annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

11 novembre 2012: bomba d'acqua sul triveneto

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • 11 novembre 2012: bomba d'acqua sul triveneto

    Esattamente un anno fa sulle nostre zone si scatenò una bomba d'acqua con accumuli superiori ai 100 mm in 24 ore ( ma la maggior parte caddero in 12 ore) su una vastissima area che coinvolgeva veronese, vicentino, trevigiano, pordenonese e una parte del bellunese. Si trattò di una potente sciroccata in cui si formarono anche temporali con moto SW-NE. La situazione sinottica vedeva un'approfondita saccatura su Europa Occidentale e un anticiclone di blocco su quella orientale: tra queste due figure bariche l'Italia si trovò sotto tiro di umidissime correnti di scirocco che provocarono eventi alluvionali sulle nostre zone e tra Liguria e Toscana.

    Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   11 nov 1.gif 
Visite: 2 
Dimensione: 69.3 KB 
ID: 1644453

    Sotto le precipitazioni cadute in Friuli dall'archivio OSMER

    Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   11 nov 2.gif 
Visite: 1 
Dimensione: 93.9 KB 
ID: 1644454

    Link dell'analisi dell'evento in Veneto in cui si possono trovare anche i dati pluviometrici di tale regione

    http://www.arpa.veneto.it/arpav/pagi...bre%202012.pdf

    Sotto un mio video con allagamenti e dati pluviometrici a Francenigo



    quest'altro sempre riferito a Francenigo di un mio compaesano

    Le mio foto su flickr


    Il mio blog


    Il mio sito web

  • #2
    Che evento incredibile! L'unica occasione in cui ho provato paura vera per un fenomeno meteorologico.
    Il giorno prima i lam mostravano accumuli localmente superiori a 200mm sulle Prealpi e nel forum c'era fermento ed apprensione. Tuttavia, vedendo che le precipitazioni sarebbero durate solo 12-15 ore, ero convinto che i lam sovrastimassero di parecchio e che alla fin fine non c'era nulla di cui preoccuparsi. Alla sera di sabato 10 Novembre sono rimasto sveglio fino a tardi per seguire l'arrivo delle piogge che peraltro si si verificò più tardi del previsto. Alle 23 circa iniziarono i potenti rovesci da stau, andai a dormire e misi la sveglia alle 4.15 (ho segnato tutto sull'agendina) per evitare di perdere i dati pluviometrici (il mio pluvio manuale è graduato solo fino a 40mm). Alle 4.15 uscii assonnato sotto un diluvio e trovai già 43mm nel pluviometro. Il torrente dietro casa era in piena ma non faceva ancora paura. Al mattino venni svegliato intorno alle 8 dal frastuono della pioggia: fuori diluviava in maniera impressionante sotto un cielo nero con lampi. Il torrente dietro casa era vicino ai livelli del 1 Novembre 2010 e cresceva con un ritmo mostruoso. Controllai internet e vide che la situazione si stava mettendo male: il satellite mostrava un treno di celle temporalesche che risaliva dal Levante Ligure mentre il radar aveva vaste macchie gialle in risalita dall'Emilia con macchioline arancioni. Verso le 10 è iniziata la fase acuta con un vero e proprio nubifragio degno del peggior temporale estivo: il torrente iniziò a straripare sul giardino e subito, memori dell'alluvione del 1998 quando il torrente straripò a monte della nostra casa e l'acqua entrò dal cancello facendo un disastro, siamo corsi a mettere tavole di legno al cancello. Poi non abbiamo potuto fare altro che aspettare e sperare che il diluvio si placasse mentre sulla strada grande della Valcavasia si sentivano passare i Vigili del Fuoco. Anche i campi vicini a casa erano ormai completamente inondati da quelli che di solito erano piccoli rigagnoli e il torrente continuava a salire prendendosi pezzi di giardino. Grazie al cielo verso le 11.30 la pioggia si è placata e rapidamente il livello dell'acqua e sceso (la sorgente è solo ad un km di distanza). L'accumulo finale è stato di 175mm in circa 15 ore. Quel giorno ho provato emozioni fortissime: dall'euforia alla paura al sollievo alla felicità di aver vissuto un fenomeno davvero estremo!
    Hp, vade retro!!!!!!!

    Commenta


    • #3
      Le foto ritraggono il torrente (potete notare il confronto con la situazione normale), la stradina di accesso ad un maneggio inondata da quello che di solito è un rigagnolo di campagna e il giardino allagato. Tutte le foto sono state scattate quando il pericolo era passato.
      File allegati
      Hp, vade retro!!!!!!!

      Commenta

      Sto operando...
      X