmissione dei flussi di calore. La trasmissione infatti deve avvenire sulla terza dimensione spaziale alla stessa maniera di quella sul piano emisferico e quindi deve muoversi da una zona periferica alle medio-basse latitudini e avere una componente latitudinale non nulla, paragonabile a quella longitudinale.
                  Per essere efficace ciò deve avvenire su un numero molto limitato di aree geografiche. Al contrario avremo un alto wavenumbers, la velocità media zonale supera la velocità critica di Rossby (U>Uc) e non si ha più trasmissione.
                  Con una velocità media zonale annullata o negativa (U<0), i flussi di calore che arrivano sull'artico e quelli che salgono verticalmente dalla zona convettiva intertropicale, giunti in tropopausa si miscelano indistintamente su una vasta porzione dell’emisfero nord. Essendo calore latente siamo di fronte ad un fenomeno che prima della crisi artica era trascurabile ma adesso non più. La serie temporale della temperatura di ottobre degli ultimi decenni vede un’alta stratosfera raffreddarsi per la mancanza di trasmissione e una bassa stratosfera che non riesce a seguire lo stesso comportamento. E’ possibile che ciò avvenga per il calore latente intrappolato sotto, ovvero per un significativo irraggiamento della bassa stratosfera nel campo dell’infrarosso ?
                  Non appena viene meno il carburante di questi flussi, e quindi in inverno avanzato, il vortice polare si rafforza su tutta la colonna sintonizzandosi tra troposfera e stratosfera (AO>>0). Questo comportamento, repentino e senza più argine, fa saltare il tappo e talvolta provoca un superamento della soglia del NAM. Di conseguenza la velocità media zonale supera la velocità critica di Rossby (U>Uc) e non si ha più trasmissione del flusso di calore e momento.
                  Questo non spiga ancora perché quest’anno siamo di fronte a un NAM record di 4 e oltre. Tuttavia, abbiamo. Per esempio, l’anno scorso le “buone” condizioni di trasmissibilità di calore e momento caratterizzate da U positiva ma sotto la velocità di Rossby tra agosto e ottobre, avevano portato un comportamento più aderente alla media in alcuni degli ultimi inverni. Un elemento questo che potrebbe aver sporcato l’effetto di quanto precedentemente detto.

                  Commenta


                  • #10
                    Originariamente inviato da fireplace Visualizza il messaggio
                    Intervento veramente stimolante quello di Daniele. La crisi dei flussi di calore nasce probabilmente con una significativa diminuzione dell'area di albedo. L' albedo in artico avviene nel semestre caldo nel periodo inter-equinoziale. Diminuendo l'albedo, ad agosto quando nasce il VPS, le intrusioni calde arrivano sul Polo Nord con poco sacrificio di energia e da ogni longitudine. Continuano in settembre-ottobre quando il VPS inizia ad approfondirsi. La velocità media zonale si annulla o diventa negativa.

                    [ATTACH=CONFIG]97998[/ATTACH]

                    Il disallineamento tra un vortice polare inibito e una stratosfera in pieno approfondimento radiativo non permette un’efficace trasmissione dei flussi di calore. La trasmissione infatti deve avvenire sulla terza dimensione spaziale alla stessa maniera di quella sul piano emisferico e quindi deve muoversi da una zona periferica alle medio-basse latitudini e avere una componente latitudinale non nulla, paragonabile a quella longitudinale.
                    Per essere efficace ciò deve avvenire su un numero molto limitato di aree geografiche. Al contrario avremo un alto wavenumbers, la velocità media zonale supera la velocità critica di Rossby (U>Uc) e non si ha più trasmissione.
                    Con una velocità media zonale annullata o negativa (U<0), i flussi di calore che arrivano sull'artico e quelli che salgono verticalmente dalla zona convettiva intertropicale, giunti in tropopausa si miscelano indistintamente su una vasta porzione dell’emisfero nord. Essendo calore latente siamo di fronte ad un fenomeno che prima della crisi artica era trascurabile ma adesso non più. La serie temporale della temperatura di ottobre degli ultimi decenni vede un’alta stratosfera raffreddarsi per la mancanza di trasmissione e una bassa stratosfera che non riesce a seguire lo stesso comportamento. E’ possibile che ciò avvenga per il calore latente intrappolato sotto, ovvero per un significativo irraggiamento della bassa stratosfera nel campo dell’infrarosso ?
                    Non appena viene meno il carburante di questi flussi, e quindi in inverno avanzato, il vortice polare si rafforza su tutta la colonna sintonizzandosi tra troposfera e stratosfera (AO>>0). Questo comportamento, repentino e senza più argine, fa saltare il tappo e talvolta provoca un superamento della soglia del NAM. Di conseguenza la velocità media zonale supera la velocità critica di Rossby (U>Uc) e non si ha più trasmissione del flusso di calore e momento.
                    Questo non spiga ancora perché quest’anno siamo di fronte a un NAM record di 4 e oltre. Tuttavia, abbiamo. Per esempio, l’anno scorso le “buone” condizioni di trasmissibilità di calore e momento caratterizzate da U positiva ma sotto la velocità di Rossby tra agosto e ottobre, avevano portato un comportamento più aderente alla media in alcuni degli ultimi inverni. Un elemento questo che potrebbe aver sporcato l’effetto di quanto precedentemente detto.
                    E' possibile che questa incongruenza di comportamento sia ascrivibile ad un precoce SSC (siberian snow cover) causato proprio dalla totale assenza di ghiacci autunnali sul bacino artico a nord della siberia?
                    Stiamo notando infatti che il precoce innevamento (e conseguente albedo) della Siberia centro orientale causato da cicloni artici autunnali particolarmente intensi potrebbe amplificare la tendenza ad inizio semestre freddo a sviluppare l'onda planetaria pacifica che a sua volta genera ripetuti minor warmings in grado di sfociare poi in Canadian Warming.

                    Commenta


                    • #11
                      Vi propongo una possibile traccia come spiegazione di un NAM con valori record. Occorrerebbe approfondire il tutto osservando l’anomalia verticale nei GPH che non ho davanti, comunque in linea di massima ricordo un AO- tardo autunnale e successivo CW. Qui il discorso potrebbe esser interessante in quando il Canadian Warming, alquanto in linea con la letteratura, ha mostrato però i suoi effetti in troposfera (passatemi il termine inappropriato, un piccolo ESE). Siamo a gennaio, subito ripartenza dei flussi in uno schema Wave1 pattern = SSW minor mentre in troposfera passavamo in AO+ con valori molto elevati (4+). Con questa base di partenza una volta riassorbito l’SSW la stratosfera è andata avanti senza ostacoli con NAM e AO su valori incredibili.

                      È solo una traccia che meriterebbe di esser approfondita con le anomalie di GPH davanti.
                      Che ne dite?

                      Inviato dal mio BKL-L09 utilizzando Tapatalk
                      Daniele Campello

                      Commenta


                      • #12











                        Ecco qua Neo, felicissimo di ritrovarvi sia te che Zago

                        Commenta


                        • #13
                          Originariamente inviato da Neo Visualizza il messaggio
                          Vi propongo una possibile traccia come spiegazione di un NAM con valori record. Occorrerebbe approfondire il tutto osservando l’anomalia verticale nei GPH che non ho davanti, comunque in linea di massima ricordo un AO- tardo autunnale e successivo CW. Qui il discorso potrebbe esser interessante in quando il Canadian Warming, alquanto in linea con la letteratura, ha mostrato però i suoi effetti in troposfera (passatemi il termine inappropriato, un piccolo ESE). Siamo a gennaio, subito ripartenza dei flussi in uno schema Wave1 pattern = SSW minor mentre in troposfera passavamo in AO+ con valori molto elevati (4+). Con questa base di partenza una volta riassorbito l’SSW la stratosfera è andata avanti senza ostacoli con NAM e AO su valori incredibili.

                          È solo una traccia che meriterebbe di esser approfondita con le anomalie di GPH davanti.
                          Che ne dite?

                          Inviato dal mio BKL-L09 utilizzando Tapatalk
                          Puo essere che l innesco sia il cw , ma bisognerebbe capire perché in questo mese la situazione si è incancrenita portando valori eccezionali su nam/ao/ozono ecc.
                          Probabilmente la troposfera non aveva niente da opporre(madden e enso in calo) com mancanza dell ormai "semipremanemte" Ridge sul pacifico

                          Inviato dal mio MYA-L11 utilizzando Tapatalk

                          Commenta


                          • #14
                            Originariamente inviato da bugi Visualizza il messaggio
                            Puo essere che l innesco sia il cw , ma bisognerebbe capire perché in questo mese la situazione si è incancrenita portando valori eccezionali su nam/ao/ozono ecc.
                            Probabilmente la troposfera non aveva niente da opporre(madden e enso in calo) com mancanza dell ormai "semipremanemte" Ridge sul pacifico

                            Inviato dal mio MYA-L11 utilizzando Tapatalk

                            Alex notavo alcune correlazioni tra i CW che poi "porterebbero" allo strat cooling (Ese cold: Nam =/>+1.5) o comunque a condizioni mediamente di vps strong e le condizioni di carenza di Ozono stratosferico.
                            Aggiungo questa doverosa premessa che fa il paio con le considerazioni di Daniele ovvero che la cd. Brewer Dobson Circulation è un meccanismo circolatorio messo in atto principalmente dai flussi di calore verticali.
                            Ove pertanto le condizioni di partenza durante l'autunno sfavoriscono questi ultimi, è anche probabile che possa esservi una quantità di ozono stratosferico depositato in sede polare inferiore alla media.
                            Se conosciamo poi il meccanismo che dà origine al Canadian Warming ricorderemo che:
                            - è contraddistinto da un anomalo intenso trasporto di momentum 1 (ovvero da wave 1 molto intensa);
                            - è rilevabile a 30 hpa (non a 10 come erroneamente si crede)
                            - a tale quota al forcing che dà inizio alla dislocazione del vps verso le regioni euratlantiche, decentrandolo rispetto al polo, non corrisponde uguale proporzionale riscaldamento della stratosfera polare che invece si nota maggiormente (ma non molto) alle quote superiori con la traslazione del warming dal Pacifico fino all'artico canadese pertanto:
                            - ll forcing a 30 hpa, laddove in stratosfera si concentra normalmente la maggiore quantità di ozono, appare "freddo" e comporta dinamica di contrazione della massa del vps con accelerazione zonale (come quasi tutte le dinamiche ad una sola cresta d'onda planetaria)

                            In alcuni degli anni in cui è stato registrata una dinamica di CW (cito alcuni casi estrapolati dal "the Berlin stratospheric Data Series" di Karin Labitzke), seguita da condizioni di stratosfera fredda con vps mediamente strong, si nota questa coincidenza rispetto alla situazione di carenza di O3:

                            1980/1981:

                            Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   Cattura.JPG 
Visite: 1 
Dimensione: 84.3 KB 
ID: 1632891

                            1991/1992:

                            Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   Cattura.JPG 
Visite: 1 
Dimensione: 80.9 KB 
ID: 1632892

                            e ovviamente questo (2019/2020):

                            Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   Cattura.JPG 
Visite: 1 
Dimensione: 86.9 KB 
ID: 1632893


                            Altri episodi di CW avvenuti in condizioni di ozono nella media climatologica per il mese di novembre (attorno ai 310/320 DU) o di dicembre (attorno ai 330/340 DU) o con valori superiori non furono seguiti da stratosfera particolarmente fredda.
                            Alcuni casi furono:

                            1979/1980:

                            Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   Cattura.JPG 
Visite: 1 
Dimensione: 83.2 KB 
ID: 1632895

                            1981/1982 (CW dicembrino):

                            Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   Cattura.JPG 
Visite: 1 
Dimensione: 83.3 KB 
ID: 1632896

                            1993/1994 (CW dicembrino):

                            Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   Cattura.JPG 
Visite: 1 
Dimensione: 80.5 KB 
ID: 1632897

                            2000/2001

                            Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   Cattura.JPG 
Visite: 1 
Dimensione: 82.7 KB 
ID: 1632898

                            Fu poi molto particolare il 1996/1997 ove il CW avvenne in condizioni di O3 nella norma ma poi crollo verso metà dicembre (inibizione degli heat flux) anticipando (precursore) un rapido raffreddamento della stratosfera polare e ad un forte strat cooling nel mese di gennaio;

                            Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   Cattura.JPG 
Visite: 1 
Dimensione: 83.8 KB 
ID: 1632899

                            Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   Cattura.JPG 
Visite: 1 
Dimensione: 111.2 KB 
ID: 1632900

                            Ne discende in qualche modo quanto detto in premessa nel merito dell'indubbia interazione tra i riscaldamenti stratosferici forzati da contributi di natura troposferica e quindi dinamici rispetto al minore/maggiore contributo fotochimico attribuibile alla concentrazione di ozono.

                            Commenta


                            • #15
                              Originariamente inviato da orione Visualizza il messaggio
                              E' possibile che questa incongruenza di comportamento sia ascrivibile ad un precoce SSC (siberian snow cover) causato proprio dalla totale assenza di ghiacci autunnali sul bacino artico a nord della siberia?
                              Stiamo notando infatti che il precoce innevamento (e conseguente albedo) della Siberia centro orientale causato da cicloni artici autunnali particolarmente intensi potrebbe amplificare la tendenza ad inizio semestre freddo a sviluppare l'onda planetaria pacifica che a sua volta genera ripetuti minor warmings in grado di sfociare poi in Canadian Warming.
                              Il Canadian Warming porta ad un accorpamento di massa del VPS in medio-bassa stratosfera che, finito il fenomeno di 2-4 settimane, porta ad un VPS accentrato in prima armonica alle stesse quote isobariche a cui segue un approfondimento anche alle quote superiori. Spesso è stato osservato il superamento della soglia di +1.5 del NAM spiegabile con la sola evidenza del CW ma quest'anno abbiamo superato di quasi 3 volte la soglia ESE cold laddove il precedente record era stato sotto il doppio di tale soglia.

                              Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   RECORD gfs_nh-namindex_20200219.png 
Visite: 1 
Dimensione: 129.6 KB 
ID: 1632930

                              Forse a differenza degli anni precedenti, in cui si ripete stabilmente il precoce SSW in ottobre, quest'anno abbiamo avuto un maggior numero e più forti minor warming in grado di aver prodotto un CW di dimensioni paragonabili a quelle del NAM attuale ?

                              Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   NAM+CW.PNG 
Visite: 1 
Dimensione: 284.6 KB 
ID: 1632929

                              Commenta

                              Sto operando...
                              X