annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Periodi piovosi e periodi secchi del secolo scorso

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Periodi piovosi e periodi secchi del secolo scorso

    Qualche giorno fa Simone '71, che ringrazio, mi ha segnalato la presenza negli annali dell'Ispra di una lunga serie storica di dati rilevati a Possagno, probabilmente presso l'Istituto Cavanis, che si trova a poco più di un km da casa mia. Ho deciso quindi di trascrivere tutti i dati pluviometrici mensili e gli eventi più significativi (oltre 80mm in un giorno) per vedere che tempo faceva una volta. La serie storica inizia nel 1917, si interrompe tra fine ottobre 1917 e il 1919 e poi riprende dal 1920 e il 1961, con lacune sparse.
    In generale ho osservato che rispetto agli ultimi otto anni (la mia serie di dati) la piovosità era inferiore di circa 400-500mm, attestandosi mediamente tra 1400 e 1500, anche se raramente veniva superata la soglia dei 2000mm (ho beccato un anno più piovoso del 2010, record della mia breve serie). Anche i "centelli" (100mm in un giorno) erano più rari che negli ultimi anni, mentre ho trovato un solo accumulo mensile superiore a 400mm (negli ultimi 8 anni sono già 3). Dal 1934 gli accumuli di neve fusa sono segnalati da un fiocco, così ho potuto constatare con tristezza la notevole nevosità di quel periodo rispetto agli ultimi anni, con mesi invernali spesso secchi ma con accumuli nevosi prevalenti su quelli piovosi (in un altro topic segnalerò le due possibili grandi nevicate che ho individuato).
    Inizio con il 1917 che presenta un misero accumulo di 5,2mm a febbraio (nella mia serie sarebbe record) e un notevole periodo secco tra giugno e settembre (249,5mm in quattro mesi). Da fine ottobre i rilevamenti si interrompono a causa della Grande Guerra.
    Hp, vade retro!!!!!!!

  • #2
    1920-1925
    1920: il mese più secco è febbraio con appena 23,9mm, seguito da un bimestre marzo aprile molto piovoso con accumulo complessivo di 534,8mm (330,5mm a marzo, 204,3mm ad aprile). Per il resto accumuli compresi tra 75 e 205mm. Manca il dato di giugno. Da segnalare i 120,1mm rilevati il 16 marzo;
    1921: anno più secco della serie storica con appena 569,7mm di accumulo (negli ultimi 8 anni mai sceso sotto i 1500mm). Solo marzo e aprile hanno superato la soglia dei 100mm, mentre 9 mesi su 12 non hanno toccato nemmeno i 50mm. Tra novembre e dicembre rilevati appena 3,8mm Si può parlare di una siccità gravissima per la mia zona;
    1922: nei primi due mesi persiste la siccità con appena 110,7mm complessivi, poi marzo interrompe il terribile periodo secco con un accumulo di 255,2mm, dei quali 94,5mm rilevati il giorno 23. Segue un periodo di normale piovosità che porta a chiudere l'anno con 1568,5mm. Da segnalare gli 85,6 del 30 ottobre e i 133mm del 21 dicembre;
    1923: l'anno non presenta situazioni particolarmente anomale, salvo un bimestre luglio-agosto molto secco (97mm complessivi) e chiude a 1546,7mm. Da segnalare gli 85mm del 4 dicembre;
    1924: anno nel complesso normale con accumulo totale di 1512mm. Da segnalare il piovoso bimestre aprile-maggio (421,2mm) e l'arido mese di novembre (1,6mm);
    1925: anno leggermente più piovoso dei precedenti con 1677,6mm di accumulo totale. Va segnalato il piovoso trimestre maggio-luglio (644mm in tre mesi, dei quali ben 259mm nel mese di luglio.
    Hp, vade retro!!!!!!!

    Commenta


    • #3
      1926-1930

      1926:
      purtroppo mancano i dati di marzo, aprile, maggio e giugno. Tuttavia dai dati della vicina Crespano del Grappa si può notare un periodo estremamente piovoso tra maggio (325,5mm) e giugno (373,4mm). Il giorno 16 maggio sono stati rilevati 120,7mm a Crespano e ben 134,8mm a Fener. Un altro periodo piovoso si è verificato tra ottobre e novembre con ben 640,4mm, dei quali 394,8mm nel solo mese di novembre. Solo dicembre è stato secco con appena 15mm. Quasi sicuramente l'anno ha superato la soglia dei 2000mm.
      1927: manca il dato di un piovoso mese di gennaio, quando a Crespano del Grappa sono stati rilevati 230,5mm e a Fener 279,4mm. Per il resto non ci sono stati valori eccezionali salvo un aprile moderatamente secco (39,4mm) e l'anno ha chiuso con circa 1450mm.
      1928: la piovosità annua non presenta grosse anomalie con un dato di 1699,5mm. Tuttavia la distribuzione è stata molto irregolare con mesi estremamente secchi (4mm a febbraio, 8mm a luglio), un bimestre marzo-aprile molto piovoso (627,8mm dei quali 380,4mm nel solo mese di aprile) e un ottobre piovoso (343,5mm). Vanno segnalati diversi eventi pluviometrici importanti: 118mm accumulati il 26 marzo, 145mm il 3 aprile (uno tra i valori giornalieri più alti mai registrati) e i 107,1mm del 28 ottobre. Tra il 28 e il 29 ottobre a Cison di Valmarino furono rilevati ben 280mm (126mm+154mm), dato che a mio parere potrebbe aver causato episodi alluvionali.
      1929: ritorna il grande secco con accumulo annuo che non raggiunge nemmeno i 1000mm (il dato preciso non è disponibile in quanto manca l'accumulo di febbraio, quando a Fener si rilevarono appena 11,6mm). Va segnalato l'arido mese di marzo (0,2mm) e il secco quadrimestre giugno-settembre con appena 215,8mm di accumulo (solo 27mm a luglio).
      1930: nel complesso non presenta grosse anomalie pluviometriche con un accumulo annuo di 1534,6mm. Vanno segnalati tuttavia i 437mm registrati tra aprile e maggio e i 43,8mm registrati a novembre.
      Hp, vade retro!!!!!!!

      Commenta


      • #4
        1931-1935

        1931: l'accumulo annuo si attesta a 1475,2mm. Il quadrimestre giugno settembre risultò secco con un accumulo complessivo di soli 280,6mm. Per contro piogge abbondanti si verificarono tra ottobre e novembre (565,6mm di accumulo bimestrale), con fenomeni particolarmente intensi il 26 ottobre (95mm). Gran secco a dicembre con soli 6mm di accumulo mensile.
        1932: mancano i dati di febbraio, giugno e luglio, ma in base ai dati delle località limitrofe si può ipotizzare un accumulo annuo di circa 1150mm, quindi fortemente deficitario rispetto alla norma. Gran secco nei mesi di gennaio (5mm) e agosto (13,4mm).
        1933: manca il dato di febbraio ma in base ai dati delle stazioni vicine si può stimare un accumulo annuo di circa 1350mm. Le precipitazioni sono ben distribuite nei vari mesi dell'anno e non si notano eccessi significativi.
        1934: manca il dato di luglio ma si può stimare un accumulo annuo di 2000-2050mm: si tratta quindi di un anno molto piovoso. Tra aprile e giugno si nota un primo periodo di grandi piogge (203,6mm ad aprile, 273,2mm a maggio e 229,6mm a giugno per un totale trimestrale di ben 706,4mm). Un secondo periodo piovoso è individuabile tra novembre e dicembre con accumulo bimestrale di 466,8mm.
        1935: manca il dato del piovosissimo mese di ottobre, quando a Fener si rilevarono 387,4mm e a Crespano del Grappa addirittura 443,1mm, dei quali 297,7mm nei primi 6 giorni e 103,5mm il giorno 2. Anche il mese di novembre fu piovoso con un accumulo mensile di 288,8mm, dei quali 129,4mm accumulati il giorno 18. L'anno chiude con un accumulo di 1850-1900mm.
        Hp, vade retro!!!!!!!

        Commenta


        • #5
          1936-1940
          1936:
          l'anno chiude con un accumulo complessivo di 1621,9mm e non presenta particolari eccessi. Il mese più secco è ottobre con 48,4mm, il più piovoso è aprile con 216,6mm.
          1937: con i suoi 2350,4mm risulta l'anno più piovoso della serie storica e supera persino il record della mia breve serie di dati (2324mm nel 2010). Notevole il dato di marzo (341,2mm) e fenomenale la sequenza degli accumuli mensili del pentamestre giugno-ottobre (220mm a giugno, 266mm a luglio, 326,4mm ad agosto, 281,8mm a settembre e 231,8mm ad ottobre). Si tratta quindi di un'estate nettamente più piovosa di quella del 2014, nonché seguita da un ulteriore surplus pluviometrico nel bimestre settembre-ottobre contrariamente a quanto accaduto quest'anno (chissà le falde...). Nessun mese ha avuto un accumulo inferiore a 50mm.
          1938: manca il dato di novembre. Dopo l'anno delle grandi piogge, torna il secco con un quadrimestre gennaio-aprile straordinariamente deficitario (8,8mm a gennaio, 15mm a febbraio, 3,6mm a marzo, 22mm ad aprile). L'anno prosegue senza ulteriori eccessi e chiude in deficit con un accumulo di 1150-1200mm.
          1939: l'anno chiude con un accumulo di 1511,8mm e non presenta particolari eccessi salvo una temporanea siccità tra febbraio e marzo (29mm in entrambi i mesi). Sono degni di menzione i 101mm accumulati il 5 novembre.
          1940: l'anno chiude con un accumulo di 1490,5mm e presenta un periodo di moderata siccità tra gennaio e aprile (150,9mm nel corso del quadrimestre), un arido mese di dicembre (1,8mm, tutti nevosi) e un piovoso mese di ottobre (295,6mm). Il 5 maggio rilevati 88mm.
          Hp, vade retro!!!!!!!

          Commenta


          • #6
            grazie, molto interessante! hai dati sulle temperature anche?
            Il mio blog meteo:

            Commenta


            • #7
              Originariamente inviato da Yuki-arashi Visualizza il messaggio
              grazie, molto interessante! hai dati sulle temperature anche?
              Ci sono anche quelli, ma per ora ho raccolto solo quelli del febbraio '29 che inserirò in un nuovo topic dedicato all'evento. Anticipo solo un dato: a Padova la temperatura media della prima e della seconda decade del febbraio 1929 è inferiore a -5°C.
              Hp, vade retro!!!!!!!

              Commenta


              • #8
                1941-1945
                1941: manca il dato di marzo. Anno leggermente più piovoso del normale con un accumulo complessivo di circa 1850mm. Periodo molto piovoso nel trimestre aprile giugno (257,2mm ad aprile, 212mm a maggio, 212,4mm a giugno. Gran secco a settembre con soli 19mm di accumulo mensile. Il 3 gennaio rilevati 100,2mm, il 14 novembre 95,4mm.
                1942: anno decisamente secco con un accumulo di 1067,3mm. Particolarmente secchi i mesi di gennaio (11,1mm) e ottobre (32mm). Al contrario il 27 settembre sono stati rilevati ben 106mm (244,8mm in tutto il mese).
                1943: anno ancora più secco con appena 951,5mm di accumulo complessivo. Particolarmente secco il primo quadrimestre (110,4mm da gennaio ad aprile) e l'ultimo trimestre (185,6mm tra ottobre e dicembre). Nessun accumulo mensile supera la soglia dei 200mm.
                1944: mancano i dati di settembre e ottobre (in concomitanza con l'atroce rastrellamento del Grappa e le devastazioni punitive nei paesi pedemontani). Terzo anno consecutivo di secco con un accumulo complessivo di circa 1170mm. Particolarmente secchi i mesi di gennaio (5mm), marzo (11,8mm) e agosto (32,2mm). Nel mese di ottobre invece rilevati ben 365,1mm a Crespano del Grappa.
                1945: mancano i dati di un piovoso mese di agosto (222,6mm a Crespano) e di novembre. Ennesimo anno di siccità con un accumulo stimato di circa 980mm. Particolarmente secchi i mesi di gennaio (38,4mm), febbraio (3,6mm tutti nevosi), settembre (34,4mm) e ottobre (22,4mm).
                Il quadriennio 1942-1945 costituisce il periodo più secco della serie storica.
                Hp, vade retro!!!!!!!

                Commenta


                • #9
                  1946-1950
                  Dell'anno 1946 mancano quasi tutti i dati purtroppo.
                  1947: l'anno si chiude con un accumulo complessivo di 1405,4mm. Grandi piogge tra febbraio (254,8mm) e marzo (216,8mm), secco invece nei mesi di gennaio (13,8mm) e ottobre (27mm).
                  1948: l'accumulo annuo si attesta a 1432mm. Gran secco tra novembre (15,8mm) e dicembre (29,8mm), piogge abbondanti a gennaio (265,8mm) e a maggio (270,4mm).
                  1949: anno decisamente secco con un accumulo totale di 1098,9mm. Nei primi tre mesi prosegue la siccità iniziata nel novembre 1948 (77,2mm a gennaio, 0mm a febbraio, 30mm a marzo), ma un altra fase secca si verifica tra agosto e ottobre (7,6mm ad agosto, 44,7mm a settembre, 56mm ad ottobre). Grandi piogge invece a novembre con un accumulo mensile di 383,2mm.
                  1950: altro anno secco con accumulo complessivo di 1235,8mm, anche se in questo casi non si osservano periodi siccitosi significativi. Il mese più secco è marzo con 23,8mm di accumulo, il più piovoso è aprile con 225,4mm.
                  Hp, vade retro!!!!!!!

                  Commenta


                  • #10
                    1951-1955
                    1951: anno moderatamente più piovoso del normale con accumulo complessivo di 1845,4mm. Piogge abbondanti nel primo bimestre (232,6mm a gennaio, 321,6mm a febbraio, il mitico inverno 1951 con nevicate imponenti sulla Alpi). Grandi piogge anche a novembre con un accumulo mensile di ben 429,4mm. Da segnalare i 175mm del 9 novembre, maggior accumulo giornaliero della serie storica.
                    1952: anno più secco del normale con 1134,7mm di accumulo. Precipitazioni scarse nel primo trimestre dell'anno (37,1mm a gennaio, 46,6mm a febbraio, 51,8mm a marzo) e tra giugno (37,2mm) e luglio (70,4mm).
                    1953: l'accumulo annuo si attesta a 1383mm. Gran secco nel primo trimestre dell'anno (42,4mm a gennaio, 20,6mm a febbraio, 0,8mm a marzo), piogge abbondanti ad ottobre (364,6mm), seguite da un secco mese di novembre (18,4mm). A luglio registrati ben 21 giorni con pioggia per un totale mensile di 231,4mm.
                    1954: l'accumulo annuo è di 1365,7mm. La pioggia tuttavia è ben distribuita (accumuli mensili compresi tra 40 e 190mm) e non si segnalano eccessi particolari.
                    1955: anno più secco del normale con accumulo complessivo di 1188,9mm. Non si segnalano particolari eccessi salvo un mese di aprile estremamente secco (6,8mm)
                    Hp, vade retro!!!!!!!

                    Commenta


                    • #11
                      1956-1961
                      1956: l'anno si chiude con un accumulo di 1374,1mm. Non si segnalano particolari eccessi. Il mese più secco è dicembre con 20,6mm di accumulo, il più piovoso è aprile con 227,2mm.
                      1957: anno normale con accumulo complessivo di 1488,2mm. Secco a marzo (16,2mm), piogge abbondanti a luglio (233,2mm).
                      1958: altro anno nel complesso normale con un accumulo finale di 1481,4mm. Si segnalano tuttavia due periodi secchi: uno, modesto, collocato nel primo trimestre (55mm a gennaio, 88,6mm a febbraio, 38,5mm a marzo), il secondo nel trimestre estivo (68,2mm a giugno, 46,6mm a luglio, 59,4mm ad agosto). Per contro, grandi piogge ad aprile (245,2mm) e tra novembre (220,3mm) e dicembre (253,4mm).
                      1959: anno decisamente piovoso con accumulo complessivo di 2055mm. Particolarmente piovosi i mesi di aprile (307,2mm), novembre (303mm) e dicembre (319,8mm). Secco eccezionale a febbraio (0mm). Il 29 ottobre accumulati ben 105,4mm.
                      1960: altro anno molto piovoso con accumulo finale di 2077,6mm. Piogge particolarmente abbondanti ad ottobre (333mm), scarse tra aprile (41mm) e maggio (39,4mm). Il biennio 1959-1960 è il più piovoso della serie storica.
                      1961: ritorna il secco con un accumulo annuo di 1289,9mm. Sono due i periodi di secco più significativi: il primo è il bimestre febbraio-marzo (11,6mm a febbraio, 5,6mm a marzo), il secondo si colloca tra agosto (21,6mm) e settembre (24,4mm) Il 13 novembre accumulati 104,8mm.

                      Con il 1961 termina la serie storica di Possagno. E' stato molto interessante questo lavoro di raccolta dei dati. Quello che ho notato è che, nel contesto di una piovosità generalmente inferiore a quella attuale, ci sono comunque stati periodi di forti e prolungate anomalie sia negative che positive: mi riferisco in particolare alla siccità del 1921 (meno di 600mm annui), una cosa semplicemnte inimmaginabile per i nostri standard ma penso per quelli di allora, e alle grandi piogge del 1937 (2350mm annui) e del biennio 1959-1960 (oltre 4100mm), eccessi questi ultimi che tuttavia non sono lontani da quelli che abbiamo vissuto nel 2010 e potrebbero essere raggiunti dall'anno in corso, se entro fine mese arriveranno forti ondate di maltempo.
                      Hp, vade retro!!!!!!!

                      Commenta


                      • #12
                        Originariamente inviato da Piovoso92 Visualizza il messaggio
                        Qualche giorno fa Simone '71, che ringrazio, mi ha segnalato la presenza negli annali dell'Ispra di una lunga serie storica di dati rilevati a Possagno, probabilmente presso l'Istituto Cavanis, che si trova a poco più di un km da casa mia. Ho deciso quindi di trascrivere tutti i dati pluviometrici mensili e gli eventi più significativi (oltre 80mm in un giorno) per vedere che tempo faceva una volta. La serie storica inizia nel 1917, si interrompe tra fine ottobre 1917 e il 1919 e poi riprende dal 1920 e il 1961, con lacune sparse.
                        In generale ho osservato che rispetto agli ultimi otto anni (la mia serie di dati) la piovosità era inferiore di circa 400-500mm, attestandosi mediamente tra 1400 e 1500, anche se raramente veniva superata la soglia dei 2000mm (ho beccato un anno più piovoso del 2010, record della mia breve serie). Anche i "centelli" (100mm in un giorno) erano più rari che negli ultimi anni, mentre ho trovato un solo accumulo mensile superiore a 400mm (negli ultimi 8 anni sono già 3). Dal 1934 gli accumuli di neve fusa sono segnalati da un fiocco, così ho potuto constatare con tristezza la notevole nevosità di quel periodo rispetto agli ultimi anni, con mesi invernali spesso secchi ma con accumuli nevosi prevalenti su quelli piovosi (in un altro topic segnalerò le due possibili grandi nevicate che ho individuato).
                        Inizio con il 1917 che presenta un misero accumulo di 5,2mm a febbraio (nella mia serie sarebbe record) e un notevole periodo secco tra giugno e settembre (249,5mm in quattro mesi). Da fine ottobre i rilevamenti si interrompono a causa della Grande Guerra.
                        se vuoi farti scoppiare il fegato guarda anche i dati di nevosità del monte grappa, come i quasi 7metri al suolo dell'inverno 50/51, oppure le primavere supernevose (fino ad aprile inoltrato) che compensavano un inverno magari più secco (ma gelido) del normale
                        Avatar: in ricordo del ghiaccio

                        Commenta


                        • #13
                          oppure i dati del dicembre 1933, con 45cm caduti qui nel periodo 13-15 dicembre.
                          Probabilmente la migliore nevicata del secolo visto che a differenza dell'85 fu seguita da alcuni giorni di gelo e non da 2 giorni di diluvio.

                          Se la ricorda bene mio nonno, nonostante siano passati più di 70 anni, perchè fece crollare il tendone della sagra di santa lucia che si teneva in quegli anni
                          Avatar: in ricordo del ghiaccio

                          Commenta


                          • #14
                            Originariamente inviato da stau Visualizza il messaggio
                            oppure i dati del dicembre 1933, con 45cm caduti qui nel periodo 13-15 dicembre.
                            Probabilmente la migliore nevicata del secolo visto che a differenza dell'85 fu seguita da alcuni giorni di gelo e non da 2 giorni di diluvio.

                            Se la ricorda bene mio nonno, nonostante siano passati più di 70 anni, perchè fece crollare il tendone della sagra di santa lucia che si teneva in quegli anni
                            Davvero altri tempi...guardando gli annali, è incredibile vedere la frequenza con cui compare il fiocchetto sopra l'accumulo pluviometrico nei mesi invernali (e a marzo). Un'altra possibile grande nevicata l'ho individuata tra il 16 e il 17 gennaio 1941, quando la stazione di Possagno rilevò 42mm con simbolo del fiocchetto e con le seguenti temperature: -5°C/0°C il 16, -2°C/0°C il 17. Sempre in quell'inverno vanno segnalati i 19,6mm nevosi del primo febbraio. Le reanalisi di wetterzentrale per l'episodio di metà gennaio sono le seguenti:
                            File allegati
                            Hp, vade retro!!!!!!!

                            Commenta


                            • #15
                              Animazione del periodo 13 dicembre-21 dicembre 1933


                              Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   ciao.gif 
Visite: 1 
Dimensione: 638.6 KB 
ID: 1582407

                              La -15 a 850hpa dopo quasi 50cm di neve al suolo

                              Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   850hpa.gif 
Visite: 1 
Dimensione: 669.6 KB 
ID: 1582406

                              Altri tempi, altro clima
                              Avatar: in ricordo del ghiaccio

                              Commenta

                              Sto operando...
                              X