annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

[MODELLI] Inverno 2019/2020

Comprimi
Questa discussione è chiusa.
X
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   nao.fcst.gif 
Visite: 1 
Dimensione: 9.4 KB 
ID: 1632826Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   ao.fcst.gif 
Visite: 1 
Dimensione: 11.0 KB 
ID: 1632827
    Indici NAO e AO rivisti in calo verso la neutralità verso fine mese quando potrebbe appunto iniziare a muoversi qualcosa, ma non necessariamente
    AO+++ veramente importante, dopo una media di gennaio verso i +2.5, quella di febbraio sarà oltre i +3 probabilmente, VP a mille da 2 mesi
    La meteorologia è una scienza inesatta,che elabora dati incompleti,con metodi discutibili per fornire previsioni inaffidabili. [Andrea Baroni]

    Commenta


    • Originariamente inviato da Stefano Zamperin Visualizza il messaggio
      Marco aggiungo se non sbaglio che non è mai esistito un fantameteo su GFS come esisteva negli anni scorsi, e quindi anche le illusioni stanno a zero da due mesi esatti. Poi per il resto vediamo come si evolverà, ma sono più che convinto, personalmente già da novembre, che questo 2020 calcherà il 2019, come timing precipitativo e termodinamico (ovviamente è un pour parler)
      Secondo te avremo mesi di aprile e maggio come lo scorso anno?


      Inviato dal mio iPad utilizzando Tapatalk
      Stazione meteo Davis Vantage Pro2
      Valdobbiadene (fraz. S.Pietro di Barbozza)
      http://my.meteonetwork.it/station/vnt201/

      Stazione meteo Davis Vantage Pro2
      Caplani (Moldavia)
      http://my.meteonetwork.it/station/md0001/

      Commenta


      • Originariamente inviato da valdoman Visualizza il messaggio
        Secondo te avremo mesi di aprile e maggio come lo scorso anno?


        Inviato dal mio iPad utilizzando Tapatalk
        Si però non c'è nulla di scientifico era solo una mia idea, niente di più. C è gente più esperta su questo settore.
        ...dal caldo sahariano, passando per la mitica brezza, arrivando al freddo dolinatore...

        Commenta


        • Originariamente inviato da Marco Rabito Visualizza il messaggio
          Esattamente, secondo me va colto anche come indicazione dei passi avanti fatti da determinismo oltre i 3/4 giorni.
          Sulle 72 si sta lavorando moltissimo a nelle implementazioni modellistiche ad area limitata. Ma i modelli cosiddetti globali non sono rimasti al palo.
          I passi avanti non solo ci stanno aiutando a non cadere più nelle inutili lusinghe a lunghissimi termine (dal momento che sono scomparse) ma aiutano pure a smascherare i siti fake.

          Quei siti che fino a poco tempo fa giocavano la loro comunicazione falsa su uscite modellistiche estreme e palesemente calcoli non rientranti negli scenari che fossero utili a scopo prognostico.

          Risulta altresì importante annotare come, in virtù di questi adeguamenti, quando lo scenario estremo inizia a mostrarsi a 5/6 giorni vada seriamente preso in considerazione. (Vedi tempesta Vaia, vedi ciclone simil-TLC su alto Adriatico del 12 novembre)


          Noi che arriviamo da AVN-MRF, UNISYS, ROEDER ecc.... possiamo capire quale altro mondo sia quello odierno.
          Mh, avrei da ridire sul miglioramento dei modelli nel lughissimo termine. Mai come negli ultimi anni abbiamo avuto strafalcioni clamorosi nel lungo, da entrambi i modelli principali (GFS e Reading). Pure quest'ultimo ha mostrato fin troppe carte a 240h interessanti poi mai realizzate. E le analisi dei global model verification confermano ciò.
          "Per quanti monti abbia visto, niente eguaglia le Giulie" [Julius Kugy]

          Canin ti amo

          Commenta


          • Vediamo mercoledì se riesce a fare qualche cm sopra i 1000 m, poi nuova rimonta impressionante, questa volta si possibili i primi 20 gradi in pianura.


            Inviato dal mio LYA-L09 utilizzando Tapatalk
            Dati online su

            http://www.meteoaltavillavicentina.altervista.org/

            http://www.meteoaltavillavicentina.altervista.org/tabella.php

            Stazione Davis VP2 wireless con kit di ventilazione diurna

            Commenta


            • Originariamente inviato da LukPek Visualizza il messaggio
              Mh, avrei da ridire sul miglioramento dei modelli nel lughissimo termine. Mai come negli ultimi anni abbiamo avuto strafalcioni clamorosi nel lungo, da entrambi i modelli principali (GFS e Reading). Pure quest'ultimo ha mostrato fin troppe carte a 240h interessanti poi mai realizzate. E le analisi dei global model verification confermano ciò.
              Non mi riferisco al lunghissimo termine, che nemmeno prendo in considerazione. Bensì entro le 168/192 ore, limite massimo entro il quale a livello professionale opero.

              Ho infatti esplicitamente indicato 5/6 giorni e ho fatto riferimento a due esempi precisi evidenziati in quello specifico orizzonte temporale dalla modellistica in quelle occasioni (Vaia e 12 novembre 2019).
              Presidente di Meteo in Veneto
              Meteorologo AMPRO - Tecnico Meteorologico Certificato WMO1083
              Fondatore e Direttivo di AMPRO, Associazione Italiana Meteo Professionisti
              Opinionista sportivo per Tva Vicenza.
              https://m.facebook.com/MeteoinVeneto

              Commenta


              • Originariamente inviato da Marco Rabito Visualizza il messaggio
                Esattamente, secondo me va colto anche come indicazione dei passi avanti fatti da determinismo oltre i 3/4 giorni.
                Sulle 72 si sta lavorando moltissimo a nelle implementazioni modellistiche ad area limitata. Ma i modelli cosiddetti globali non sono rimasti al palo.
                I passi avanti non solo ci stanno aiutando a non cadere più nelle inutili lusinghe a lunghissimi termine (dal momento che sono scomparse) ma aiutano pure a smascherare i siti fake.

                Quei siti che fino a poco tempo fa giocavano la loro comunicazione falsa su uscite modellistiche estreme e palesemente calcoli non rientranti negli scenari che fossero utili a scopo prognostico.

                Risulta altresì importante annotare come, in virtù di questi adeguamenti, quando lo scenario estremo inizia a mostrarsi a 5/6 giorni vada seriamente preso in considerazione. (Vedi tempesta Vaia, vedi ciclone simil-TLC su alto Adriatico del 12 novembre)


                Noi che arriviamo da AVN-MRF, UNISYS, ROEDER ecc.... possiamo capire quale altro mondo sia quello odierno.
                Ma dicevi appunto lunghissimo termine qui. Rispondevo a ciò.
                "Per quanti monti abbia visto, niente eguaglia le Giulie" [Julius Kugy]

                Canin ti amo

                Commenta


                • Credo non riguardino più chi ha un minimo di esperienza e di passione.

                  I miglioramenti riguardano l'intervallo che va da 72 ore a 168/192.

                  Quest'anno non so se i modelli abbiano mostrato, oltre questo intervallo, scenari degni di illusione, ma ho visto ben pochi a farne riferimento e crearsi false (perché di tali in questo caso si tratterebbe) aspettative.

                  Personalmente nemmeno ho mai consultato quegli intervalli, quindi non so dire.

                  Non solo ne hanno parlato in pochi da queste pagine, ma ho visto pochi titoloni anche da parte dei siti del Meteo Gossip (meno degli altri anni) che ben conosciamo quindi presumo che si sia visto gran poco anche a distanze inutili da considerare.

                  Il MALTEMPO ESTREMO evocato per San Valentino non ha ingannato nessuno... forse è un buon segno.
                  Presidente di Meteo in Veneto
                  Meteorologo AMPRO - Tecnico Meteorologico Certificato WMO1083
                  Fondatore e Direttivo di AMPRO, Associazione Italiana Meteo Professionisti
                  Opinionista sportivo per Tva Vicenza.
                  https://m.facebook.com/MeteoinVeneto

                  Commenta


                  • Concordo.

                    Se vogliamo far crescere dalla base questa scienza è assolutamente necessario adottare una linea il più possibile pragmatica.

                    Poi le emozioni e le passioni non si possono certo inibire, anzi esse stesse sono il sale della conoscenza; dal mio punto di vista l'importante è non svilire il tutto con i "speriamo che.." "se succedesse...." che sanno tanto di astrologia...e non di meteorologia.

                    Commenta


                    • Originariamente inviato da orione Visualizza il messaggio
                      Concordo.

                      Se vogliamo far crescere dalla base questa scienza è assolutamente necessario adottare una linea il più possibile pragmatica.

                      Poi le emozioni e le passioni non si possono certo inibire, anzi esse stesse sono il sale della conoscenza; dal mio punto di vista l'importante è non svilire il tutto con i "speriamo che.." "se succedesse...." che sanno tanto di astrologia...e non di meteorologia.
                      Proprio così.
                      Secondo me dobbiamo partire dal presupposto che i calcoli deterministici hanno già intrinsecamente considerato ogni variabile e lo hanno fatto con una capacità di calcolo che la nostra mente non ha.

                      Il contributo umano è, e rimarrà, determinante nel calare sul territorio gli effetti/esiti di questi calcoli. O di interpretazione dei parametri derivati (precipitazioni, fenomeni convettivi, nevicate, ventilazione e dinamiche correlate, rischio interconnesso alla fenomenologia ecc...)

                      È in questo che il previsore, il Meteorologo o l'appassionato possono applicare conoscenze ed esperienza. E ci tengo a ripeterlo, saranno ancora determinanti.

                      Ma sbaglieremmo a sostituirci al calcolo (diventerebbe appunto azzardo e non più scienza)
                      Presidente di Meteo in Veneto
                      Meteorologo AMPRO - Tecnico Meteorologico Certificato WMO1083
                      Fondatore e Direttivo di AMPRO, Associazione Italiana Meteo Professionisti
                      Opinionista sportivo per Tva Vicenza.
                      https://m.facebook.com/MeteoinVeneto

                      Commenta


                      • Originariamente inviato da Marco Rabito Visualizza il messaggio
                        Credo non riguardino più chi ha un minimo di esperienza e di passione.

                        I miglioramenti riguardano l'intervallo che va da 72 ore a 168/192.

                        Quest'anno non so se i modelli abbiano mostrato, oltre questo intervallo, scenari degni di illusione, ma ho visto ben pochi a farne riferimento e crearsi false (perché di tali in questo caso si tratterebbe) aspettative.

                        Personalmente nemmeno ho mai consultato quegli intervalli, quindi non so dire.

                        Non solo ne hanno parlato in pochi da queste pagine, ma ho visto pochi titoloni anche da parte dei siti del Meteo Gossip (meno degli altri anni) che ben conosciamo quindi presumo che si sia visto gran poco anche a distanze inutili da considerare.

                        Il MALTEMPO ESTREMO evocato per San Valentino non ha ingannato nessuno... forse è un buon segno.
                        Hai un documento o uno studio che conferma ciò oppure è una frase basata sull'esperienza degli ultimi anni?
                        Ovviamente io parlo di miglioramento in questi anni recenti, rispetto 20 anni fa, per esempio, è chiaro che i miglioramenti ce ne siano stati.
                        "Per quanti monti abbia visto, niente eguaglia le Giulie" [Julius Kugy]

                        Canin ti amo

                        Commenta


                        • Originariamente inviato da LukPek Visualizza il messaggio
                          Hai un documento o uno studio che conferma ciò oppure è una frase basata sull'esperienza degli ultimi anni?
                          Ovviamente io parlo di miglioramento in questi anni recenti, rispetto 20 anni fa, per esempio, è chiaro che i miglioramenti ce ne siano stati.
                          Questo grafico mostra l'andamento della correlazione d'anomalia di GPT per previsioni a 5 giorni dal '96 ad oggi per GFS e ECMWF (si noti l'abbassamento della prestazione modellistica che avviene sistematicamente nel periodo estivo).
                          Il grafico in basso è GFS - (meno) ECMWF, il ∆ fra i due modelli

                          Commenta


                          • Originariamente inviato da LukPek Visualizza il messaggio
                            Hai un documento o uno studio che conferma ciò oppure è una frase basata sull'esperienza degli ultimi anni?
                            Ovviamente io parlo di miglioramento in questi anni recenti, rispetto 20 anni fa, per esempio, è chiaro che i miglioramenti ce ne siano stati.
                            Certo, ho molto materiale, sopratutto sulle implementazioni applicate negli ultimi 4/5 anni.
                            Appena lo recupero te lo faccio avere volentieri.

                            Qualcosa si trova anche sul sito ufficiale di ECMWF.
                            Presidente di Meteo in Veneto
                            Meteorologo AMPRO - Tecnico Meteorologico Certificato WMO1083
                            Fondatore e Direttivo di AMPRO, Associazione Italiana Meteo Professionisti
                            Opinionista sportivo per Tva Vicenza.
                            https://m.facebook.com/MeteoinVeneto

                            Commenta


                            • Grazie mille ad entrambi.

                              Nel grafico di Calibre, si nota dal 2014 ad ora una sostanziale stabilità, senza miglioramenti evidenti
                              "Per quanti monti abbia visto, niente eguaglia le Giulie" [Julius Kugy]

                              Canin ti amo

                              Commenta


                              • Originariamente inviato da LukPek Visualizza il messaggio
                                Grazie mille ad entrambi.

                                Nel grafico di Calibre, si nota dal 2014 ad ora una sostanziale stabilità, senza miglioramenti evidenti
                                Quello di Calibre è uno dei grafici che stavo cercando. I miglioramenti più evidenti su scala emisferica e sulla fisica generale del modello si sono realizzati ante 2015.

                                Più recenti sono lavori sulla microfisica e soprattutto sulla riduzione della griglia.

                                Qui c'è qualcosa in più, altro devo cercare. In ogni caso il grafico postato è molto esaustivo.

                                https://www.ecmwf.int/sites/default/..._2016-2025.pdf
                                Presidente di Meteo in Veneto
                                Meteorologo AMPRO - Tecnico Meteorologico Certificato WMO1083
                                Fondatore e Direttivo di AMPRO, Associazione Italiana Meteo Professionisti
                                Opinionista sportivo per Tva Vicenza.
                                https://m.facebook.com/MeteoinVeneto

                                Commenta

                                Sto operando...
                                X