annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

[MODELLI] Inverno 2019/2020

Comprimi
Questa discussione è chiusa.
X
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Originariamente inviato da verza81 Visualizza il messaggio
    No in quota non fonde praticamente niente a Dicembre e Gennaio con una situazione del genere, anche se fa massime sui 10° e non scende sottozero di notte.
    Sì e no, posso dirti perchè l'ho visto di persona che nella scaldata 31/12 - 1/1, con temperature più alte di quelle previste in questi giorni sui versanti più ripidi esposti a sud, nonostante i dp negativi e l'irraggiamento diurno al minimo è stato abbastanza un massacro fin sui 2200-2400 metri. Versanti che prima erano meravigliosamente incrostati di neve hanno prima generato delle valanghe e poi la poca neve sottostante si è fusa rapidamente.
    Comunque alla fine ho visto che fa più danni una mega sventolata come quella del 27-28/12 di una scaldata come quella di domani e dopodomani.

    Commenta


    • Originariamente inviato da GeoFede Visualizza il messaggio
      Sì e no, posso dirti perchè l'ho visto di persona che nella scaldata 31/12 - 1/1, con temperature più alte di quelle previste in questi giorni sui versanti più ripidi esposti a sud, nonostante i dp negativi e l'irraggiamento diurno al minimo è stato abbastanza un massacro fin sui 2200-2400 metri. Versanti che prima erano meravigliosamente incrostati di neve hanno prima generato delle valanghe e poi la poca neve sottostante si è fusa rapidamente.
      Comunque alla fine ho visto che fa più danni una mega sventolata come quella del 27-28/12 di una scaldata come quella di domani e dopodomani.
      Ah sì, su pendio esposto sì, senza dubbio
      Dati online su

      http://www.meteoaltavillavicentina.altervista.org/

      http://www.meteoaltavillavicentina.altervista.org/tabella.php

      Stazione Davis VP2 wireless con kit di ventilazione diurna

      Commenta


      • Nulla di nuovo dal lato deterministico nei prossimi giorni. Arriveremo in prossimità della terza decade di gennaio con un sostanziale status quo caratterizzato da freddo inversionale in pianura, specie quella medio bassa e temperature in media su pedemontana, prealpi e dolomiti. Una normale fase invernale in un mese che anche negli scorsi anni è spesso stato avaro di episodi invernali significativi. Anche la mancanza di precipitazioni, specie a fronte di due mesi (novembre e dicembre) molto piovosi, è caratteristica peculiare di gennaio, uno dei mesi statisticamente meno piovosi dell'anno.
        Non si tratterà comunque di un anticiclone particolarmente strutturato specie in quota, dove saranno possibili strappi e strappetti in grado di portare brevi e localizzate fasi di instabilità con risvolti anche inaspettati.
        Sarà inoltre da monitorare attentamente l'evoluzione in stratosfera dove con molte probabilità si sta per concretizzare un ESE Cold con conseguenze troposferiche ancora da determinare.

        Commenta


        • Orione, secondo te la tropo in questo caso potrebbe ancora dire la sua?

          Commenta


          • Originariamente inviato da Astico Visualizza il messaggio
            Orione, secondo te la tropo in questo caso potrebbe ancora dire la sua?
            Credo che anche gli eventi che avvengono in stratosfera debbano essere letti con la nuova chiave legata al GW. Negli ultimi anni infatti tutta la letteratura stratosferica è stata ampiamente confutata da evoluzioni a dir poco anomale sia di ESE cold che warm, spesso sovvertendola.
            Abbiamo visto un pò di tutto, da SC seguiti a pochi giorni da MMW, da MMW split senza conseguenze a SC per nulla condizionanti. Solo lo scorso inverno abbiamo assistito ad un MMW ibrido, iniziato come displacement e terminato come split senza mai essersi propagato in troposfera.
            Come accade per le letture teleconnettive, anche la stratosfera sta mostrando facce a noi sconosciute fino a pochi anni fa.
            E' tutto in rapida trasformazione, una dinamicità climatica esasperata che spesso va contro ad una apparente immobilità meteorologica

