Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 27
  1. #1
    Nimbostratus Rete Stazioni M3V

    Data Registrazione
    Nov 2007
    Località
    Fiesso Umbertiano (RO) 9m slm
    Messaggi
    2,017

    Batterie ventola stazione Davis USA

    Ciao a tutti!
    Ieri sera mi sono accorto che la ventola del mio schermo ventilato giorno/notte della Davis non funzionava più perciò stamattina ho smontato lo schermo per sostituirne le batterie.
    Tuttavia ho notato che le batterie in dotazione (e anche specificate dal manuale) non sono le classiche "mezze torce" italiane da 1.5V bensì sono da 1.2V ricaricabili.
    Io ho messo comunque 2 batterie da 1.5V non ricaricabili e vedo che la ventola gira perfettamente anche in ombra, quindi senza l'ausilio del pannello solare.
    Volevo sapere se posso lasciare montate quelle da 1.5V senza problemi o se mi consigliate di mettere quelle dichiarate dal produttore.
    Grazie

  2. #2
    Socio Meteotriveneto
    Rete Stazioni M3V
    L'avatar di Gigi600
    Data Registrazione
    Aug 2008
    Località
    Sacile (PN) 27 mt slm
    Messaggi
    122

    Re: Batterie ventola stazione Davis USA

    Citazione Originariamente Scritto da gian88
    Ciao a tutti!
    Ieri sera mi sono accorto che la ventola del mio schermo ventilato giorno/notte della Davis non funzionava più perciò stamattina ho smontato lo schermo per sostituirne le batterie.
    Tuttavia ho notato che le batterie in dotazione (e anche specificate dal manuale) non sono le classiche "mezze torce" italiane da 1.5V bensì sono da 1.2V ricaricabili.
    Io ho messo comunque 2 batterie da 1.5V non ricaricabili e vedo che la ventola gira perfettamente anche in ombra, quindi senza l'ausilio del pannello solare.
    Volevo sapere se posso lasciare montate quelle da 1.5V senza problemi o se mi consigliate di mettere quelle dichiarate dal produttore.
    Grazie
    Ciao
    No non vanno bene
    Toglile subito le batterie quelle da 1.5 volt (alcaline o altro ) non sono ricaricabili.
    Loro chiedono Batterie NiCad da 1,2 le trovi in negozi di elettronica. o un esempio http://cgi.ebay.it/2-3AA-NiCad-400mAh-1 ... 240%3A1318
    Potrebbero andar bene anche delle batterie Ni Mh queste ricaricabili le trovi ovunque più commerciali anche al supermercato o un esempio http://cgi.ebay.it/New-4-x-1100Mah-AAA- ... 240%3A1307

    Controlla l'amperaggio possono essere da 400 mAh fino a 2600 mAh per le Ni Mh e prendile uguali magari un pò più grandi
    Gigi
    Immagini Allegate Immagini Allegate
    Davis 6153 - GraphWeather Version 2.0.312B - www.sacilemeteo.it
    Ws2350 weewx 3.8 - http://sacilemeteo.it/ws2300/

  3. #3
    Nimbostratus Rete Stazioni M3V

    Data Registrazione
    Nov 2007
    Località
    Fiesso Umbertiano (RO) 9m slm
    Messaggi
    2,017

    Re: Batterie ventola stazione Davis USA

    Ok grazie mille!

  4. #4
    Socio Meteotriveneto
    Rete Stazioni M3V
    L'avatar di the master
    Data Registrazione
    Jul 2006
    Località
    Fontanafredda (PN), Italy
    Messaggi
    373

    Re: Batterie ventola stazione Davis USA

    Ciao!
    Quanto ti sono durate le batterie?? Così so più o meno quando tenermi pronto io a cambiarle...
    L'importante non è prendersela, ma farsela dare!!

    --Rilevazioni tramite stazione Davis Vantage Pro2 con schermo ventilato 24h24 + webcam Mobotix M24 IT--
    ---> Sito web aggiornato ogni 30 sec: http://www.meteofontanafredda.it <---

  5. #5
    Socio Meteotriveneto
    Rete Stazioni M3V
    L'avatar di Gigi600
    Data Registrazione
    Aug 2008
    Località
    Sacile (PN) 27 mt slm
    Messaggi
    122

    Re: Batterie ventola stazione Davis USA

    Citazione Originariamente Scritto da the master
    Ciao!
    Quanto ti sono durate le batterie?? Così so più o meno quando tenermi pronto io a cambiarle...
    Ora faccio Io una previsione " sulla durata batterie "
    diciamo 1 anno forse meno
    Vediamo se ho azzeccato

    Gigi
    Davis 6153 - GraphWeather Version 2.0.312B - www.sacilemeteo.it
    Ws2350 weewx 3.8 - http://sacilemeteo.it/ws2300/

  6. #6
    Nimbostratus Rete Stazioni M3V

    Data Registrazione
    Nov 2007
    Località
    Fiesso Umbertiano (RO) 9m slm
    Messaggi
    2,017

    Re: Batterie ventola stazione Davis USA

    Citazione Originariamente Scritto da the master
    Ciao!
    Quanto ti sono durate le batterie?? Così so più o meno quando tenermi pronto io a cambiarle...
    3 mesi
    La Davis ce l'ho dal 31 Luglio....le batterie che avevo erano quelle che mi hanno messo dentro loro quindi bisogna vedere quanto tempo sono state li dentro perchè se erano vecchie penso sia normale che siano durate così poco

    Stasera ho preso delle batterie NiMh 1.2V da 2500 mAh ricaricabili...penso vadano bene giusto?

  7. #7
    Socio Meteotriveneto
    Rete Stazioni M3V
    L'avatar di Gigi600
    Data Registrazione
    Aug 2008
    Località
    Sacile (PN) 27 mt slm
    Messaggi
    122

    Re: Batterie ventola stazione Davis USA

    " Dovrebbero andar bene "
    Non capisco perché abbiano messo delle batterie Ni Cd
    Forse per la differenza di temperatura minima di lavoro.

    Forse perché costano meno
    Comunque non mi aspetterei una lunga durata

    Fermo non mi assumo la responsabilità
    Al massimo tra 3 mesi la ricambi, è meglio caricarla prima di installarla

    hai una foto di quella vecchia ?

    Gigi

    * CARATTERISTICHE BATTERIE NiCd *
    Si dividono in 2 categorie: Normali e Sinterizzate
    Normali: sono progettate per sopportare una carica normale, gradiscono cariche fluttuanti e non sopportano quelle rapide.
    Tale procedimento garantisce una lunga vita agli accumulatori (1000/1500 cicli di carica/scarica).
    Le batterie al NiCd "Normali" sono quelle che solitamente si trovano in commercio.
    Sinterizzate: sono progettate per sopportare, oltre alla carica normale, cicli di carica rapida, ossia possono essere ricaricate anche in 1h con una corrente superiore a quella nominale.
    Tuttavia, bisogna tener presente che utilizzare cicli di carica rapidi si riduce del 40% la vita normale della batteria.
    Una batteria al NiCd è da ritenersi scarica quando, misurando la sua tensione è circa: 1 Volt (V= 0,7 X n° elementi)
    Vantaggi:
    Carica semplice e veloce, anche dopo una conservazione prolungata.
    Elevato numero di cicli di carica/scarica
    Tollerano correnti di scarica elevate
    Possibilità di carica e funzionamento garantito anche a basse temperature (fino a – 40°C),
    ricordatevelo se andate a correre il trofeo “pinguino d’oro” in Alaska
    Elevata possibilità di conservazione per lungo tempo senza rovinarsi anche in condizione “scariche”
    Buona tolleranza alle “cariche selvagge”
    Sono forse la categoria di batterie ricaricabili più robuste.
    Economiche
    Hanno un basso costo per ciclo di ricarica
    Svantaggi:
    Relativamente bassa densità di energia
    Effetto “memoria”, devono essere periodicamente scaricare per prevenire l’effetto “memoria”
    Inquinanti poichè contengono metalli tossici
    Hanno una “autoscarica” che non consente di conservarle cariche per lungo tempo

    * CARATTERISTICHE BATTERIE NiMh *
    Le batterie NiMh amano una ricarica lineare.
    Il numero di cicli di carica/scarica è 1/3 e anche più, rispetto a quelle NiCd aggirandosi sui 300/500.
    Una batteria NiMH è da ritenersi scarica quando, misurando la sua tensione è circa: 1 Volt (V= 1,01 X n° elementi)
    Vantaggi:
    Dal 30% al 40% superiori in termini di densità d’energia
    Pesano meno delle NiCd a parità di capacità.
    Hanno energia leggera e quindi il modello pesa meno.
    Effetto memoria quasi inesistente
    Richiedono cicli di scarica completa meno frequentemente.
    Sono poco inquinanti poichè contengono sostanze poco tossiche e quindi meno dannose per l’ambiente.
    Svantaggi:
    Vita limitata specie se “trattate male”
    Le prestazioni cominciano a degradare dopo 200/300 cicli.
    E’ preferibile non sfruttare mai la loro capacità massima se gli si vuole allungare la vita.
    Non tollera le elevate correnti di scarica anche se sono in grado di fornire elevate correnti di scarica
    L’utilizzo ripetuto in queste condizioni riduce la vita in termine di cicli.
    Tipologia di carica più complicata rispetto alle NiCd.
    Le NiMH, durante la carica generano maggior quantità di calore ed il tempo di carica è tipicamente più lungo delle NiCd.
    La carica deve essere controllata accuratamente e richiede caricatori più costosi delle NiCd.
    Elevata autoscarica, hanno circa il 50% di maggiore autoscarica rispetto alle NiCd.
    Maggiore criticità di conservazione, non pensiamo di conservarle cariche a lungo.
    Le NiMh dovrebbero non essere conservate in luogo fresco con uno stato di carica residua.
    Anche se l’effetto memoria è minore delle NiCd, saltuariamente vanno comunque mantenute con cicli di scarica.
    Le NiMH sono più costose delle NiCd.

    CARICABATTERIE
    La premessa è che bisogna fare molta attenzione alla scelta del caricabatterie.
    Le NiCd, al termine della loro carica, hanno bisogno di ricevere una botta con voltaggio superiore, mentre le NiMh hanno una carica molto più lineare.
    Questo vuol dire che quando hanno raggiunto la loro piena capacità hanno bisogno di un voltaggio uguale o inferiore delle precedenti.
    Un alimentatore per NiCd, tra i meno costosi e senza regolazione di picco, farà fatica a capire quando le NiMh saranno completamente cariche ed avrà la tendenza a caricarle troppo.
    E' necessario verificarne, con un tester, la loro tensione per capire quando sono prossime alla loro carica massima e monitorare sulla loro temperatura.
    Appena cominciano ad essere calde, e questo succede abbastanza in fretta quando raggiungono la carica massima, bisogna toglierle dall’alimentatore, tendono a bruciarsi facilmente.
    Se abbiamo un caricabatterie con il controllo del picco regolabile, basta regoliarlo a 0,02/0,03 (per tutto il pacco) e quando ci avverte, spegniamo il caricabatterie.
    Ricordiamoci anche che la temperatura delle NiMh è leggermente superiore alle NiCd, al picco la loro temperatura dovrebbe essere tra i 40° e 45°C rispetto ai 35°-37°C delle NiCd.

    METODO DI RICARICA
    Per le batterie Ni/Mh l'amperaggio per la ricarica deve essere basso e cioè tra i 3/5 Ah, è il miglior range.
    Per un uso competitivo e quindi esasperato, dovremo considerare 5 Ah che è il limite del consigliato, ma comunque sicuro.
    Superando questo limite non si incorre in alcun beneficio, anzi si rischia di bruciare le batterie.
    Le NiCd gradiscono fluttuazioni di carica, mentre le NiMh amano una carica lineare.
    Quindi, se il caricabatterie che abbiamo scelto prevede la scelta, usiamola.
    Va anche detto che la carica lineare è da considerarsi di default anche nei caricabatterie più sofisticati e l'unica disponibile in quelli meno costosi.
    Le NiMh si mostrano permissive con le cariche fluttuanti mentre non tollerano la carica di mantenimento.
    Quest'ultima caratteristica, invece, è molto utile per le NiCd.

    AUTOSCARICA
    E' un fenomeno naturale presente in tutti i tipi di accumulatori.
    Non è dovuto a difetti di fabbricazione e dipende sia dall’anzianità che dalla temperatura e cioè:
    Con il passar del tempo si scaricano prima.
    Con l’aumentare della temperatura l’autoscarica aumenta.
    Sia le NiMH che le NiCd hanno una proprietà di autoscarica piuttosto elevata.
    E' da sottolineare che il sistema di scarica con la lampadina danneggia irreversibilmente le batterie poichè fa scendere la tensione a 0 o quasi.
    In queste condizioni si verifica, all’interno di uno o più elementi, un corto circuito, con conseguente danneggiamento dello stesso (ne basta uno danneggiato) per cui la batteria và necessariamente sostituita.
    Una condizione nettamente a favore delle NiMh è quella della scarica.
    Sembra che non se ne preoccupino molto e non hanno lo stesso effetto memoria delle NiCd.
    Quindi è molto meno importante seguire la routine di scarica.

    EFFETTO MEMORIA
    Caratteristica delle batterie NiCd è l’effetto memoria che non è altro che una riduzione della capacità di ricarica di un accumulatore se viene ripetutamente caricato prima che sia completamente scarico.
    In poche parole, se una batteria completamente carica si utilizza per il 70% della sua capacità energetica e successivamente si ricarica, la stessa si dimentica del 30% di potenzialità energetica rimasta che diventa, quindi, inutilizzabile.
    Non bisogna confondere l'effetto memoria, con uno più comune e simile, chiamato abbassamento di potenziale di scarica, che può facilmente verificarsi sia nelle batterie NiCd che in quelle NiMH.
    Tenendo presente che Il materiale che forma gli elettrodi è costituito da cristalli di piccole dimensioni, fino a quando questi cristalli rimangono di dimensioni ridotte, le celle elettrochimiche funzionano in modo appropriato.
    Quando si ha crescita delle dimensioni ha luogo la drastica riduzione dell'area superficiale dei materiali elettronici, con conseguente diminuzione di voltaggio e quindi delle prestazioni dell'accumulatore.
    L'effetto della crescita delle dimensioni dei cristalli è più pronunciato se la batteria viene lasciata sotto carica per giorni, o viene ripetutamente scaricata in maniera incompleta.
    Per evitare quest'effetto bisogna caricare e scaricare completamente la batteria almeno una volta ogni due o tre settimane.
    Stesso fenomeno di crescita delle dimensioni dei cristalli ha luogo anche se la batteria non viene usata per lungo tempo.
    In questo caso per ripristinare le caratteristiche iniziali è necessario un lento e profondo processo di scarica in grado di rimuovere completamente l'energia rimasta nella cella elettrochimica.
    Nelle batterie NiMH l'abbassamento di potenziale di scarica si origina a seguito di un processo di sovraccarica che modifica la struttura cristallina dell'idrossido di nichel (NiOH) dalla forma beta a quella gamma; quest'ultima ha un potenziale d'elettrodo di circa 50 mV inferiore alla forma beta. Anche in questo tipo di batterie il fenomeno può essere rimosso con un processo di completa carica e scarica del dispositivo elettrochimico.
    La più recente tecnologia sembrerebbe avere virtualmente eliminato questo problema; alcuni produttori dichiarano ogni assenza di qualunque effetto "memoria" nelle batterie NiMH.

