annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

[OT] Rapporto sole - clima

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • #16
    Originariamente inviato da And9 Visualizza il messaggio
    appunto, per rispondere servono competenze. un male di internet è che tutti possano parlare di tutto pensando basti informarsi li.

    detto questo come han già detto altri, la fonte (sito) è completamente inaffidabile
    Certo! Ma io credo che su QUESTO forum ci siano persone con la competenza sufficiente a dire la loro egregiamente!!!
    Non certo io... per questo ho posto le questioni.

    Commenta


    • #17
      Argomento interessante e complicatissimo.
      Penso che se fosse noto il grado preciso di correlazione, ci sarebbero ad esempio meno riserve sul reale impatto delle attività antropiche sul global warming.
      Questo la dice lunga secondo me.
      Sud-est provincia Treviso.

      Commenta


      • #18
        Originariamente inviato da piave Visualizza il messaggio
        Argomento interessante e complicatissimo.
        Penso che se fosse noto il grado preciso di correlazione, ci sarebbero ad esempio meno riserve sul reale impatto delle attività antropiche sul global warming.
        Questo la dice lunga secondo me.
        Ma io rilancio con una domanda ancora più diretta e mirata rispetto a quanto posto nel primo post (scusate il gioco di parole): a vostro parere è davvero POSSIBILE prevedere i cicli di attività solare?
        Sappiamo tutti che alcuni eventi in natura sono "prevedibilissimi" (esempio banale: le fasi lunari, regolate da leggi astronomiche che non sgarrano ), altri "abbastanza prevedibili" (esempio: le maree, che dipendono molto dalla una ma anche da altri fattori più aleatori come le condizioni meteo, oppure le stesse dinamiche meteo troposferiche), altri ancora "poco o per nulla prevedibili" (esempio: i terremoti). Ma per i cicli pluriennali di attività solare??? Si possono prevedere con lustri/decenni di anticipo?
        Non me ne intendo, ma di primo acchito a me verrebbe da dire di sì, in quanto ricordo benissimo come diversi lustri fa girasse la "previsione" di un sole molto attivo fino ai primi anni 2000, e in effetti così è stato; ora gira la previsione di una riduzione ulteriore dell'attività solare (ferma restando l'alternanza tra picchi e cavi) per i prossimi decenni. Quanto questa "previsione" è campata in aria e quanto invece poggia su solide basi?
        Ecco, per i miei interessi professionali (e anche per il mio interesse di clima-meteofilo estremo ) avere una bella platea di opinioni su tale punto sarebbe già cosa ottima!
        Attendo, se possibile, riscontri (e continuo a ringraziare in anticipo!).

        Commenta


        • #19
          Non ho capito se vuoi dei pareri stile sondaggio (in questo il forum è uno strumento perfetto) o se vuoi delle risposte corrette dal punto di vista scientifico.
          Neo

          Nel mondo esistono 10 tipi di persone: quelli che conoscono i numeri binari e quelli che non li conoscono....

          Commenta


          • #20
            Originariamente inviato da Neo Visualizza il messaggio
            Non ho capito se vuoi dei pareri stile sondaggio (in questo il forum è uno strumento perfetto) o se vuoi delle risposte corrette dal punto di vista scientifico.
            No, no, la seconda cosa (quindi, ad esempio... un parere tuo! ).
            Poi, Daniele, lo so che tra le tue virtù c'è anche la modestia (magari fossero tutti così), quindi sarai il primo a dire che nessuno ha la verità in tasca, ma appunto io qua vado in cerca di "pareri" non di "dogmi" (che poi, secondo me, non esistono proprio!)
            E certo, il parere tuo mi interessa molto di più rispetto... al mio!

            Commenta


            • #21
              Ti ringrazio. Non so se oggi riuscirò a scrivere qualcosa, in caso domani. In passato comunque avevo scritto diversi articoli sull'argomento compreso quello sulla previsione del coclo solare (nastro trasportatore). Ciao
              Neo

              Nel mondo esistono 10 tipi di persone: quelli che conoscono i numeri binari e quelli che non li conoscono....

              Commenta


              • #22
                Originariamente inviato da Neo Visualizza il messaggio
                Ti ringrazio. Non so se oggi riuscirò a scrivere qualcosa, in caso domani. In passato comunque avevo scritto diversi articoli sull'argomento compreso quello sulla previsione del ciclo solare (nastro trasportatore). Ciao
                Ottimi articoli quindi per le mie esigenze , solo che mi sono sfuggiti!
                Attendo allora buone nuove da te appena puoi!!!
                Grazie!

                Commenta


                • #23
                  Originariamente inviato da Neo Visualizza il messaggio
                  Ti ringrazio. Non so se oggi riuscirò a scrivere qualcosa, in caso domani. In passato comunque avevo scritto diversi articoli sull'argomento compreso quello sulla previsione del coclo solare (nastro trasportatore). Ciao
                  Ciao Daniele.
                  Una domanda anche da parte mia.
                  Ci sono risposte scientifiche (scientificamente corrette e plausibili, allo stato delle conoscenze attuali) anche di quanto questi cicli solari incidono sul clima?
                  Sud-est provincia Treviso.

                  Commenta


                  • #24
                    Originariamente inviato da piave Visualizza il messaggio
                    Ciao Daniele.
                    Una domanda anche da parte mia.
                    Ci sono risposte scientifiche (scientificamente corrette e plausibili, allo stato delle conoscenze attuali) anche di quanto questi cicli solari incidono sul clima?
                    L’influenza diretta del ciclo di Schwabe in funzione alla temperatura globale è minima per non dire insignificante. Se analizziamo le recenti ricostruzioni satellitari (interpolazione di più dati) inerenti all’andamento della TSI degli ultimi 30 anni (es: Frohlich e Lean 1998; Frohlich 2000; Frohlich 2006) scopriremo che la differenza tra minimo e massimo solare è inferiore allo 0,1%, in parole povere l’energia (radiazione) del sole non aumenta ne diminuisce in modo significativo durante il ciclo solare.
                    Un dato di fatto è che l'attuale trend climatico non può essere spiegato con la sola attività solare, qualsiasi sia il meccanismo considerato e in qualsiasi modo si pensi che la radiazione solare possa essere amplificata.
                    Riallacciandomi brevemente alla possibile previsione dei cicli occorre dire che il ciclo di Schwabe non può essere previsto con precisione, anche se esistono degli indicatori interessanti che ci permettono di formulare delle ipotesi. Mi riferisco per esempio all’analisi del nastro trasportatore la cui velocità determina il “motore” dell’attività solare, o per esempio ad SODA (Solar Dynamo Amplitude) metodo sviluppato nel 1993 da Schatten e Pesnell.


                    Ps: ritornerò sull’argomento la prossima settimana, purtroppo in questo periodo sono incasinato, portate pazienza… buon week-end
                    Neo

                    Nel mondo esistono 10 tipi di persone: quelli che conoscono i numeri binari e quelli che non li conoscono....

                    Commenta


                    • #25
                      Originariamente inviato da Neo Visualizza il messaggio
                      L’influenza diretta del ciclo di Schwabe in funzione alla temperatura globale è minima per non dire insignificante. Se analizziamo le recenti ricostruzioni satellitari (interpolazione di più dati) inerenti all’andamento della TSI degli ultimi 30 anni (es: Frohlich e Lean 1998; Frohlich 2000; Frohlich 2006) scopriremo che la differenza tra minimo e massimo solare è inferiore allo 0,1%, in parole povere l’energia (radiazione) del sole non aumenta ne diminuisce in modo significativo durante il ciclo solare.
                      Un dato di fatto è che l'attuale trend climatico non può essere spiegato con la sola attività solare, qualsiasi sia il meccanismo considerato e in qualsiasi modo si pensi che la radiazione solare possa essere amplificata.
                      Riallacciandomi brevemente alla possibile previsione dei cicli occorre dire che il ciclo di Schwabe non può essere previsto con precisione, anche se esistono degli indicatori interessanti che ci permettono di formulare delle ipotesi. Mi riferisco per esempio all’analisi del nastro trasportatore la cui velocità determina il “motore” dell’attività solare, o per esempio ad SODA (Solar Dynamo Amplitude) metodo sviluppato nel 1993 da Schatten e Pesnell.


                      Ps: ritornerò sull’argomento la prossima settimana, purtroppo in questo periodo sono incasinato, portate pazienza… buon week-end

                      Grazie mille per la spiegazione, con i tuoi riferimenti ho trovato anche le pubblicazioni che mi leggerò con calma.
                      Buon WE anche a te!
                      Sud-est provincia Treviso.

                      Commenta


                      • #26
                        Originariamente inviato da Neo Visualizza il messaggio
                        L’influenza diretta del ciclo di Schwabe in funzione alla temperatura globale è minima per non dire insignificante. Se analizziamo le recenti ricostruzioni satellitari (interpolazione di più dati) inerenti all’andamento della TSI degli ultimi 30 anni (es: Frohlich e Lean 1998; Frohlich 2000; Frohlich 2006) scopriremo che la differenza tra minimo e massimo solare è inferiore allo 0,1%, in parole povere l’energia (radiazione) del sole non aumenta ne diminuisce in modo significativo durante il ciclo solare.
                        Un dato di fatto è che l'attuale trend climatico non può essere spiegato con la sola attività solare, qualsiasi sia il meccanismo considerato e in qualsiasi modo si pensi che la radiazione solare possa essere amplificata.
                        Riallacciandomi brevemente alla possibile previsione dei cicli occorre dire che il ciclo di Schwabe non può essere previsto con precisione, anche se esistono degli indicatori interessanti che ci permettono di formulare delle ipotesi. Mi riferisco per esempio all’analisi del nastro trasportatore la cui velocità determina il “motore” dell’attività solare, o per esempio ad SODA (Solar Dynamo Amplitude) metodo sviluppato nel 1993 da Schatten e Pesnell.


                        Ps: ritornerò sull’argomento la prossima settimana, purtroppo in questo periodo sono incasinato, portate pazienza… buon week-end
                        Mi unisco ai complimenti di Piave: ottimo intervento come sempre, Neo!
                        Alla prossima quindi, dopo la tua prossima esposizione avrò anche una o due cosette da chiederti, sempre che non mi precedi già tu nelle tue spiegazioni!

                        Commenta


                        • #27
                          Riesumo questo antico thread per segnalare un interessante studio che rimette in gioco l'attività solare e la sua influenza sulle variazioni climatiche

                          https://www.attivitasolare.com/gli-s...a-prima-volta/
                          Casa: Tombolo (PD) - 42 m s.l.m.
                          Lavoro: Resana (TV)

                          Commenta


                          • #28
                            Siamo all'alba del nuovo ciclo solare, il 25esimo nascente proprio in questi mesi

                            Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   SIDC DailySunspotNumberSince1900.gif 
Visite: 1 
Dimensione: 27.3 KB 
ID: 1638434
                            La meteorologia è una scienza inesatta,che elabora dati incompleti,con metodi discutibili per fornire previsioni inaffidabili. [Andrea Baroni]

                            Commenta

                            Sto operando...
                            X