            Commenta


            • Originariamente inviato da orione Visualizza il messaggio
              Nulla di nuovo dal lato deterministico nei prossimi giorni. Arriveremo in prossimità della terza decade di gennaio con un sostanziale status quo caratterizzato da freddo inversionale in pianura, specie quella medio bassa e temperature in media su pedemontana, prealpi e dolomiti. Una normale fase invernale in un mese che anche negli scorsi anni è spesso stato avaro di episodi invernali significativi. Anche la mancanza di precipitazioni, specie a fronte di due mesi (novembre e dicembre) molto piovosi, è caratteristica peculiare di gennaio, uno dei mesi statisticamente meno piovosi dell'anno.
              Non si tratterà comunque di un anticiclone particolarmente strutturato specie in quota, dove saranno possibili strappi e strappetti in grado di portare brevi e localizzate fasi di instabilità con risvolti anche inaspettati.
              Sarà inoltre da monitorare attentamente l'evoluzione in stratosfera dove con molte probabilità si sta per concretizzare un ESE Cold con conseguenze troposferiche ancora da determinare.
              Originariamente inviato da orione Visualizza il messaggio
              Nulla di nuovo dal lato deterministico nei prossimi giorni. Arriveremo in prossimità della terza decade di gennaio con un sostanziale status quo caratterizzato da freddo inversionale in pianura, specie quella medio bassa e temperature in media su pedemontana, prealpi e dolomiti. Una normale fase invernale in un mese che anche negli scorsi anni è spesso stato avaro di episodi invernali significativi. Anche la mancanza di precipitazioni, specie a fronte di due mesi (novembre e dicembre) molto piovosi, è caratteristica peculiare di gennaio, uno dei mesi statisticamente meno piovosi dell'anno.
              Non si tratterà comunque di un anticiclone particolarmente strutturato specie in quota, dove saranno possibili strappi e strappetti in grado di portare brevi e localizzate fasi di instabilità con risvolti anche inaspettati.
              Sarà inoltre da monitorare attentamente l'evoluzione in stratosfera dove con molte probabilità si sta per concretizzare un ESE Cold con conseguenze troposferiche ancora da determinare.
              Bentornato [emoji2] si sentiva la mancanza dei tuoi interventi importanti a livello tecnico didattico Remigio...speriamo che qualcosa si stia muovendo... pensi che possa esserci una risposta immediata opposta al a livello stratosferico all ESE COLD oppure il crearsi anche di un onda lunga a livello troposferico con conseguenze continentali sulla penisola?

              Inviato dal mio LLD-L31 utilizzando Tapatalk

              Commenta


              • Originariamente inviato da nessuno Visualizza il messaggio
                Bentornato [emoji2] si sentiva la mancanza dei tuoi interventi importanti a livello tecnico didattico Remigio...speriamo che qualcosa si stia muovendo... pensi che possa esserci una risposta immediata opposta al a livello stratosferico all ESE COLD oppure il crearsi anche di un onda lunga a livello troposferico con conseguenze continentali sulla penisola?

                Inviato dal mio LLD-L31 utilizzando Tapatalk
                Troppo presto per dirlo, aspettiamo una decina di giorni per capire l'effettivo condizionamento o meno.

                Commenta


                • Originariamente inviato da orione Visualizza il messaggio
                  Troppo presto per dirlo, aspettiamo una decina di giorni per capire l'effettivo condizionamento o meno.
                  come si diceva qualche giorno fa...intorno al 20 capiremo di che morte morire.
                  Avrebbe quasi dell'assurdo un "non inverno" con tali caratteristiche...quasi eccezionale.

                  Commenta


                  • Originariamente inviato da orione Visualizza il messaggio
                    Nulla di nuovo dal lato deterministico nei prossimi giorni. Arriveremo in prossimità della terza decade di gennaio con un sostanziale status quo caratterizzato da freddo inversionale in pianura, specie quella medio bassa e temperature in media su pedemontana, prealpi e dolomiti. Una normale fase invernale in un mese che anche negli scorsi anni è spesso stato avaro di episodi invernali significativi. Anche la mancanza di precipitazioni, specie a fronte di due mesi (novembre e dicembre) molto piovosi, è caratteristica peculiare di gennaio, uno dei mesi statisticamente meno piovosi dell'anno.
                    Non si tratterà comunque di un anticiclone particolarmente strutturato specie in quota, dove saranno possibili strappi e strappetti in grado di portare brevi e localizzate fasi di instabilità con risvolti anche inaspettati.
                    Sarà inoltre da monitorare attentamente l'evoluzione in stratosfera dove con molte probabilità si sta per concretizzare un ESE Cold con conseguenze troposferiche ancora da determinare.
                    Grazie per questo ottimo intervento.

                    Commenta


                    • Piccoli segbali do cambiamento anche sal modello inglese Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   Screenshot_20200108_173618.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 173.6 KB 
ID: 1632172

                      Inviato dal mio LYA-L09 utilizzando Tapatalk
                      Dati online su

                      http://www.meteoaltavillavicentina.altervista.org/

                      http://www.meteoaltavillavicentina.altervista.org/tabella.php

                      Stazione Davis VP2 wireless con kit di ventilazione diurna

                      Commenta


                      • Dai dai daiClicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   Screenshot_20200108_194421_com.quoord.tapatalkpro.activity.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 60.9 KB 
ID: 1632175Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   Screenshot_20200108_194402_com.quoord.tapatalkpro.activity.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 68.2 KB 
ID: 1632176

                        Inviato dal mio LYA-L09 utilizzando Tapatalk
                        Dati online su

                        http://www.meteoaltavillavicentina.altervista.org/

                        http://www.meteoaltavillavicentina.altervista.org/tabella.php

                        Stazione Davis VP2 wireless con kit di ventilazione diurna

                        Commenta


                        • Movimenti importanti dal 18. Erezione e curvatura con tentativo di wejkoff(si scrive così? 🤔).

                          Commenta


                          • Dove lo vedete?


                            Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
                            www.meteofonzaso.altervista.org
                            my.meteonetwork.it/station/vnt245/
                            Stazione meteo Davis Vantage PRO 2 wireless.
                            Acc. neve inverno 2012-2013 225.5 cm
                            Acc. neve inverno 2013-2014 46.0 cm
                            Acc. neve inverno 2014-2015 39.0 cm
                            Acc. neve inverno 2015-2016 33.0 cm
                            Acc. neve inverno 2016-2017 7.5 cm
                            Acc. neve inverno 2017-2018 37.5cm al 03-03-2018
                            Acc. neve inverno 2018-2019 0.5+7+1.5+13+1+10+3+1 tot 37cm al 5-05-19!!!
                            Acc .neve inverno 2019-2020 7+5 tot 12cm al 6-03 2020

                            Commenta


                            • Tanto per sognare, una delle migliori configurazioni per la neve fino al piano al ne.
                              Ovviamente Attendibilità zero vista la distanza temporale. Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   GFSOPEU00_252_1.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 309.8 KB 
ID: 1632185

                              Inviato dal mio LYA-L09 utilizzando Tapatalk
                              Dati online su

                              http://www.meteoaltavillavicentina.altervista.org/

                              http://www.meteoaltavillavicentina.altervista.org/tabella.php

                              Stazione Davis VP2 wireless con kit di ventilazione diurna

                              Commenta


                              • Che bella mappa!


                                Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
                                www.meteofonzaso.altervista.org
                                my.meteonetwork.it/station/vnt245/
                                Stazione meteo Davis Vantage PRO 2 wireless.
                                Acc. neve inverno 2012-2013 225.5 cm
                                Acc. neve inverno 2013-2014 46.0 cm
                                Acc. neve inverno 2014-2015 39.0 cm
                                Acc. neve inverno 2015-2016 33.0 cm
                                Acc. neve inverno 2016-2017 7.5 cm
                                Acc. neve inverno 2017-2018 37.5cm al 03-03-2018
                                Acc. neve inverno 2018-2019 0.5+7+1.5+13+1+10+3+1 tot 37cm al 5-05-19!!!
                                Acc .neve inverno 2019-2020 7+5 tot 12cm al 6-03 2020

                                Commenta

                                Sto operando...
                                X