    DIFFERENZE
    Densità di Energia (Wh/Kg)
    NiCd: 45-80
    NiMh: 60-120

    Longevità (Numero di cicli)
    NiCd: 1000/1500
    NiMh: 300/500

    Tempo per “carica rapida”
    NiCd: 1h
    NiMh: 2/4h

    Tolleranza alla sovraccarica
    NiCd: Moderata
    NiMh: Bassa

    Autoscarica / mese
    NiCd: 20%
    NiMh: 30%

    Corrente del carico
    NiCd: (di picco) 20 x Capacità
    NiCd: (suggerito) = 1 x Capacità
    NiMh: (di picco) 5 x Capacità
    NiMh: (suggerito) = 0.5 x Capacità

    Temperatura di funzionamento
    NiCd: -40°C ÷ +60°C
    NiMh: -20°C ÷ +60°C

    Costo / ciclo €
    NiCd: 0.04
    NiMh: 0.12
    Davis 6153 - GraphWeather Version 2.0.312B - www.sacilemeteo.it
    Ws2350 weewx 3.8 - http://sacilemeteo.it/ws2300/

  8. #8
    flavio-resana
    Guest

    Re: Batterie ventola stazione Davis USA

    ciao vecio!!
    anche a me le prime batterie sono durate pochissimo, fai conto meno di 2 mesi...
    poi con quella che ho comprato tutto funziona alla grande da un pezzo ormai!!
    CIAO!!

    P.S. ho scritto una mail alla scientific perchè non mi è ancora arrivata la fattura

  9. #9
    Nimbostratus Rete Stazioni M3V

    Data Registrazione
    Nov 2007
    Località
    Fiesso Umbertiano (RO) 9m slm
    Messaggi
    2,017

    Re: Batterie ventola stazione Davis USA

    Non riesco a farci una foto perchè ho una macchina fotografica che fa un po' schifetto e le parole non vengono fuori
    Comunque è questa qui http://www.batterystore.com/Saft/VREC.htm
    Il produttore è francese quindi non penso sia così difficile reperirle
    Intanto vado con le NiMh (13€ mi son costate ) che penso che siano del tutto equivalenti leggendo le caratteristiche tecniche che hai postato
    Non penso di arrivare a -40°C quest'inverno
    Mi bastano i -20°C delle NiMh

  10. #10
    Nimbostratus Rete Stazioni M3V

    Data Registrazione
    Nov 2007
    Località
    Fiesso Umbertiano (RO) 9m slm
    Messaggi
    2,017

    Re: Batterie ventola stazione Davis USA

    Citazione Originariamente Scritto da flavio-padova
    ciao vecio!!
    anche a me le prime batterie sono durate pochissimo, fai conto meno di 2 mesi...
    poi con quella che ho comprato tutto funziona alla grande da un pezzo ormai!!
    CIAO!!

    P.S. ho scritto una mail alla scientific perchè non mi è ancora arrivata la fattura
    Ciao!
    Penso che le batterie che mettono su loro ce le abbiano in magazzino da chissà quanto tempo per quello si scaricano subito! Tu con che batterie le hai rimpiazzate?

Discussioni Simili

  1. Rif. stazione davis
    Di old_pedro nel forum Strumenti, Stazioni e Webcam
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 17-12-2014, 22:23
  2. Stazione DAVIS Vantage pro 2
    Di old_Burian96 nel forum Strumenti, Stazioni e Webcam
    Risposte: 34
    Ultimo Messaggio: 19-11-2009, 17:31
  3. stazione davis e alberi
    Di old_amx74 nel forum Strumenti, Stazioni e Webcam
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 04-06-2009, 21:37
  4. Acquisto stazione Davis
    Di old_western nel forum Strumenti, Stazioni e Webcam
    Risposte: 32
    Ultimo Messaggio: 05-04-2009, 14:01
  5. stazione davis e alberi
    Di amx74 nel forum Meteo nord-est
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 01-01-1970, 01:00

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •