Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 27
  1. #1
    Altostratus
    Data Registrazione
    Sep 2015
    Località
    Stra (VE) 8mslm - Zoppè di Cadore (BL) 1460mslm
    Messaggi
    574

    [Dolomiti-Prealpi] Focus medio termine: prima nevicata a quote medie

    Sembra profilarsi la prima occasione per nevicate decenti a quote medie ( circa 1200-1400 nelle Dolomiti, 1400-1600 prealpi).tra giovedì e venerdì.
    I due modelli di riferimento sono allineati ed anche Arabba si sbilancia verso ad una possibile nevicata.

    Bolettino Arpa Arabba del 5/11/19
    Tendenza

    venerdì 8. Peggioramento del tempo con cielo coperto precipitazioni in estensione nel corso della notte. In giornata significativo maltempo in intensificazione con fenomeni diffusi e continui perlopiù di moderata intensità, localmente forti. Il limite della neve sulle Dolomiti sarà inizialmente sui 1200/1400 m, in abbassamento fino sui 1000/1200 m nel pomeriggio/sera, anche a quote più basse nelle valli dolomitiche più chiuse. Sulle Prealpi si manterrà oltre i 1400/1600 m, abbassandosi un po' solo sabato notte. Temperature minime in rialzo e massime in calo. Venti in quota tesi/forti da Sud Sud-Est, anche molto forti sui 3000 m; perlopiù deboli di direzione variabile nelle valli.
    sabato 9. Residua maltempo nella prima parte del giorno, con cielo coperto e deboli precipitazioni via via più sparse, nevose oltre i 1000/1200 m sulle Dolomiti e 1100/1300 m sulle Prealpi. Nel corso del pomeriggio parziale miglioramento con qualche rasserenamento. Clima invernale in alta quota e piuttosto fresco nei fondovalle, con rialzo delle massime. Venti deboli moderati da in quota, deboli di direzione variabile nelle valli. Previsore: R.L.Th.




    Clicca l'immagine per ingrandirla. 

Nome: ECMOPEU00_96_1.png 
Visualizzazioni: 37 
Dimensione: 62.7 KB 
ID: 96011
    Clicca l'immagine per ingrandirla. 

Nome: ECMOPEU00_96_2.png 
Visualizzazioni: 33 
Dimensione: 76.8 KB 
ID: 96012
    Clicca l'immagine per ingrandirla. 

Nome: GFSOPEU06_90_1.png 
Visualizzazioni: 32 
Dimensione: 68.0 KB 
ID: 96013
    Clicca l'immagine per ingrandirla. 

Nome: GFSOPEU06_90_2.png 
Visualizzazioni: 31 
Dimensione: 70.8 KB 
ID: 96014
    Dati della mia stazione meteo:

    tergola.altervista.org

  2. #2
    Presidente SerenissimaMeteo
    Socio Meteotriveneto
    L'avatar di Marco Rabito
    Data Registrazione
    Nov 2018
    Località
    Cavazzale (VI)
    Messaggi
    1,276
    Quantomai opportuno aprire questa discussione.

    Tanti gli spunti degni di attenzione nei prossimi giorni.
    Una prima sventata sul veneziano di scirocco al suolo ci sarà probabilmente venerdì pomeriggio, anche se non a livelli degni di grandi preoccupazioni.
    Piogge anche abbondanti tra medie ed alte pianure, nonché sulla fascia pedemontana.
    Per il seguito c'è ancora molta incertezza, è probabile che la configurazione resti acuta per altri 3/4 giorni, ma collocare eventualmente nuovi episodi di potenziale rischio (per vento e idrogeologia) ad oggi non è possibile a parer mio.
    È un'evoluzione appunto che merita attenzione giorno per giorno.
    Anche dal punto di vista delle abbondanti o molto abbondanti nevicate previste in quota (dai 1500/1600 in su nelle prealpi e più in basso nelle Dolomiti tra venerdì e sabato) al probabile rialzo termico con piogge successive.

    Insomma sarà una 7/8 giorni abbastanza delicata, da seguire attentamente.

  3. #3
    Presidente SerenissimaMeteo
    Socio Meteotriveneto
    L'avatar di Marco Rabito
    Data Registrazione
    Nov 2018
    Località
    Cavazzale (VI)
    Messaggi
    1,276
    Dinamica sostanzialmente confermata dal modello di riferimento ECMWF.

    Sara una prolungata fase instabile con quota neve molto variabile ma tale da produrre accumuli anomalmente abbondanti per il periodo a quote superiori ai 1500 metri sulle Dolomiti.

    Clicca l'immagine per ingrandirla. 

Nome: CA34D9B5-3026-4A8C-A7DB-32015A977732.png 
Visualizzazioni: 40 
Dimensione: 60.7 KB 
ID: 96021

    Questo il primo passaggio, l'unico su cui la quota neve è abbastanza consolidata. Per il dopo sarà opportuno, professionalmente parlando, valutare giorno dopo giorno.
    Presidente di Serenissima Meteo
    Meteorologo AMPRO - Tecnico Meteorologico Certificato WMO1083
    Fondatore e Direttivo di AMPRO, Associazione Italiana Meteo Professionisti
    Opinionista sportivo per Tva Vicenza.
    https://m.facebook.com/SerenissimaMeteo/

  4. #4
    Nimbostratus
    Data Registrazione
    Nov 2016
    Località
    altopiano di asiago
    Messaggi
    2,032
    Citazione Originariamente Scritto da Marco Rabito Visualizza Messaggio
    Dinamica sostanzialmente confermata dal modello di riferimento ECMWF.

    Sara una prolungata fase instabile con quota neve molto variabile ma tale da produrre accumuli anomalmente abbondanti per il periodo a quote superiori ai 1500 metri sulle Dolomiti.

    Clicca l'immagine per ingrandirla. 

Nome: CA34D9B5-3026-4A8C-A7DB-32015A977732.png 
Visualizzazioni: 40 
Dimensione: 60.7 KB 
ID: 96021

    Questo il primo passaggio, l'unico su cui la quota neve è abbastanza consolidata. Per il dopo sarà opportuno, professionalmente parlando, valutare giorno dopo giorno.
    Questa mattina READING ci va giù ancora pesante, specie in virtù di una possibile sciroccata con la +10°@850hPa a ridosso delle prealpi (per fortuna qualche grado in meno subito dopo il LAgorai).
    Da monitorare la rientrante di Sabato mattina (QN sotto i 1000 abbondantemente) e la chiusura di sabato (appunto) con lieve sbiancata anche ad Asiago e Gallio.
    Ad oggi inizieremo a parlare di accumuli: da notare che sulle tradizionali zone super piovose/nevose saremo ben sopra i 100 mm/24 ore, anche qua in media pianura mi aspetto un 2 gg da 60/70 mm; la zona di Valpore potrebbe tranquillamente veleggiare tra i 180 ed i 250 mm in 36 ore, ma basterà poco per andare ancora su con gli accumuli, dicasi la stessa cosa per Piana Marcesina dove la nuova conformazione senza alberi ha apportato drastiche modifiche al clima.
    Basterà una nevicata da 10/20 cm per una analisi molto più accurata del microclima notturno in nottate serene e senza più gli alberi da schermo.

  5. #5
    Nimbostratus
    Data Registrazione
    Nov 2016
    Località
    altopiano di asiago
    Messaggi
    2,032
    tralasciavo una cosa importante: quota zero termico.
    Già Giovedì pomeriggio saremo tra i 1800 (dolomiti nord) ed i 2000 metri (prealpi) all'inizio delle prime deboli precipitazioni, ma quasi contestualmente alla fase clou inizierà il calo che porterà lo zero termico intorno ai 1500 metri, specie venerdì notte/sabato mattina quando è ancora poco chiara l'ingerenza dell'aria fredda con una successiva rotazione da SE.
    Le prime precipitazioni, appunto, saranno per giovedì pomeriggio/sera, dunque è lievemente prolungata la fase di maltempo ed oggi mi aspetto un bollettino molto PESANTE di ARABBA, ben sapendo che dovranno in qualche maniera posizionare l'asticella molto in alto, ancor di più guardando ARPAGE che non lascia dubbi su intensità, durata e presenza di rovesci anche grazie all'arrivo di aria fredda in quota.

    Parere personale: in tale circostanza capiremo quanto è REALE l'influenza del Mediterraneo sopra media, di condizioni simili ne abbiamo già viste a ripetizione, abbiamo in testa gli accumuli che generavano, ora è la prova della verità: abbiamo ancora una energia latente PAUROSA nel Mediterraneo e la presenza di una possente depressione colma di aria fredda dovrà darci una risposta.

  6. #6
    Presidente SerenissimaMeteo
    Socio Meteotriveneto
    L'avatar di Marco Rabito
    Data Registrazione
    Nov 2018
    Località
    Cavazzale (VI)
    Messaggi
    1,276
    Il passaggio di venerdì sarà incisivo e porterà abbondanti piogge sulla fascia pedemontana e medio alte pianure. La neve cadrà abbondante a quote in genere superiori ai 1400 metri sulle Dolomiti. Imbiancherà chiaramente anche più in basso.
    Avremo +1/+2 a 1350 m. Quindi zero termico tra 1400 e 1600 m.
    Sulle prealpi quota neve più alta, soprattutto sui versanti esposti alla pianura. In genere oltre i 1400/1500 metri con le imbiancate e oltre i 1600/1800 come accumuli più importanti.
    Un abbassamento della quota neve è atteso dalla tarda serata di venerdì e nella notte su sabato con qualche imbiancate che potrebbe anche arrivare fino a 200/300 metri più in basso ma dipenderà dall'eventuale prolungarsi dei fenomeni.
    Il nostro profilo orografico e l'esposizione dei versanti è talmente complesso che non si tratterà di una quota neve uniforme e le vallate più chiuse nella notte su sabato potrebbero vedere neve molto più in basso .

    ECMWF disegna un gran peggioramento di matrice tardo autunnale.

    Clicca l'immagine per ingrandirla. 

Nome: 3B2CD976-038C-4EEB-A4B6-9CD6966851DD.png 
Visualizzazioni: 31 
Dimensione: 62.2 KB 
ID: 96024 Clicca l'immagine per ingrandirla. 

Nome: AA7873DF-32CC-4DF3-945C-ACD5B512D912.png 
Visualizzazioni: 31 
Dimensione: 75.6 KB 
ID: 96025

    Per venerdì, visto che ora mancano due giorni, siamo entrati nel range temporale in cui è possibile esprimere le prime ipotesi sulla quota neve.
    Ipotesi che verranno poi affinate con la disponibilità di modelli locali ad alta risoluzione da domani.

  7. #7
    Presidente SerenissimaMeteo
    Socio Meteotriveneto
    L'avatar di Marco Rabito
    Data Registrazione
    Nov 2018
    Località
    Cavazzale (VI)
    Messaggi
    1,276
    Domani con i pannelli di AROME avremo un quadro più affidabile rispetto alle proiezioni odierne.
    Serve maggiore risoluzione per calcolare la penetrazione oltre l'arco alpino delle masse d'aria più fredda di estrazione artica.
    Probabilmente avremo uno zero termico più elevato rispetto a quanto mostrato oggi dai GM, tuttavia le buone intensità dei fenomeni previste favoriranno una quota neve ben più bassa rispetto allo zero termico. In qualche caso anche di 600 metri o più.

  8. #8
    Altostratus
    Data Registrazione
    Sep 2015
    Località
    Thiene (VI) 147 m.s.l.m. Pedemontana Vicentina
    Messaggi
    786
    Curioso di vedere venerdì su sabato fin dove si spingeranno i fenomeni nevosi.

  9. #9
    Presidente SerenissimaMeteo
    Socio Meteotriveneto
    L'avatar di Marco Rabito
    Data Registrazione
    Nov 2018
    Località
    Cavazzale (VI)
    Messaggi
    1,276
    Citazione Originariamente Scritto da Livio Visualizza Messaggio
    Curioso di vedere venerdì su sabato fin dove si spingeranno i fenomeni nevosi.
    Credo saranno molto disomogenei. Chiaramente con una netta differenza tra prealpi esposte e vallate dolomitiche. Con differenze anche sui 1000 metri.

  10. #10
    Nimbostratus
    Data Registrazione
    Nov 2016
    Località
    altopiano di asiago
    Messaggi
    2,032
    Citazione Originariamente Scritto da Marco Rabito Visualizza Messaggio
    Credo saranno molto disomogenei. Chiaramente con una netta differenza tra prealpi esposte e vallate dolomitiche. Con differenze anche sui 1000 metri.
    Secondo me un po' meno differenze, ma ovviamente la differenza sarà fatta dalla intensità e dalla risalita sulle Prealpi dove lo zero termico si appoggerà per qualche ora a 2000 metri, mentre sulle Dolomiti qualche centinaio di metri più basso.

    Interessanti accumuli fino a 150 mm in 24 ore sulle prealpi esposte e dolomiti meridionali (agordino e massiccio marmolada) con davvero tantissima neve sopra i 2000 metri.
    Lecito attendersi quasi 1 metro sui Passi dolomitici e la chiusura temporanea di quelli posti sopra i 1800 metri.
    Direi che parleremo di un peggioramento MOLTO serio e di stampo tardo autunnale.

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •