annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

[O.T.] Notizie meteo dall'Italia 2020

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Originariamente inviato da Francesco. Visualizza il messaggio
    Alluvione lampo a Palermo. 130 mm e 2 morti, a quanto ho letto.
    Impressionanti le bizzarrie nella distribuzione geografica dei temporali estivi che si osservano da qualche anno. Questo eccezionale evento che è stato in grado di scaricare in poche ore fino a 10 volte il quantitativo medio di luglio capita ad appena due anni di distanza dall'agosto 2018 che aveva sbaragliato i precedenti primati di piovosità in buona parte della Sicilia.

    Commenta


    • Scritta da un conoscente su facebook.
      La stazione meteorologica sias di Palermo Uditore, accanto le zone allagate ha rilevato 134 mm, dei quali 83 mm in 1 ora tra le 16,55 e la 17,55 una cosa mai accaduta a Palermo dal 1797. La media della pioggia nel mese di luglio a Palermo è attorno ai 6 mm circa in 1giorno medio. Si tratta di un valore che esce fuori da ogni range immaginabile per il mese di luglio. Sarebbe importante già in qualunque mese dell'anno, questo valore lo è ancor di più a luglio.

      Inviato dal mio moto g(6) plus utilizzando Tapatalk

      Commenta


      • Episodio terribile, insidioso e imprevisto quello di Palermo.

        Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   IMG-20200715-WA0109.jpg 
Visite: 193 
Dimensione: 60.9 KB 
ID: 1686774

        Purtroppo a dimostrazione per l'ennesima volta di quanto l'attività convettiva, anche di particolare intensità, può essere innescata da triggering modesti e legati a situazioni estremamente locali nemmeno entro il passo di griglia della modellistica ad alta risoluzione.

        Sta di fatto che questo evento meteorologico con conseguenze drammatiche non è stato ben interpretato da nessuno.

        Non per incapacità, non per inesperienza, semplicemente perché fattori e forzanti a microscala non sono correttamente risolte dal calcolo modellistico.

        Per questo quando si chiedono tempistiche o collocazione esatta dei temporali la risposta più corretta rimane che non è possibile fornire queste informazioni in assenza di sollevamento forzato da un fronte.

        Solo la presenza di un fronte aumenta notevolmente la predicibilità in tempi ragionevoli.

        Non era il caso odierno, con le convergenze e un pò di orografia a condurre le pratiche per la tragedia.

        Clicca sull'immagine per ingrandirla.   Nome:   IMG-20200715-WA0105.jpg  Visite: 0  Dimensione: 241.5 KB  ID: 1686766Clicca sull'immagine per ingrandirla.   Nome:   IMG-20200715-WA0106.jpg  Visite: 0  Dimensione: 211.1 KB  ID: 1686767Clicca sull'immagine per ingrandirla.   Nome:   IMG-20200715-WA0107.jpg  Visite: 0  Dimensione: 71.5 KB  ID: 1686768Clicca sull'immagine per ingrandirla.   Nome:   IMG-20200715-WA0108.jpg  Visite: 0  Dimensione: 65.1 KB  ID: 1686769

        Solo ESTOFEX qualcosa aveva fiutato.... ma troppo poco.
        Presidente di Meteo in Veneto
        Meteorologo AMPRO - Tecnico Meteorologico Certificato WMO1083
        Fondatore e Direttivo di AMPRO, Associazione Italiana Meteo Professionisti
        Opinionista sportivo per Tva Vicenza.
        https://m.facebook.com/MeteoinVeneto

        Commenta


        • Pazzesco.

          Inviato dal mio LYA-L09 utilizzando Tapatalk

          File allegati
          Dati online su

          http://www.meteoaltavillavicentina.altervista.org/

          http://www.meteoaltavillavicentina.altervista.org/tabella.php

          Stazione Davis VP2 wireless con kit di ventilazione diurna

          Commenta


          • Aggiungo, giusto per dare delle risposte, altrimenti sembra che la Meteorologia se ne stia con le mani in mano, che certi eventi estremamente traumatici e localizzati come questo possono essere monitorati attraverso un nowcasting intensivo.

            Quello, per esempio, che contraddistingue il sistema di protezione dai tornado negli USA.

            Lo Storm Prediction Center del NOAA è attivo 24/24 a livello di monitoraggio, mesoscale discussions ed eventuali messaggi di watch, warning, PDS, emergency.

            Insomma esistono esempi virtuosi che allo stato attuale dei luoghi non sembrano totalmente mutuabili sul nostro territorio, almeno a livello pubblico.

            Come privati qualcosa stiamo provando a imbastire.

            Il dato di oggi di Palermo pare (attendo conferme) sia il piu pesante dal 1797.
            Presidente di Meteo in Veneto
            Meteorologo AMPRO - Tecnico Meteorologico Certificato WMO1083
            Fondatore e Direttivo di AMPRO, Associazione Italiana Meteo Professionisti
            Opinionista sportivo per Tva Vicenza.
            https://m.facebook.com/MeteoinVeneto

            Commenta


            • Ciao Marco. Cosa intendi in pratica con nowcasting intensivo? Una specie di forum di esperti attivo 24h su 24 h?

              Commenta


              • Originariamente inviato da Francesco. Visualizza il messaggio
                Ciao Marco. Cosa intendi in pratica con nowcasting intensivo? Una specie di forum di esperti attivo 24h su 24 h?
                Intendo un servizio (preferibilmente pubblico) di monitoraggio che venga attivato e risulti poi costante in presenza di fenomeni convettivi.
                In modo di essere un costante supporto alle decisioni in presenza di situazioni di rischio e/o pericolo.

                Arpav da alcuni anni ha attivato il servizio "EVENTO IN CORSO" ma ritengo sia ancora leggerino come progetto.

                Alcuni comuni hanno dei contratti con professionisti (come il sottoscritto) che forniscono supporto costante alle decisioni.

                Credo però che occorra fare di più.

                In sostanza serve un flusso decisionale rapido che in brevissimo, per esempio, provveda alla chiusura di un percorso stradale potenzialmente a rischio o impedisca l'impegno di determinati sottopassi.
                Presidente di Meteo in Veneto
                Meteorologo AMPRO - Tecnico Meteorologico Certificato WMO1083
                Fondatore e Direttivo di AMPRO, Associazione Italiana Meteo Professionisti
                Opinionista sportivo per Tva Vicenza.
                https://m.facebook.com/MeteoinVeneto

                Commenta


                • Ho capito, grazie. Ho idea ci vorrà un po di tempo, sotto questo aspetto siamo ancora un po indietro in Italia.

                  Commenta


                  • Qualcosina ina ina c'era su WRF Lamma su ECMWF.

                    Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   Screenshot_20200716-084029_Facebook.jpg 
Visite: 152 
Dimensione: 121.4 KB 
ID: 1686795
                    E sulla ventilazione al suolo

                    Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   Screenshot_20200716-083942_Facebook.jpg 
Visite: 153 
Dimensione: 501.1 KB 
ID: 1686796


                    Ma ancora troppo poco per un allertamento significativo su un'area molto molto ridotta e caratterizzata da criticità di gestione dei deflussi.
                    Presidente di Meteo in Veneto
                    Meteorologo AMPRO - Tecnico Meteorologico Certificato WMO1083
                    Fondatore e Direttivo di AMPRO, Associazione Italiana Meteo Professionisti
                    Opinionista sportivo per Tva Vicenza.
                    https://m.facebook.com/MeteoinVeneto

                    Commenta


                    • Magari è la stessa zona dei 40 gradi di maggio??

                      Guardando le immagini...ha tenuto bene Palermo perchè i problemi sono rimasti circoscritti in poche vie e in pochi sttopassi o sbaglio?
                      ...dal caldo sahariano, passando per la mitica brezza, arrivando al freddo dolinatore...

                      Commenta


                      • Originariamente inviato da Stefano Zamperin Visualizza il messaggio
                        Magari è la stessa zona dei 40 gradi di maggio??

                        Guardando le immagini...ha tenuto bene Palermo perchè i problemi sono rimasti circoscritti in poche vie e in pochi sttopassi o sbaglio?
                        Purtroppo queste situazioni di acuta criticità sono spesso ascrivibili proprio alla sovrapposizione di un fenomeno puntuale eccezionale con aree ridotte di territorio con equilibrio molto delicato.

                        La distribuzione dei cumulati mostra dei picchi e grosse disomogeneità in pochissimi km, tipiche dei sistemi autorigeneranti (questo temporale ha avuto connotati V-shape per più di un'ora).
                        Presidente di Meteo in Veneto
                        Meteorologo AMPRO - Tecnico Meteorologico Certificato WMO1083
                        Fondatore e Direttivo di AMPRO, Associazione Italiana Meteo Professionisti
                        Opinionista sportivo per Tva Vicenza.
                        https://m.facebook.com/MeteoinVeneto

                        Commenta


                        • Originariamente inviato da Stefano Zamperin Visualizza il messaggio
                          Magari è la stessa zona dei 40 gradi di maggio??

                          Guardando le immagini...ha tenuto bene Palermo perchè i problemi sono rimasti circoscritti in poche vie e in pochi sttopassi o sbaglio?
                          Tutta Palermo ha toccato i 40 quel giorno di maggio. Non conosco bene Palermo ma a quanto pare quella zona dell'allagamento oltre a essere stata la zona più colpita è anche una di quelle più basse, oltre al fatto che a Palermo scorrono nel sottosuolo dei fiumi. Altre zone della città hanno avuto qualche allagamento ma niente di particolarmente rilevante. Questi gli accumuli in città:


                          Inviato dal mio moto g(6) plus utilizzando Tapatalk



                          Commenta


                          • Aggiungo che l'ultimo giorno con precipitazioni degne di nota prima di ieri è stato il 5 giugno con 12 mm a Palermo centro.

                            Inviato dal mio moto g(6) plus utilizzando Tapatalk



                            Commenta


                            • Comunque, in merito alla vicenda: a) sembrano non esserci vittime (e meno male); b) non è vero, come ho avuto modo di leggere e sentire ieri, che è stata scaricata la pioggia di un anno (e meno male #2).

                              Speriamo che non sia necessario dover piangere il morto per mettere in opera il famoso SMND, e dotarsi di un sistema di previsione meteorologica nazionale da paese sviluppato nell'anno 2020; tuttavia siamo in Italia, per cui apriti cielo.

                              Commenta


                              • Originariamente inviato da mr. tornado Visualizza il messaggio
                                Comunque, in merito alla vicenda: a) sembrano non esserci vittime (e meno male); b) non è vero, come ho avuto modo di leggere e sentire ieri, che è stata scaricata la pioggia di un anno (e meno male #2).
                                Anche perché la media è di 840 mm, nemmeno a Gela o Lampedusa che la media è di 300/350 mm un episodio del genere può essere paragonato al quantitativo di un anno 🙂

                                Inviato dal mio moto g(6) plus utilizzando Tapatalk

                                Commenta

                                Sto operando...
                                X