Pagina 4 di 4 PrimaPrima ... 234
Risultati da 31 a 32 di 32

Discussione: 11 febbraio 2013

  1. #31
    Altostratus L'avatar di natale2008
    Data Registrazione
    Jul 2017
    Località
    Villa d'Asolo- Pradàs (TV)
    Messaggi
    1,322
    Citazione Originariamente Scritto da Snowstorm Visualizza Messaggio
    Allegato 93326

    addirittura accumuli over 25-30 sopra i 150 metri nel triangolo Schio-Valdagno-malo? a me pareva di aver segnato sui 20..
    Clicca l'immagine per ingrandirla. 

Nome: Screenshot_20190208-220343.png 
Visualizzazioni: 15 
Dimensione: 330.4 KB 
ID: 93339 Avevo tenuto buono questi dati; se dite modifico, ma non conosco la zona quindi posso basarmi solo su vostre segnalazioni. Non ricordo dove ho trovato il dato di schio, se qualcuno potesse confermare, oppure ha altre segnalazioni per quanto riguarda l'alto vicentino sarebbe ottimo.
    Neve inverno 2018/2019: 1,5 cm 23-01
    Neve inverno 2017/2018: 5 cm 10-12, 1 cm 16-12, tracce 25-02 e 28-02, 3 cm 01-03. Totale 9 cm
    Neve inverno 2016/2017: 2 cm 12-01
    2013-2016: nessun accumulo (tracce-0,5 cm 30-01-2015)

  2. #32
    Presidente SerenissimaMeteo
    Socio Meteotriveneto
    L'avatar di Marco Rabito
    Data Registrazione
    Nov 2018
    Località
    Cavazzale (VI)
    Messaggi
    601
    Ecco il contributo di Serenissima Meteo

    11 FEBBRAIO 2013: L’EVENTO NEVOSO TRA I PIÙ’ INTENSI DEGLI ULTIMI 10 ANNI


    Quell'evento fu preceduto da un temporale di neve che si formò sulla pianura centro-orientale nella serata di sabato 9 febbraio senza apportare significativi accumuli (Fig.1).
    Tra sabato e domenica 10, la discesa di correnti gelide in quota di origine artica (Fig.2) determinò una significativa diminuzione delle temperature, provocando estese gelate nella mattinata di domenica.
    Lunedì 11, un’intesa perturbazione di origine nord-atlantica originò un nucleo depressionario sul Golfo ligure (Fig.3): l’attivazione di correnti umide ed instabili dai quadranti meridionali provocò un aumento delle temperature in quota nelle prime ore del pomeriggio, mantenendo tuttavia le temperature in libera atmosfera favorevoli alla caduta del fiocco di neve fino al suolo.
    Le prime deboli precipitazioni iniziarono a cadere nella tarda mattinata sulla pianura sud-occidentale (Fig.4) e in prossimità dei rilievi prealpini per poi estendersi sul resto della nostra regione nelle ore successive. La fase più intensa del peggioramento iniziò dal tardo pomeriggio e proseguì fino alle prime ore di martedì; in seguito, le precipitazioni iniziarono ad attenuarsi e diradarsi per poi esaurirsi in mattinata.
    I fenomeni furono prevalentemente nevosi su tutto il territorio, ad eccezione dell’area sud-orientale (tra costa meridionale e zona Delta Po) e dell’alta pianura/pedemontana veronese, dove prevalse la pioggia a causa del vento di Scirocco e dell’effetto orografico, rispettivamente. Nella tarda serata, un lieve aumento della temperatura provocò un’alternanza di pioggia o neve mista a pioggia su gran parte della pianura e pedemontana.
    Complice lo Scirocco e l’orografia, che ebbero un’influenza sia sulle precipitazioni sia sulle temperature, gli accumuli si distribuirono in maniera irregolare sul nostro territorio:
    • 40-70 cm circa fino a fondovalle su Dolomiti meridionali e su Prealpi centro-orientali (vicentine e trevigiane/bellunesi), con locali massimi anche superiori nel Feltrino;
    • 20-40 cm circa sui Colli Euganei-Berici;
    • 20-30 cm circa sulla pedemontana vicentina ad eccezione della parte orientale (Bassanese) dove gli accumuli sono risultati scarsi o assenti;
    • 20 cm circa su Prealpi Veronesi;
    • 5-20 cm su gran parte della pianura e sulla costa centro-settentrionale;
    • 0-15 cm sulla pedemontana trevigiana con accumuli molto irregolari, in alcune zone anche molto scarsi o assenti (ad esempio intorno a Conegliano);
    • accumuli pressoché assenti su costa meridionale, zona del Delta del Po e parte della pedemontana veronese (specie intorno a Verona).


    Fonte: ARPAV


    E voi, cari amici di Serenissima Meteo, vi ricordate di quell'evento?


    In allegato:
    Fig.1 – Immagine radar Teolo – Fonte: Arpav
    Fig.2 – Modello CFS Reanalysis – Fonte: Wetterzentrale
    Fig.3 – Modello GFS – Fonte: Meteociel
    Fig.4 – Webcam Merlara (PD) – Fonte: Merlara Meteo


    A cura di Furian Alessandro

    Allegato 93384Allegato 93385Allegato 93386Allegato 93387
    Presidente di Serenissima Meteo
    Meteorologo AMPRO - Tecnico Meteorologico Certificato WMO1083
    Fondatore e Direttivo di AMPRO, Associazione Italiana Meteorologi Professionisti
    Opinionista sportivo per Tva Vicenza.
    https://m.facebook.com/SerenissimaMeteo/

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •