annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

CELLINA e VARMA

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • CELLINA e VARMA

    ho visto che non c'è un topic dedicato a questa location della valcellina, annosa questione
    che da anni preoccupa l'alta valcellina, e che sempre si sente dopo delle abbondanti precipitazioni ( > 100mm ).

    io ormai è qualche anno che sostengo che non sia l'affluente varma il problema principale dell'interruzione del tratto stradale,

    come si può notare dall'ultima instantanea, si vede già parte della carreggiata dal lato cellina ricoperta da acqua, mentre il lato del varma ha ancora qualche cm prima di strabordare.



    li in quel punto c'è una ditta che ha una concessione di sghiaiamento di 50.000mc annui.
    il mio cruccio è che tale ditta opera alla pene di segugio!
    perchè per andare a prender la ghiaia si crea la sua bella stradina, però cosi facendo crea
    una barriera ( diga ) natura di ghiaia per la quale l'acqua esonda prima dal lato cellina.
    poi quando la mole d'acqua diventa tale, abbatte tale strada chiudendo la confluenza con il varma e li si raggiunge l'apice della criticità.

    ho raccolto da tempo molte foto dello stato avanzamento lavori di questo scempio, e guardandole assieme
    pare che la mia tesi sia confermata.

    ora non sarà un problema cosi grave se una/due volte l'anno si chiude la strada.
    capisco il disagio di chi DEVE andare a lavorare, io stesso a volte ho fatto 150km per fare claut-->barcis.
    ma che si vogliano sprecare esose risorse pubbliche per inalzare la strada di qualche metro quando la soluzione pare a portata di mano....
    Mandi!



    ( si aggiorna ogni 5 minuti )

  • #2
    qui potete notare lo sbarramento/strada che viene creato.



    capite anche che più muovendo ghiaia dentro al letto del fiume, più se ne sposterà.
    Mandi!



    ( si aggiorna ogni 5 minuti )

    Commenta


    • #3
      Originariamente inviato da laserman Visualizza il messaggio
      qui potete notare lo sbarramento/strada che viene creato.



      capite anche che più muovendo ghiaia dentro al letto del fiume, più se ne sposterà.
      Ottimo 3D Daniele, e anche il concetto evidenziato è lapalissiano quanto ignorato, me lo diceva proprio un clautano che opera in quel settore..
      Gino Lovisa

      ​http://www.maniagometeo.altervista.org

      Cos'è l'esperienza se non la memoria dei propri errori...?!
      La natura è un'artista e non ama ripetere se stessa.
      La curiosità è la madre della conoscenza.
      La meteo: passione, non ossessione!

      Commenta


      • #4
        Topic interessante.... Effettivamente mancava. E comunque anch'io sono dell'idea che "più muovendo ghiaia dentro al letto del fiume, più se ne sposterà". Se lì togli 100 (e magari non bene), poi ne arrivano 110/120....

        Commenta


        • #5
          penso che più se ne muova li per crearsi le varie strade sul greto, più si toglie densità ai vari strati e quindi basta sempre meno acqua per smuovere ingenti quantità di ghiaia che portano all'esondazione della cellina.

          se poi si prosegue verso monte, si possono notare gli argini in sponda dx che sono già parecchio erosi, e non mancano piccole frane e smottamenti quasi ogni evento di piena!
          Mandi!



          ( si aggiorna ogni 5 minuti )

          Commenta


          • #6
            anche oggi si può notare la cellina già a 1/4 di strada e il varma qualche centimetro sotto al livello strada.

            Mandi!



            ( si aggiorna ogni 5 minuti )

            Commenta


            • #7
              Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   ImageUploadedByTapatalk1392821402.579797.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 22.8 KB 
ID: 1559931

              Stasera non si va a casa...
              Mandi!



              ( si aggiorna ogni 5 minuti )

              Commenta


              • #8
                Originariamente inviato da laserman Visualizza il messaggio
                [ATTACH]54067[/ATTACH]

                Stasera non si va a casa...
                Accidenti! è davvero un problemaccio, per voi oltre Barcis, che con questo regime pluviometrico si evidenzia in tutta la sua gravità
                Gino Lovisa

                ​http://www.maniagometeo.altervista.org

                Cos'è l'esperienza se non la memoria dei propri errori...?!
                La natura è un'artista e non ama ripetere se stessa.
                La curiosità è la madre della conoscenza.
                La meteo: passione, non ossessione!

                Commenta


                • #9
                  Discussione molto interessante!
                  Quali sono le possibili soluzioni?
                  In questo forum si impara che:

                  Può non piovere per mesi ma non è secco perché prima e dopo ha piovuto, la parola "secco" è una bestemmia.
                  Un evento è tale solo se accade a casa propria.
                  I meteorologi sbagliano anche quando azzeccano.
                  I modelli sono carta straccia se non mostrano cìò che si vuole.
                  I dati sono validi solo se confermano le proprie idee.
                  La normalità coincide con le proprie ossessioni.
                  Chi apprezza la pioggia è un malato mentale.

                  Commenta


                  • #10
                    Originariamente inviato da Burano Visualizza il messaggio
                    Discussione molto interessante!
                    Quali sono le possibili soluzioni?
                    Rifare la strada probabilmente
                    Il mio blog meteo:

                    Commenta


                    • #11
                      Io penso a due possibili soluzioni.

                      La prima :

                      Visto che c'è già una concessione di sghiaiamento, obbligarli a prender la ghiaia in un preciso tratto e non "ad cazzun" creando strade, e quindi muovendo ghiaia" lungo il letto del fiume.

                      Se notate con 30cm di acqua la ghiaia in cellina è più alta.

                      La seconda:
                      Prender la ghiaia più grossa e creare i cosiddetti gabbioni e metterli lungo le sponde partendo dal prescudin e scendendo, magari coinvolgendo lavoratori e non troppo mezzi meccanici.
                      Mandi!



                      ( si aggiorna ogni 5 minuti )

                      Commenta


                      • #12
                        Alcune domande:

                        Perchè prendere la ghiaia creando stradine nel letto del torrente peggiora il problema? Lo sghiaiamento andrebbe fatto su tutta la larghezza del torrente su un tratto di qualche centinaio di metri oppure solo lungo una sponda?

                        Cosa sono i gabbioni?
                        In che modo potrebbero risolvere il problema?

                        Nella mia zona ci sono sì rii e torrenti, ma non creano assolutamente problemi anche in un periodo del genere (al massimo esondano brevemente, e solo se diluvia in maniera davvero intensa per molto tempo) e l'unica manutenzione necessaria è il taglio delle piante che crescono sul greto; pertanto, non mi intendo di queste cose..
                        In questo forum si impara che:

                        Può non piovere per mesi ma non è secco perché prima e dopo ha piovuto, la parola "secco" è una bestemmia.
                        Un evento è tale solo se accade a casa propria.
                        I meteorologi sbagliano anche quando azzeccano.
                        I modelli sono carta straccia se non mostrano cìò che si vuole.
                        I dati sono validi solo se confermano le proprie idee.
                        La normalità coincide con le proprie ossessioni.
                        Chi apprezza la pioggia è un malato mentale.

                        Commenta


                        • #13
                          muovere la ghiaia per creare strade significa che la successiva onda di piena smuoverà ancora più materiale di quello che normalmente si muoverebbe. più ghiaia smuovi nel letto del fiume ( senza spostarla, perchè la usano per costruirsi piste carrabili ) più essa si smuoverà mossa dall'acqua. tanto che spesso queste piste carrabili tagliano ortogonalmente il letto del fiume, creando dei veri e proprio sbarramenti al flusso dell'acqua.



                          i gabbioni non sono altro che gabbie di rete metallica riempiti di ciotoli e unite tra loro.
                          Mandi!



                          ( si aggiorna ogni 5 minuti )

                          Commenta


                          • #14
                            Originariamente inviato da laserman Visualizza il messaggio
                            muovere la ghiaia per creare strade significa che la successiva onda di piena smuoverà ancora più materiale di quello che normalmente si muoverebbe. più ghiaia smuovi nel letto del fiume ( senza spostarla, perchè la usano per costruirsi piste carrabili ) più essa si smuoverà mossa dall'acqua. tanto che spesso queste piste carrabili tagliano ortogonalmente il letto del fiume, creando dei veri e proprio sbarramenti al flusso dell'acqua.



                            i gabbioni non sono altro che gabbie di rete metallica riempiti di ciotoli e unite tra loro.
                            Per Burano: io mi commuovo quando uno lo sente interessato a queste cose e quindi integro quanto detto da Daniele (laserman):
                            Collega il testo che ho evidenziato e capirai il comportamento della Cellina ( probabilmente anche di tutti i torrenti similari) comunque il problema non è nello specifico idro-geologico, quanto nell'aspetto socio- ambientale, se così posso dire, sghiaiare quella zona vuol dire camion e camion che attraversano il centro abitato di Barcis...... hai capito tutto?
                            in caso contrario ci aggiorniamo a domani
                            Gino Lovisa

                            ​http://www.maniagometeo.altervista.org

                            Cos'è l'esperienza se non la memoria dei propri errori...?!
                            La natura è un'artista e non ama ripetere se stessa.
                            La curiosità è la madre della conoscenza.
                            La meteo: passione, non ossessione!

                            Commenta


                            • #15
                              Grazie x le spiegazioni!

                              Daniele, conto di proseguire il discorso a voce (se ti va) la prossima volta che ci vediamo (basta che si decida a smettere di piovere..)

                              Originariamente inviato da handel Visualizza il messaggio
                              Per Burano: io mi commuovo quando uno lo sente interessato a queste cose e quindi integro quanto detto da Daniele (laserman):
                              Collega il testo che ho evidenziato e capirai il comportamento della Cellina ( probabilmente anche di tutti i torrenti similari) comunque il problema non è nello specifico idro-geologico, quanto nell'aspetto socio- ambientale, se così posso dire, sghiaiare quella zona vuol dire camion e camion che attraversano il centro abitato di Barcis...... hai capito tutto?
                              in caso contrario ci aggiorniamo a domani

                              Addirittura ti commuovi!
                              Ho capito bene cosa intendi dire; in effetti il Cellina è un bel problema, perchè trasporta moltissima ghiaia che sta riempiendo velocemente il lago (così la diga rischia di finire come quella di Crosis sul torrente Torre a Tarcento) ed ovvamente ne alza il letto.
                              Sarebbe altresì improponibile portar via tutto quel materiale con i camion facendoli obbligatoriamente passare x Barcis e Montereale (quindi rovinando la strada, aumentando il rischio di incidenti.. etc)
                              In questo forum si impara che:

                              Può non piovere per mesi ma non è secco perché prima e dopo ha piovuto, la parola "secco" è una bestemmia.
                              Un evento è tale solo se accade a casa propria.
                              I meteorologi sbagliano anche quando azzeccano.
                              I modelli sono carta straccia se non mostrano cìò che si vuole.
                              I dati sono validi solo se confermano le proprie idee.
                              La normalità coincide con le proprie ossessioni.
                              Chi apprezza la pioggia è un malato mentale.

                              Commenta

                              Sto operando...
                              X