Complimenti a meteopoint per la webcam

rimanendo in tema:

Messaggero Veneto — 07 ottobre 2008

Attivata una stazione meteo

CIMOLAIS. E’ operativo da circa una settimana, ma prima di annunciarne l’entrata in funzione il Parco ha voluto rodarlo sino in fondo. Ora che tutti i collaudi sono andati a buon fine, il Parco naturale delle Dolomiti friulane ha illustrato compiti e obiettivi della nuova stazione meteo. La ditta Meteo Point di Udine ha infatti attivato un sistema di monitoraggio ambientale all’avanguardia, dotato di una stazione meteorologica wireless. L’impianto, posizionato sulla parete della sede dell’ente, nel cuore di Cimolais, è stato connesso a una webcam. La telecamera digitale ritrasmette i dati raccolti sul campo e le immagini immagazzinate. La massa di informazioni viene trasferita in tempo reale all’indirizzo internet parcodolomitifriulane.it e, quindi, diventa consultabile da chiunque. Il nuovo servizio è stato infatti ideato per il pubblico, in modo tale che escursionisti, residenti e semplici curiosi possano conoscere in tempo reale le condizioni meteo del momento. La struttura acquistata dall’ente dispone di svariate sonde per il controllo dell’aria, dell’umidità e della piovosità. «Si tratta di uno strumento evidentemente molto importante per gli operatori e per l’utenza – ha detto il presidente del Parco naturale delle Dolomiti friulane, Marino Martini –. La posizione della telecamera consente anche di apprezzare la Cima dei Preti e l’intera Val Cimoliana. L’obiettivo della webcam è infatti puntato in questa direzione. Ma non è solamente una questione di estetica o turistica. La stazione meteo è utile per poter disporre di dati meteorologici del territorio da utilizzare a scopi scientifici, didattici e statistici». L’idea di attivare ulteriori stazioni di questo genere è già balenata al presidente Martini. Il quale non nasconde di voler comperare altri sistemi operativi di questo tipo e di collocarli nei punti strategici del territorio protetto. «Sarà interessante osservare quasi dal vivo una nevicata nel mezzo del bosco piuttosto che un tramonto terso sulle vette del Parco», ha detto Martini.