annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Lo strano caso dello sbocco della valsugana

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Lo strano caso dello sbocco della valsugana

    Apro un thread dedicato a questo specifico fenomeno, perchè davvero neppure io che sono bassanese riesco a capacitarmi di quello che è successo...passi la neve con accumulo di 3/4cm appna imboccata la valbrenta, ma quello che ho visto in zona Pove del Grappa è veramente assurdo e inverosimile...ad est (sinistra Brenta) si può notare come l'accumulo scenda ad un certo punto fino a fondovalle, mentre alla stessa altezza della valle, sotto l'altopiano di asiago (destra Brenta) è presente neve al suolo solo dai 700mt d'altezza!!!!


    Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   IMG_3208.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 1.91 MB 
ID: 1642228

    Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   IMG_3209.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 2.31 MB 
ID: 1642229


    Ecco qui le due foto incriminate, concentratevi sulla quota neve. Sinistra Brenta, su quella collinetta, neve fino a fondovalle.

    Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   IMG_3210.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 2.51 MB 
ID: 1642230

    Detsra Brenta, proprio davanti alla collinetta fotografata nella foto precedente, neve presente solo dai 700mt!!!

    Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   IMG_3211.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 2.31 MB 
ID: 1642231

    Lo stesso fenomeno si può osservare dalla webcam di Camposolagna, si intravvede la collinetta innevata fino a fondovalle, di fronte, sull'altro lato della valle, neve solo fin sui 700m!!!

    Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   neve 141212.png 
Visite: 1 
Dimensione: 1.10 MB 
ID: 1503264


    Accumulo al suolo a Campolongo.

    Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   IMG_3213.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 3.00 MB 
ID: 1642232

    Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   IMG_3214.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 2.67 MB 
ID: 1642233

    Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   IMG_3215.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 2.78 MB 
ID: 1642234

    Dalla frazione di Campese verso sud, accumuli discreti al suolo, sullo sfondo si intravvede la fascia delle ultime colline che delimitano la pianura, siamo pochi km dentro al valbrenta

    Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   IMG_3217.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 2.42 MB 
ID: 1642235

    Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   IMG_3218.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 2.76 MB 
ID: 1642236


    Se qualcuno ha qualche idea per sciogliere questo assurdo rompicapo...
    Ultima modifica di Philip; 14-12-2012, 14:46.
    Dati on line:

    Ulteriora mirari, praesentia sequi

  • #2
    centra la brezza o qualche disturbo eolico?
    « - La sua band ha un nome molto originale. Ma chi le ha suggerito il nome Pink Floyd?
    - Gli alieni! »
    (Syd Barrett e un giornalista discutono sull'origine del nome della band)

    Commenta


    • #3
      Durante la prp il vento nella fase terminale della valle che direzione aveva ?
      Remigio Zago - freelance

      Commenta


      • #4
        Può essere un effetto favonico con il vento da nordest che scende dal monte grappa...è l'unica spiegazione che mi do...certo che fare le previsioni per una zona di pochi km quadrati è pressochè impossibile...bassanese mi fai morire!
        Dati on line:

        Ulteriora mirari, praesentia sequi

        Commenta


        • #5
          SE c'erano correnti in uscita dalla valsugana (quindi nord-sud) l'effetto dinamico di accelarazione del flusso nella valle viene a mancare appena fuori e la conseguente divergenza tende a far deviare il flusso verso sinistra. E' possibile che questa massa più secca che si portava verso sinistra (lato sinistro del brenta) portando con se DP inferiori abbia favorito una quota neve più bassa rispetto al lato destro dove invece prevalevano i DP elevati dell'alta pianura.
          Sarebbe interessante, per avvalorare questa ipotesi, se è successo la stessa cosa all'uscita della valle del Tagliamento.

          Remigio Zago - freelance

          Commenta


          • #6
            Lo strano caso dello sbocco della valsugana

            Io sono passato li alle 8.30, pioggia fino al centro OK e dai trenti in poi solo gran neve.
            Il vento era bello sostenuto da nord fino a valstagna.
            Di solito e l'opposto all'uscita pioggia ed a bassano neve....


            Inviato dal mio iPad con Tapatalk HD
            "Sono sempre le condizioni peggiori a rendere le cose straordinarie".

            -Castelminio di Resana 31 mt. s.l.m.
            -Davis Vantage Pro 2 wireless ventilata Daytime

            Commenta


            • #7
              stessa roba l altro giorno segnalata da ermes in val natisone
              Il mio blog meteo:

              Commenta


              • #8
                Valà filippo.. a me giran le balle e smadonno quando piove con un temporale a Torre di Mosto mentre a Stretti splende il sol.. figurarsi se abitassi la da voi dove su una collina nevica solo in cima mentre dall'altra parte nevica fino a valle.

                io ovviamente abiterei ai piedi di quella dove nevica solo in cima

                Anyway, bel post... curioso.. questione di vento di valle probabilmente. che storie comunque
                Giorgio Pavan -
                collaboratore di

                -


                "There's no better place to chase like home"

                Commenta


                • #9
                  Secondo me è perchè il versante ovest del Grappa è più esposto al vento freddo in discesa dalla Valsugana, mentre quello dell'altopiano è più esposto ai venti più caldi della pianura... Sarebbe interessante sapere da dove arrivava il vento nei due luoghi osservati durante le precipitazioni...
                  - Luca Beghetto -
                  Davis VP2 on-line su
                  Raccolte Webcam: - - -
                  Freddofilo d'inverno e caldofilo d'estate! Adoro gli estremi in generale!

                  Commenta


                  • #10
                    Originariamente inviato da Remigio zago Visualizza il messaggio
                    SE c'erano correnti in uscita dalla valsugana (quindi nord-sud) l'effetto dinamico di accelarazione del flusso nella valle viene a mancare appena fuori e la conseguente divergenza tende a far deviare il flusso verso sinistra. E' possibile che questa massa più secca che si portava verso sinistra (lato sinistro del brenta) portando con se DP inferiori abbia favorito una quota neve più bassa rispetto al lato destro dove invece prevalevano i DP elevati dell'alta pianura.
                    Sarebbe interessante, per avvalorare questa ipotesi, se è successo la stessa cosa all'uscita della valle del Tagliamento.

                    Stessa identica cosa allo sbocco della valle del Piave: molta neve a Segusino/Fener fino a S.Vito di Valdobbiadene (sinistra Piave), molta meno neve sul lato destro all'altezza di Pederobba.
                    Situazione che capita spesso e con una certa regolarità allo sbocco della valle del Piave verso la pianura.

                    Commenta


                    • #11
                      Stessa identica cosa che accade fra i comuni di Artegna e Gemona allo sbocco della val Tagliamento sul lato orografico di sx

                      Il vento (freddo) in uscita mantiene la colonna , in particolare il DP, e non fa saltare la quota critica di 550/650 mslm, con neve fino a fondovalle (anche fino 150/180 mslm)
                      Basta un rilievo anche lievissimo o la "spalla" della vallata (ad Artegna la spalla del Faeit verso il paese di Montenars) un pò più sporgente a schermare il vento, vince la lama calda a quota 550/650 e di colpo la neve la trovi a 600/700 mslm..... nel giro di 1 km in linea d'aria.

                      Incredibile.

                      Al suolo l'effetto è surreale, da pioggia battente con gelicidio (100 % acqua) a neve SECCA (100% neve) nel giro di 200/300 mt lineari, il tempo di fare una rotonda e imboccare la via dopo, alla stessa quota, anzi in discesa!!

                      Commenta


                      • #12
                        Originariamente inviato da Charley92 Visualizza il messaggio
                        stessa roba l altro giorno segnalata da ermes in val natisone
                        Quale il lato nevoso?

                        Commenta


                        • #13
                          Originariamente inviato da mik furlan Visualizza il messaggio
                          Stessa identica cosa che accade fra i comuni di Artegna e Gemona allo sbocco della val Tagliamento sul lato orografico di sx

                          Il vento (freddo) in uscita mantiene la colonna , in particolare il DP, e non fa saltare la quota critica di 550/650 mslm, con neve fino a fondovalle (anche fino 150/180 mslm)
                          Basta un rilievo anche lievissimo o la "spalla" della vallata (ad Artegna la spalla del Faeit verso il paese di Montenars) un pò più sporgente a schermare il vento, vince la lama calda a quota 550/650 e di colpo la neve la trovi a 600/700 mslm..... nel giro di 1 km in linea d'aria.

                          Incredibile.

                          Al suolo l'effetto è surreale, da pioggia battente con gelicidio (100 % acqua) a neve SECCA (100% neve) nel giro di 200/300 mt lineari, il tempo di fare una rotonda e imboccare la via dopo, alla stessa quota, anzi in discesa!!

                          cosi sembra filare...che sia veramente così?
                          Dati on line:

                          Ulteriora mirari, praesentia sequi

                          Commenta


                          • #14
                            Originariamente inviato da Philip Visualizza il messaggio
                            cosi sembra filare...che sia veramente così?
                            è veramente così. Situazione vista parecchie volte. Certo si parla di "resistenza" di un paio di ore rispetto agli altri ...la capitolazione è inesorabile.

                            Commenta


                            • #15
                              Originariamente inviato da bugimeteo Visualizza il messaggio
                              è veramente così. Situazione vista parecchie volte. Certo si parla di "resistenza" di un paio di ore rispetto agli altri ...la capitolazione è inesorabile.
                              Più o meno

                              Ma certe volte , tipo nov 2009 mi pare e feb 2004 sicuramente, fa la differenza fra una nevicata marcia al limite con poco accumulo e una nevicata secca con buon accumulo.

                              Commenta

                              Sto operando...
                              X