annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Accumulo nevoso in montagna: stagione 2018-2019

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Quello in corso rischia di essere un mese decisivo per la fusione pressoché totale delle nevi in alta quota. Intanto questi erano gli accumuli valanghivi sabato scorso (8 giugno) a 1500m circa nella Valle dell'Angheraz, ai piedi della Croda Granda (2800m, settore agordino delle Pale di San Martino). Ho messo anche una foto di confronto presa da internet.
    File allegati

    Commenta


    • Giugno disastroso, sui ghiacciai si perdono 10 cm al giorno.
      Se va avanti così per metà luglio saranno scoperti.
      Come sempre è l'estate a fare la differenza, purtroppo sempre in negativo

      Inviato dal mio LYA-L09 utilizzando Tapatalk
      Dati online su

      http://www.meteoaltavillavicentina.altervista.org/

      http://www.meteoaltavillavicentina.altervista.org/tabella.php

      Stazione Davis VP2 wireless con kit di ventilazione diurna

      Commenta


      • Originariamente inviato da verza81 Visualizza il messaggio
        Giugno disastroso, sui ghiacciai si perdono 10 cm al giorno.
        Se va avanti così per metà luglio saranno scoperti.
        Come sempre è l'estate a fare la differenza, purtroppo sempre in negativo
        Già... in qualunque libro di climatologia si trova scritto che sono state lunghe serie di estati fresche e umide a permettere la discesa a valle dei grandi ghiacciai pleistocenici. Ci ha provato tra il 1500 e il 1800, ma mi sa che ha cambiato idea...
        Vorrei vivere un'eterna primavera
        https://www.marcobonatti.it
        https://nefologicando.wordpress.com/category/nuvole/

        Commenta


        • Resiste stoicamente solo Ra Valles.
          fusione mostruosa, si perdono 15-20 cm al giorno oltre i 2000 m
          Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   Mappa_LIVNEVE.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 114.4 KB 
ID: 1626293
          Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   Graf_382_LIVNEVE.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 109.9 KB 
ID: 1626294
          Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   Graf_385_LIVNEVE.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 107.5 KB 
ID: 1626295
          Dati online su

          http://www.meteoaltavillavicentina.altervista.org/

          http://www.meteoaltavillavicentina.altervista.org/tabella.php

          Stazione Davis VP2 wireless con kit di ventilazione diurna

          Commenta


          • Ieri ultimo rilievo neve in Mazia alla nostra stazione all´Oberetteshütte a 2700 m. Da 0 a 2 m di neve in media 1 m. Densita 570 kg/m3.
            La neve si sta sciogliendo molto rapidamente a circa 7 cm al giorno, ora anche di piu.
            https://photos.app.goo.gl/xwrvZ8ZJx2FfacaH8

            Commenta


            • https://www.meteogiornale.it/notizia...to-neve-record

              Pazzesco lo scempio in atto.
              Dati online su

              http://www.meteoaltavillavicentina.altervista.org/

              http://www.meteoaltavillavicentina.altervista.org/tabella.php

              Stazione Davis VP2 wireless con kit di ventilazione diurna

              Commenta


              • Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   presena.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 434.2 KB 
ID: 1626396
                Dati online su

                http://www.meteoaltavillavicentina.altervista.org/

                http://www.meteoaltavillavicentina.altervista.org/tabella.php

                Stazione Davis VP2 wireless con kit di ventilazione diurna

                Commenta


                • Non resterá alcun che di neve ai primi di luglio. Ghiacci scoperti per due mesi puri. La fine

                  Inviato dal mio SM-G950F utilizzando Tapatalk

                  Commenta


                  • Originariamente inviato da verza81 Visualizza il messaggio
                    Lo scorso anno uguale, forse peggio. Kredarica perse 4 m in poco più di un mese, se non sbaglio.
                    Purtorppo è il secondo anno di fila in cui sono quasi del tutto assenti i canonici cicli di gelo e disgelo del manto tipici della primavera. Con queste configurazioni molto 'stazionarie' si passa subito ad una fusione accelerata senza quel periodo intermedio con notti sottozero sopra una certa quota.
                    Se ne sono accorti gli scialpinisti che, nelle ultime due primavere, si sono spesso trovati con neve marcia già all'alba, quando ad aprile e maggio sarebbe prassi trovarla ben solida fino a metà mattina. E ovviamente se ne sono accorti i ghiacciai, con fusioni molto accelerate, a parità di temperature.

                    Commenta

                    Sto operando...
                    X