Pagina 3 di 5 PrimaPrima 12345 UltimaUltima
Risultati da 21 a 30 di 49
  1. #21
    Iridescenza
    Data Registrazione
    Sep 2009
    Località
    Budoia (PN) e Belluno per lavoro
    Messaggi
    49

    Re: [EME] Incendio La Valle Agordina

    si l'attività prosegue grazie anche alle condizioni di visibilità.Noi siamo stati chiamati a concorrere dal Direttore dello Spegnimento che è un uomo della Regione Veneto. Non abbiamo quindi un aggiornamento diretto. Sento i Canadair fare avanti e indietro dal Lago di Santa Croce che passno qui sopra l'aeroporto.

  2. #22
    Nimbostratus
    Data Registrazione
    Sep 2008
    Località
    Godo di Gemona del Friuli (Ud) 192 m slm- Camporosso in Valcanale 832 slm
    Messaggi
    2,152

    Re: [EME] Incendio La Valle Agordina

    l's64 una belva in caso d'incendio...il canadair è poco versatile e meno funzionale...
    una volta contenuto l'incendio il difficile sarà bonificare accuratamente la zona... alcune domande:
    che tipo di vegetazione c'è?? pino nero o orno-ostrieto (carpino nero e orniello), ora le specie caducifoglie han le foglie verdi dunque a basso potenziale di combustione!
    le fiamme dalle foto non parevano altissime, ma l'incendio sembrava correr sulle chiome delle piante...ci sono stati fenomeni di spotting(cioè il vento ha trascinato frammenti incandescenti che hanno dato vita a nuovi focolai)???
    se il Cjampon a la il cjapiel..o al fas brut o al ven biel..

  3. #23
    Altostratus
    Data Registrazione
    Jul 2006
    Località
    Crocetta del M.llo TV
    Messaggi
    780

    Re: [EME] Incendio La Valle Agordina

    INCENDIO SULLE DOLOMITI. IL FUOCO NON ANCORA DOMATO. STATO DI ATTENZIONE DI PROTEZIONE CIVILE

    COMUNICATO STAMPA N° 878 DEL 12/05/2011

    (AVN) – Venezia, 12 maggio 2011

    Con la luce del giorno, il Centro Operativo Regionale ha riattivato a tutto campo le operazioni di contenimento e spegnimento del grande incendio boschivo sviluppatosi due giorni fa sul monte Zelo, nel territorio del Comune bellunese di la Valle Agordina. Il fuoco non accenna ancora ad arretrare ed ha già percorso una superficie valutata in non meno di 300 ettari, anche se il computo è al momento prudenziale, in quanto il fumo, che staziona sulla zona ostacolando l’intervento, impedisce rilevamenti precisi. Oltre alle squadre a terra, composte da una trentina di uomini tra volontari specializzati e personale del Servizio Forestale regionale di Belluno, stanno operando due elicotteri regionali, un elicottero del Corpo Forestale dello Stato, i mezzi aerei inviati dal COAU (Centro operativo aereo unificato del Dipartimento nazionale della Protezione Civile): il grande elicottero Erikson S 64 da 9 mila litri d’acqua per ogni passaggio e un Canadair, mentre è in arrivo un secondo Canadair.
    Con riferimenti alle possibili conseguenze collaterali dell’incendio, il Centro Funzionale Decentrato della Protezione Civile del Veneto ha dichiarato lo stato di attenzione limitatamente alla zona del Comune di La Valle Agordina in quanto il fuoco potrebbe aver compromesso la funzione protettiva del bosco. Si potrebbero perciò verificare eventi di dissesto, in particolare fenomeni di crollo, con conseguente rotolamento di massi sull’abitato e sulla sede stradale. Tali fenomeni sono più probabili in corrispondenza di eventi meteorologici soprattutto se a carattere di rovescio.
    “L’intervento dal cielo è stato sostanziale ed essenziale per limitare l’espandersi delle fiamme e probabilmente si rivelerà risolutivo – ha fatto presente l’assessore alla protezione civile del Veneto Daniele Stival – considerata la natura del terreno, particolarmente impervio, lungo il quale le fiamme si sono estese. Altrettanto essenziale è tuttavia il lavoro a terra, per evitare che il fuoco possa avvicinarsi a zone abitate e alle strade, dove sono pronti anche i Vigili del Fuoco, e per impedire che possa varcare alcuni passi, dai quali potrebbe estendersi ad altri versanti e ad altre zone. L’incendio è stato fermato nel suo procedere lungo la Val Clusa verso il Parco nazionale delle Dolomiti, che tuttavia è stato lambito dall’evento e non è ancora completamente fuori pericolo. Proprio il personale di terra – ha concluso Stival – avrà poi anche il difficile compito di controllare tutti i soprassuoli per controllare la situazione e spegnere i residui focolai che potrebbero ancora covare al di sotto della superficie di materiale vegetale. Contiamo anche che mutino le condizioni meteorologiche: le previsioni in questo senso sono ‘buone’, dal momento che indicano la possibilità di precipitazioni, che potrebbero peraltro avere altri effetti negativi”.

  4. #24
    Iridescenza
    Data Registrazione
    Sep 2009
    Località
    Budoia (PN) e Belluno per lavoro
    Messaggi
    49

    Re: [EME] Incendio La Valle Agordina

    Si tratta di boschi a pino silvestre e pino nero. La pianta che è caduta sulla linea elettrica è ancora lì, ed è evidente che è stata la causa dell'innesco. L'incendio è partito come incendio di chioma favorito dal vento e si è propagato rapidamente anche grazie alla secchezza del terreno a causa del periodo molto avaro di piogge. Ieri sera c'erano tre distinti fronti. Noi abbiamo tenuto a bada la zona confinante con il Parco.

  5. #25
    Altostratus
    Data Registrazione
    Jul 2006
    Località
    Crocetta del M.llo TV
    Messaggi
    780

    Re: [EME] Incendio La Valle Agordina

    Avviso emesso dal CFD

    Centro Funzionale Decentrato

    Prescrizioni di Protezione Civile
    Emissione: 11/05/11 ore 16:00
    Agli Enti destinatari interessati
    Considerato l’incendio che in località La Muda del Comune di La Valle Agordina (BL), ha interessato il versante sud del
    M.te Cielo, si segnala la possibilità che si verifichino eventi di dissesto, in particolare fenomeni di crollo, con conseguente
    rotolamento di massi sull'abitato e sulla sede stradale. Tali fenomeni sono più probabili in corrispondenza di eventi
    metereologici soprattutto se aventi carattere di rovescio.
    Il fuoco può aver compromesso la funzione protettiva del bosco e pertanto si consiglia attento monitoraggio e
    sorveglianza, specie durante e subito dopo i periodi di pioggia intensa, in corrispondenza di versanti interessati da litologie
    particolarmente fratturate o da coltri detritiche precedentemente ricoperte dalla vegetazione.
    per il rischio idrogeologico si dichiara lo
    STATO DI ATTENZIONE
    Limitatamente alla zona del Comune di La Valle Agordina

    Vista la particolarità del fenomeno, la presente prescrizione deve ritenersi valida a decorrere da oggi sino a diversa
    comunicazione da parte di questo ente.
    Si raccomanda agli Enti destinatari di prestare la massima attenzione per la sorveglianza dei fenomeni possibili
    sul territorio di competenza, di vigilare sull’evolversi del fenomeno e di attivare, qualora lo ritenessero necessario, il
    C.O.C e quanto previsto dai rispettivi Piani di Emergenza.
    Le Amministrazioni Provinciali avranno cura di assicurare che la presente Dichiarazione e gli eventuali relativi
    aggiornamenti siano inoltrati alle Associazioni di Volontariato e agli altri Enti e Strutture tecniche previsti nel Piano di
    Emergenza se non già in indirizzo, nonché di attivare, in caso di particolari criticità, le competenti Organizzazioni di volontariato,
    verificandone l’adeguatezza delle dotazioni di mezzi e materiali.
    Gli Enti in indirizzo avranno cura di segnalare con la massima tempestività ogni situazione di emergenza sul proprio
    territorio.
    Si raccomanda alle Sale Operative delle Province di aggiornare la seguente Struttura ad ogni significativa
    variazione del fenomeno in atto fino al cessare dello stato di allarme.
    Gli Enti in indirizzo sono tenuti a comunicare il recapito di reperibilità h24 attivato.
    La Protezione Civile Regionale, anche attraverso il proprio Centro Funzionale Decentrato, seguirà l’evoluzione
    dell’evento e comunicherà tempestivamente ogni eventuale sviluppo negativo.
    Al momento non è stata attivata la sala operativa di Coordinamento Regionale in Emergenza (Co.R.Em.), E’ in ogni
    caso attivo il servizio di reperibilità al Numero Verde 800 990 009 per la segnalazione di ogni eventuale
    si tuazione di emergenza.
    Ai destinatari del presente messaggio si comunica che la ricevuta di trasmissione dell’invio del presente fax,
    rappresenterà per questa Struttura, la certificazione dell’avvenuta notifica.

  6. #26
    Nimbostratus
    Data Registrazione
    Sep 2008
    Località
    Godo di Gemona del Friuli (Ud) 192 m slm- Camporosso in Valcanale 832 slm
    Messaggi
    2,152

    Re: [EME] Incendio La Valle Agordina

    Citazione Originariamente Scritto da sosterod
    Si tratta di boschi a pino silvestre e pino nero. La pianta che è caduta sulla linea elettrica è ancora lì, ed è evidente che è stata la causa dell'innesco. L'incendio è partito come incendio di chioma favorito dal vento e si è propagato rapidamente anche grazie alla secchezza del terreno a causa del periodo molto avaro di piogge. Ieri sera c'erano tre distinti fronti. Noi abbiamo tenuto a bada la zona confinante con il Parco.
    pino nero da rimboschimenti immagino del post guerra...
    perdita di valore ambientale minima..paesaggistica magari molta più...
    da un punto di vista puramente vegetazionale meglio così: ora le poche latifoglie presenti al suolo produrranno un casino di polloni, i nuovi boschi che si formeranno saranno più sicuri dal punto di vista del rischio d'incendio...
    se il Cjampon a la il cjapiel..o al fas brut o al ven biel..

  7. #27
    Altostratus
    Data Registrazione
    Jul 2006
    Località
    Crocetta del M.llo TV
    Messaggi
    780

    Re: [EME] Incendio La Valle Agordina

    Continuano gli interventi di spegnimento. Poco fa è passato qui sopra l'elicottero dei Vigili del Fuoco che si sta portando nel bellunese per un sopralluogo dall'alto per meglio comprendere la situazione!

  8. #28
    Miraggio
    Data Registrazione
    May 2011
    Messaggi
    15

    Re: [EME] Incendio La Valle Agordina

    Citazione Originariamente Scritto da gio86
    Citazione Originariamente Scritto da sosterod
    Si tratta di boschi a pino silvestre e pino nero. La pianta che è caduta sulla linea elettrica è ancora lì, ed è evidente che è stata la causa dell'innesco. L'incendio è partito come incendio di chioma favorito dal vento e si è propagato rapidamente anche grazie alla secchezza del terreno a causa del periodo molto avaro di piogge. Ieri sera c'erano tre distinti fronti. Noi abbiamo tenuto a bada la zona confinante con il Parco.
    pino nero da rimboschimenti immagino del post guerra...
    perdita di valore ambientale minima..paesaggistica magari molta più...
    da un punto di vista puramente vegetazionale meglio così: ora le poche latifoglie presenti al suolo produrranno un casino di polloni, i nuovi boschi che si formeranno saranno più sicuri dal punto di vista del rischio d'incendio...
    Secondo me c'è molto pino silvestre anche. Non tutti questi boschi sono frutto di rimboschimenti, anzi. A volte sono cenosi naturali che grazie al fuoco (non così "distruttivo" magari) si rigenerano e si mantengono puri (a livello di specie).
    [Penso ai boschi puri e naturali di pino silvestre/nero tra Pieve-Perarolo e ospitale di Cadore]

  9. #29
    Altostratus
    Data Registrazione
    Jul 2006
    Località
    Crocetta del M.llo TV
    Messaggi
    780

    Re: [EME] Incendio La Valle Agordina

    Sopralluogo, incontro con i tecnici e sorvolo della zona in cui le fiamme stanno distruggendo i boschi nel bellunese. Questa mattina, accompagnato dai tecnici di Palazzo Piloni, il presidente della Provincia di Belluno, Gianpaolo Bottacin, ha potuto vedere di persona la situazione che si e' creata nel Comune di La Valle Agordina e sul Monte Celo.

    «Mi sono confrontato con il sindaco Tiziano De Col, con il quale gia' mi ero sentito, e con Giuseppe Poletti, coordinatore dell'anti-incendio boschivo per la Regione Veneto - ha spiegato Bottacin - Tutti gli uomini che stanno intervenendo stanno compiendo un ottimo lavoro in sinergia e con grande professionalita'. La situazione e' costantemente monitorata e la speranza e' che presto le fiamme possano essere domate».

  10. #30
    Altostratus
    Data Registrazione
    Jul 2006
    Località
    Crocetta del M.llo TV
    Messaggi
    780

    Re: [EME] Incendio La Valle Agordina

    Non accenna ad arretrare l’incendio che da giorni imperversa sui boschi della valle agordina, in provincia di Belluno. Ad una prima stima, resa difficile dalla vastità del rogo, sarebbero 300 gli ettari di bosco andati in fiamme.
    Sul monte Zelo lavorano incessantemente le squadre del Servizio Forestale regionale di Belluno, 2 elicotteri regionali, un elicottero del Corpo Forestale dello Stato, un elicottero Erikson S 64 e un canadair che effettua il flottaggio nel lago di Santa Croce. Un altro canadair è in arrivo per supportare le squadre all’opera.

Discussioni Simili

  1. spartiacque tra valle tagliamento e valle del lumiei
    Di laserman nel forum Reportage meteo-fotografici Triveneti
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 02-09-2013, 23:45
  2. webcam canon, conca agordina
    Di old_albertagort nel forum Strumenti, Stazioni e Webcam
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 01-06-2012, 22:15
  3. Benvenuto alla stazione di La Valle Agordina (BL)
    Di old_Miche nel forum Rete Stazioni M3V
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 29-10-2009, 18:41

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •