annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

CNR: in Italia la temperatura sale e piove meno

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • CNR: in Italia la temperatura sale e piove meno



    CNR:

    Italia: la temperatura sale e piove meno

    Le medie +1,4 gradi in un secolo. Il doppio rispetto al resto del mondo.

    Temporali più violenti e concentrati


    Il fenomeno riguarda l'area del Mediterraneo



    La temperatura della Terra continua a crescere e le discussioni, più politiche ed economiche che scientifiche, vedono i governi impegnati, almeno a parole, a non superare un aumento di due gradi entro il secolo. Altrimenti i guai sarebbero seri. Ovviamente il riscaldamento è un problema globale, ma è interessante vedere come le cose stanno andando nella nostra penisola analizzando i dati dell'ultimo secolo elaborati con l'Istituto di scienze dell'atmosfera e del clima del Cnr di Bologna, dove è attivo un gruppo di climatologia storica.

    MEDITERRANEO ANOMALO - «Due numeri emergono con interesse», nota Michele Brunetti dell'Istituto bolognese. «Mentre la temperatura media dall'inizio del Novecento sull'intero pianeta è salita di 0,74 gradi, nell'area mediterranea il valore risulta il doppio: 1,4 gradi centigradi. La seconda cifra riguarda le precipitazioni medie che sono invece diminuite del 5 per cento rispetto al passato, pur rivelando negli ultimi anni episodi più violenti e concentrati».
    Per le piogge ci sono tuttavia dei momenti che dicono il contrario: è il caso del maggio appena chiuso, che ha visto al Nord una quantità superiore del 50 per cento rispetto al riferimento di base al pari dello stesso mese del 1977; altrettanto è successo al Sud nel 1979, nel 1959 e nel 1928.


    DATI - L'Italia è un Paese virtuoso per la registrazione dei dati meteorologici, tanto da disporre delle serie più lunghe a livello internazionale. Milano, Torino, Padova, Bologna e Palermo hanno iniziato nella seconda metà del Settecento (Bologna addirittura dal 1714). I valori di queste informazioni sono poi resi omogenei a quelli raccolti nelle epoche successive per poter essere utilizzati. Ma ancora prima, nel Seicento, è da ricordare che Ferdinando II de' Medici realizzò la prima rete di raccolta dati meteorologici estendendosi ben oltre il Granducato di Toscana e arrivando addirittura all'Europa centrale.


    RISCALDAMENTO - «La penisola manifesta un riscaldamento doppio rispetto al resto del pianeta», spiega Brunetti, «perché l'area mediterranea in cui è inserita reagisce in modo più accentuato rispetto ad altre regioni, trovandosi in un punto di transizione tra la fascia tropicale e le medie latitudini. E questa diversità, in confronto ad altre analoghe località del globo, è più evidente. Inoltre, più in generale, l'aumento delle temperature tende a spostarsi sempre più a nord».
    Le conseguenze in agricoltura sono inevitabili come certifica uno studio dell'Università di Firenze con il Cnr secondo il quale le coltivazioni di olio e vino si stanno estendendo a latitudini più elevate. La vite troverebbe il clima adatto più in alto passando dai 200 metri attuali ai 450 metri. Ed è solo il più recente degli esempi legati alla migrazione delle vegetazioni.


    TENDENZA GLOBALE - L'evoluzione della temperatura di un secolo sull'Italia rispecchia la tendenza a livello globale. «Ma nell'ultimo decennio», nota Brunetti, «pur essendoci stati gli anni più caldi, il trend sembra suggerire una stabilizzazione». Comunque le manifestazioni della natura hanno bisogno di tempi lunghi di valutazione e di molta ricerca per essere compresi. E questa è oggi insufficiente.


    Giovanni Caprara
    @giovannicaprara
    12 giugno 2013 | 11:38
    http://www.corriere.it/ambiente/13_g...3e908365.shtml
    Stazione meteo di Camporosso:

    Stazione meteo Valico di Fusine:

    Web Cam Valico Fusine 850m:

  • #2
    Cito un dato locale:

    stazione di Udine dell'OSMER

    Temperatura media annua 1990/1999:
    +12.8 gradi

    Temperatura media annua dal 2000 ad oggi:
    +13.6 gradi

    in allegato il grafico mese per mese:

    Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   udine osmer.JPG 
Visite: 1 
Dimensione: 56.9 KB 
ID: 1526662


    Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   tab udine osmer.JPG 
Visite: 1 
Dimensione: 17.7 KB 
ID: 1526663
    Ultima modifica di lukeud; 12-06-2013, 14:13.
    Stazione meteo di Camporosso:

    Stazione meteo Valico di Fusine:

    Web Cam Valico Fusine 850m:

    Commenta


    • #3
      Qui da me negli ultimi 5/6 anni piove molto più della media

      2462
      2606
      2782
      1795
      2535

      a fronte di una media di 2000mm. E anche quest anno pare inesorabilmente destinato a finire sopra media

      Commenta


      • #4
        Originariamente inviato da bugimeteo Visualizza il messaggio
        Qui da me negli ultimi 5/6 anni piove molto più della media
        Evidentemente in Italia il trend è diverso....

        Non ho sottomano grafici recentissimi.
        Ne ho trovato un paio al volo in rete
        (se qualcuno trova altro lo posti...)

        http://www.comune.modena.it/ilclimad...ocumenti/dati2
        http://www.dta.cnr.it/dmdocuments/pu...3-21_nanni.pdf


        Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   modena.JPG 
Visite: 1 
Dimensione: 26.9 KB 
ID: 1526665

        Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   cnr.JPG 
Visite: 1 
Dimensione: 19.2 KB 
ID: 1526666
        Stazione meteo di Camporosso:

        Stazione meteo Valico di Fusine:

        Web Cam Valico Fusine 850m:

        Commenta


        • #5
          Non so che trend pluviometrico ci sia qui in zona, ma so che la media 2008-2012 è superiore a 1700mm mentre negli atlanti geografici mi trovo nell'area 1000-1500mm, quindi forse ultimamente piove più del normale. Evidentemente è il Centro-Sud a soffrire di più il calo pluviometrico.
          Hp, vade retro!!!!!!!

          Commenta


          • #6
            si ma anche il centro-sud negli ultimi anni ha visto stagioni eccezionalmente piovose...forse è l estremizzazione della fenomenologia a essere un dato molto evidente...
            Il mio blog meteo:

            Commenta


            • #7
              molto strani questi dati, forse vale per il resto d' italia

              Commenta


              • #8
                Originariamente inviato da fedi Visualizza il messaggio
                molto strani questi dati, forse vale per il resto d' italia
                perchè da te faceva - meno freddo una volta?

                postiamo serie storiche ,
                non basiamoci sui dati delle proprie stazioni che hanno pochissimi anni....

                il discorso, poi, si riferisce all'intera Italia
                e riguarda pioggia e temp

                per quanto riguarda il fvg forse non abbiamo avuto un calo nelle prp totali
                (forse localmente sono anche aumentate causa fenomeni + violenti)
                ma sicuramente abbiamo avuto un aumento termico rispetto al passato

                Stazione meteo di Camporosso:

                Stazione meteo Valico di Fusine:

                Web Cam Valico Fusine 850m:

                Commenta


                • #9
                  Originariamente inviato da lukeud Visualizza il messaggio
                  Le conseguenze in agricoltura sono inevitabili come certifica uno studio dell'Università di Firenze con il Cnr secondo il quale le coltivazioni di olio e vino si stanno estendendo a latitudini più elevate. La vite troverebbe il clima adatto più in alto passando dai 200 metri attuali ai 450 metri. Ed è solo il più recente degli esempi legati alla migrazione delle vegetazioni
                  Questo non e' corretto.La coltivazione dell'olivo nei secoli passati era comune nelle zone pedemontane. Tant'è che il paese di Ogliano, nelle colline coneglianesi, prende il nome proprio dalla coltivazione dell'olivo.

                  Commenta


                  • #10
                    sicuramente si va ad anni, anzi a periodi, gli anni 60-70-80 erano piu' freschi in estate, e piu' freddi in inverno dal 1994 abbiamo un forte aumento di temperatura sia in inverno e sopratutto estate. per le pioggie il 2003, 2006, 2007, 2012 hanno visto periodi siccitosi.il periodo 2008-2013 ha visto temperature medie in linea , o in leggero calo. ma abbiamo avuto nevicate in montagna record e tantissime precipitazioni. tranne 2011 periodo estivo, e 2012 periodo primavera-estate

                    Commenta


                    • #11
                      fa più caldo in fvg come nel resto d'italia come media annuale...ma qual è la causa? le estati sempre più calde???
                      Il mio blog meteo:

                      Commenta


                      • #12
                        Posto questi grafici perchè siano rappresentativi della pianura friulana...Non serve per la precisione orticellistica ma per dare un idea della tendenza...Per quanto riguarda la primavera non sembrano esserci grosse variazioni se non una generale decrescita ma gia a metà del periodo preso...Negli ultimi anni ci sono periodi con primavere secche intervallati a periodi più umidi con qualche picco precipitativo(positivo o negativo) come lo scorsa stagione... Probabilmente la stagione a risentire di più del cambiamento è l estate(?)...ringrazio rudy per il grafico preso dal suo sito
                        Il mio blog meteo:

                        Commenta


                        • #13
                          Anche qui in pedemontana vicentina, negli ultimi 5/6 anni sto registrando un sensibile aumento della precipitazioni.
                          Dati on line: http://www.meteobassano.it

                          Ulteriora mirari, praesentia sequi

                          Commenta


                          • #14
                            Originariamente inviato da Philip Visualizza il messaggio
                            Anche qui in pedemontana vicentina, negli ultimi 5/6 anni sto registrando un sensibile aumento della precipitazioni.
                            bassano del grappa

                            media 2008-2012 oltre 1700 mm
                            media 1961-90 oltre 1100 mm
                            media 1991-2012 oltre 1300 mm

                            Togliamo via gli anni 2000 (2000-2012 1400 mm), quelli più piovosi, quindi media 1924-1999, media 1200 mm

                            solo con questi dati si capisce che non è proprio così per noi.

                            aspettiamo i dati dei nostri amici padovani, veneziani e trevigiani per capire se in piena pianura le cose siano diverse
                            ...dal caldo sahariano, passando per la mitica brezza, arrivando al freddo dolinatore...

                            Commenta


                            • #15
                              Non ho i dati precisi, ma se ricordo bene i dati sia ARPAV che di Doctor, a Padova dal 2008, come nel resto del Triveneto, stiamo assistendo ad un periodo che non é solo piovoso, ma eccezionalmente piovoso, i cui precedenti vanno ricercati addirittura nel XVIII secolo: il trittico 2008-2009-2010 ha avuto una piovositá da record storico, come triennio, non sui singoli anni (3 anni consecutivi >1000mm a Padova sono notevoli! media sugli 850-900mm annui); mentre la primavera 2013 é stata la 2a piú piovosa in 300 anni di misurazioni. Fa eccezione solo il periodo secco inverno-estate 2012, che comunque non dovrebbe riequilibrare le eccezionali precipitazioni degli altri anni.
                              Vista l'estrema variabilitá delle precipitazioni, direi che il CNR ha preso un grosso rischio a fare previsioni su queste: infatti, come abbiamo appena detto, sono bastati pochi anni per ribaltare un trend. Non é inoltre mai chiaro, dato che non esiste un unico clima italiano, quale dovrebbe essere la variazione di precipitazioni prevista per noi, e quindi queste statistiche "valide dalle Alpi alla Sicilia" lasciano il tempo che trovano. Che poi, se si dá retta ai comunicati stampa, prevedono tutto e il contrario di tutto: per alcuni, le precipitazioni aumenterebbero causa riscaldamento (ma anche nella PEG pioveva molto); per altri, dovremmo abituarci ad estati mediterranee, inverni con poca neve sui monti, e primavere semi-estive (poi piove tutto in autunno per compensare?)
                              Insomma, lato precipitazioni, la situazione é tutt'altro che chiara. Lato temperature, invece, l'aumento é generalizzato e sensibile, e vedremo come proseguirá.
                              Sotto la neve pane, sotto la pioggia fame - odio lo scirocco - gelo fan club.

                              Io che ho provato il clima mediterraneo dico: che noia!

                              Commenta

                              Sto operando...
                              X