annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Chiedo il vostro aiuto

Comprimi
Questa discussione è chiusa.
X
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Chiedo il vostro aiuto

    Non sapevo dove inserire questa discussione, la metto qui intanto al massimo me la postate

    Ho bisogno di voi per aiutarmi a "sbrogliare" una configurazione meteo; devo presentare una relazione entro il 19 sull'analisi meteo di una configurazione meteorologica mediante i software zygrib e panoply per il corso di Fisica dell'atmosfera, uno dei corsi a scelta della laurea triennale in Ingegneria Ambientale, che ovviamente ho scelto

    La configurazione da analizzare è quella relativa al 16 ottobre 2015, dove salta subito all'occhio una goccia fredda centrata sul nord Italia:

    Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   Rtavn00120151016.png.gif 
Visite: 1 
Dimensione: 66.3 KB 
ID: 1647986

    in particolare viene richiesto di:

    -analizzare la situazione barica al suolo
    -correlare la localizzazione dei minimi con la localizzazione dei venti e delle prp
    -individuare i fronti
    -posizionare la corrente a getto
    -individuare le aree a possibilità di convezione (CAPE elevati)
    -descrivere un paio di profili verticali a scelta

    più o meno abbiamo fatto tutto, eccetto l'individuazione dei fronti che l'orografia europea complessa non facilita molto

    in particolare ci chiedevamo (io ed il mio compagno di relazione), guardando la mappa della copertura nuvolosa la grande massa nuvolosa che si trova tra Polonia e Germania è associabile ad un fronte caldo?

    Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   NO 6copertura nuvolosa.png 
Visite: 1 
Dimensione: 928.7 KB 
ID: 1647987

    grazie ad ogni eventuale risposta

  • #2
    Ciao!
    Con cut-off stazionari sul nord Italia tipicamente in Germania settentrionale e in Polonia si attiva l´avvezione d´aria calda-umida da sudest. Nel tuo caso l´avvezione calda principale in Europa orientale e in Germania settentrionale è avvenuta già il 14 e 15 ottobre. Il sistema quindi inizia ad invecchiare, cosa che non facilita l´analisi dei fronti ;-)
    A mio parere in Germania nordoccidentale si trova l´occlusione in quota (avvolta attorno al cut-off), sulla Polonia invece si trova il fronte caldo. Tra Rep. Ceca, Austria Orientale e Ungheria occidentale il fronte tra le due masse d´aria temporaneamente è pressoché stazionario per via dei diversi minimi di pressione al suolo (fronte visibile grazie alla convergenza del vento al suolo), infine circa dal medio Adriatico in giù prevale l´avvezione fredda.
    Il minimo sull´Italia nordoccidentale invece è praticamente concentrico con il cut-off, quindi nell´analisi disegnerei al massimo un´occlusione (o nessun fronte e spiegherei le precipitazioni con l´instabilità dovuta all´aria fredda in quota).

    Ecco qua un´idea (anche se sicuramente si potrebbero trovare soluzioni leggermente differenti):
    Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   2015101600_5b.gif 
Visite: 1 
Dimensione: 122.6 KB 
ID: 1606247

    Altre mappe:
    Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   2015101600_1.gif 
Visite: 1 
Dimensione: 40.7 KB 
ID: 1606248 Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   2015101600_2.gif 
Visite: 1 
Dimensione: 43.5 KB 
ID: 1606249 Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   2015101600_10.gif 
Visite: 1 
Dimensione: 74.4 KB 
ID: 1606250

    Se hai altre idee o domande, fammi sapere!

    Commenta


    • #3
      Grazie a Nik per l'intervento.

      Chiedo gentilmente a Snowstorm se puoi postare la relazione una volta terminata, sarebbe davvero molto interessante.
      La temperatura rilevata nelle “frost hollow” come la matematica non è un’opinione, chiedilo agli abitanti di Oymyakon

      Stazione meteo Levico Terme, quota 490 metri


      Stazione meteo Compet, quota 1390 metri

      Commenta


      • #4
        Originariamente inviato da Rizzo69 Visualizza il messaggio
        Grazie a Nik per l'intervento.

        Chiedo gentilmente a Snowstorm se puoi postare la relazione una volta terminata, sarebbe davvero molto interessante.
        certamente, e ringrazio nik per l'aiuto!

        Commenta


        • #5
          Originariamente inviato da Snowstorm Visualizza il messaggio
          certamente, e ringrazio nik per l'aiuto!
          Ottimo, grazie in anticipo.
          La temperatura rilevata nelle “frost hollow” come la matematica non è un’opinione, chiedilo agli abitanti di Oymyakon

          Stazione meteo Levico Terme, quota 490 metri


          Stazione meteo Compet, quota 1390 metri

          Commenta


          • #6
            Originariamente inviato da Nik Visualizza il messaggio
            Ciao!
            Con cut-off stazionari sul nord Italia tipicamente in Germania settentrionale e in Polonia si attiva l´avvezione d´aria calda-umida da sudest. Nel tuo caso l´avvezione calda principale in Europa orientale e in Germania settentrionale è avvenuta già il 14 e 15 ottobre. Il sistema quindi inizia ad invecchiare, cosa che non facilita l´analisi dei fronti ;-)
            A mio parere in Germania nordoccidentale si trova l´occlusione in quota (avvolta attorno al cut-off), sulla Polonia invece si trova il fronte caldo. Tra Rep. Ceca, Austria Orientale e Ungheria occidentale il fronte tra le due masse d´aria temporaneamente è pressoché stazionario per via dei diversi minimi di pressione al suolo (fronte visibile grazie alla convergenza del vento al suolo), infine circa dal medio Adriatico in giù prevale l´avvezione fredda.
            Il minimo sull´Italia nordoccidentale invece è praticamente concentrico con il cut-off, quindi nell´analisi disegnerei al massimo un´occlusione (o nessun fronte e spiegherei le precipitazioni con l´instabilità dovuta all´aria fredda in quota).

            Ecco qua un´idea (anche se sicuramente si potrebbero trovare soluzioni leggermente differenti):
            [ATTACH=CONFIG]80863[/ATTACH]

            Altre mappe:


            Se hai altre idee o domande, fammi sapere!
            ti quoto su quella breve parte che ho sottolineato

            non capisco la simbologia da te utilizzata per la linea dei fronti che sale dalla Slovenia alla Polonia occidentale; com'è possibile quella continua alternanza tra fronti freddi e caldi che hai rappresentato?

            Commenta


            • #7
              Originariamente inviato da Snowstorm Visualizza il messaggio
              non capisco la simbologia da te utilizzata per la linea dei fronti che sale dalla Slovenia alla Polonia occidentale; com'è possibile quella continua alternanza tra fronti freddi e caldi che hai rappresentato?
              Attorno a ogni minimo il vento soffia in senso antiorario (nel nostro emisfero), per questo motivo a nord di ogni minimo, anche se piccolo, in teoria hai una zona con venti orientali. Il fronte in questa zona dunque si inverte e diventa caldo. Con molti minimi questo processo accade parecchie volte, per questo motivo ho disegnato brevi fronti freddi e caldi in alternanza per ogni minimo. Se ci sono molti minimi lungo il fronte - come in questo caso - il risultato è un fronte pressoché stazionario.
              Osservando un lasso di tempo maggiore prevale lo spostamento verso est e quindi l´avvezione fredda, quindi semplificando si potrebbe disegnare anche un unico fronte freddo e trascurare le piccole zone invertite, ma non sarebbe corretto al 100%.
              Aggiungo anche l´analisi del DWD:
              Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   Analyse_20151016.gif 
Visite: 1 
Dimensione: 209.5 KB 
ID: 1606277

              Questo processo comunque capita in continuazione: per esempio quando un fronte freddo colpisce una catena montuosa (come le Alpi) sottovento si forma un minimo di pressione che perlomeno temporaneamente inverte la corrente in una piccola porzione del fronte

              Commenta


              • #8
                Originariamente inviato da Nik Visualizza il messaggio
                Attorno a ogni minimo il vento soffia in senso antiorario (nel nostro emisfero), per questo motivo a nord di ogni minimo, anche se piccolo, in teoria hai una zona con venti orientali. Il fronte in questa zona dunque si inverte e diventa caldo. Con molti minimi questo processo accade parecchie volte, per questo motivo ho disegnato brevi fronti freddi e caldi in alternanza per ogni minimo. Se ci sono molti minimi lungo il fronte - come in questo caso - il risultato è un fronte pressoché stazionario.
                Osservando un lasso di tempo maggiore prevale lo spostamento verso est e quindi l´avvezione fredda, quindi semplificando si potrebbe disegnare anche un unico fronte freddo e trascurare le piccole zone invertite, ma non sarebbe corretto al 100%.
                Aggiungo anche l´analisi del DWD:
                [ATTACH=CONFIG]80894[/ATTACH]

                Questo processo comunque capita in continuazione: per esempio quando un fronte freddo colpisce una catena montuosa (come le Alpi) sottovento si forma un minimo di pressione che perlomeno temporaneamente inverte la corrente in una piccola porzione del fronte
                ti ringrazio, la risposta è stata molto esauriente

                il pdf della relazione è un po' grezzo e con tante immagini, ma il tempo a nostra disposizione era poco per la concomitanza del rognoso esame di geotecnica ... come posso allegarlo? è un po' pesantuccio (circa 8 mb)

                Commenta


                • #9
                  Originariamente inviato da Snowstorm Visualizza il messaggio
                  come posso allegarlo? è un po' pesantuccio (circa 8 mb)
                  Ciao, per la dimensione il problema non si pone: zip, pdf e doc hanno limite a 20 mega.
                  Se il problema è un altro contattami via MP
                  Casa: Tombolo (PD) - 42 m s.l.m.
                  Lavoro: Resana (TV)

                  Commenta


                  • #10
                    Relaz Meteo Dal Monte, Dalpiaz.pdf

                    forse ci sono riuscito

                    Commenta


                    • #11
                      Originariamente inviato da Snowstorm Visualizza il messaggio
                      [ATTACH]80902[/ATTACH]

                      forse ci sono riuscito
                      Perfetto, grazie mille.

                      La temperatura rilevata nelle “frost hollow” come la matematica non è un’opinione, chiedilo agli abitanti di Oymyakon

                      Stazione meteo Levico Terme, quota 490 metri


                      Stazione meteo Compet, quota 1390 metri

                      Commenta


                      • #12
                        Complimenti per il lavoro...

                        L'ho guardato velocemente ma l'ho già salvato per leggerlo con calma in futuro...
                        Dati meteorologici di Noventa Vicentina: www.9meteo.it/noventa
                        Dati meteorologici di Schio: www.9meteo.it/schio

                        Commenta


                        • #13
                          Io l'ho letto tutto: interessante!

                          Due osservazioni: a pagina 8 si parla di "un vasto promontorio anticiclonico presente tra Russia ed Ucraina", ma per me un promontorio è qualcosa che "sporge", che si protende tra due aree che sono, nel caso della meteo, aree di bassa pressione. Questa la definirei piuttosto "una robusta e vasta area anticiclonica"
                          Pagina 30: föhn, non phön

                          Vorrei vivere un'eterna primavera
                          https://www.marcobonatti.it
                          https://nefologicando.wordpress.com/category/nuvole/

                          Commenta


                          • #14
                            Appena letto, gran bel lavoro, complimenti!
                            Dati online su

                            http://www.meteoaltavillavicentina.altervista.org/

                            http://www.meteoaltavillavicentina.altervista.org/tabella.php

                            Stazione Davis VP2 wireless con kit di ventilazione diurna

                            Commenta


                            • #15
                              Abbiamo creato un thread ad hoc con la relazione nella parte importante, il titolo "Chiedo il vostro aiuto" non dava merito al gran bel lavoro.

                              Se volete proseguire la discussione andate pure qui

                              http://forum.meteotriveneto.it/showt...826#post958826


                              Un grazie ancora a Snowstorm per aver condiviso con Meteo Triveneto questo gran bel lavoro. Tra l'altro uno dei professori è il dott. Zardi con cui siamo in contatto da tempo per il Festival della Meteorologia e coincidenza l'analisi del modello riguarda proprio uno dei giorni in cui si è tenuto il Festival.
                              Organo ufficiale del Consiglio Direttivo di Meteotriveneto

                              Abbiamo un sogno: un Triveneto finalmente unito!

                              Commenta

                              Sto operando...
                              X