Pagina 2 di 3 PrimaPrima 123 UltimaUltima
Risultati da 11 a 20 di 29
  1. #11
    Altostratus L'avatar di simone '71
    Data Registrazione
    Sep 2015
    Località
    Marostica(VI) 106 m slm
    Messaggi
    594
    Citazione Originariamente Scritto da Marco_bz Visualizza Messaggio
    Brutte prospettive per ora, e mi riferisco soprattutto alla (già citata da Marco Rabito) qualità dell'aria… Purtroppo in questo periodo in pianura non c'è respiro nemmeno a metà giornata, non essendo il sole capace di rompere le inversioni. Speriamo nel cambio (d'aria e di tempo) del dopo-Immacolata!

    ponte dell'Immacolata che sembra essere il punto di partenza per un cambio generale della circolazione atmosferica passando da una zonalita' atlantica ad un blocco altopressorio proprio in Atlantico.

    siamo ancora molto distanti ma da giorni i principali modelli tendono a convergere verso questa ipotesi


    ovviamente visto la notevole distanza temporale gli eventuali effetti della nuova circolazione sulle nostre regioni rimangono ancora tutti da valutare


    gfs 00z ed ecmwf 00z a 192 ore di stamani





    Clicca l'immagine per ingrandirla. 

Nome: 192 ecmwf.png 
Visualizzazioni: 52 
Dimensione: 66.3 KB 
ID: 91816Clicca l'immagine per ingrandirla. 

Nome: gfs 192.png 
Visualizzazioni: 52 
Dimensione: 71.1 KB 
ID: 91815



  2. #12
    Presidente Associazione M3V
    Redazione M3V

    Rete Stazioni M3V
    L'avatar di Boll_Alfo
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    Schio 211 mslm - Noventa Vicentina 13 mslm
    Messaggi
    500
    Primo target invernale che si può fissare presumibilmente nella seconda decade di dicembre a mio avviso...
    Dati meteorologici di Noventa Vicentina: www.9meteo.it/noventa
    Dati meteorologici di Schio: www.9meteo.it/schio

  3. #13
    Nimbostratus
    Data Registrazione
    Nov 2016
    Località
    altopiano di asiago
    Messaggi
    2,158
    Bene, iniziamo l'inverno meteorologico con una nuova collaborazione e nuovo spirito di analisi.

    Le belle parole di Marco Rabito ci fanno capire come anche da parte di un professionista possa esserci una propensione verso il freddo e la neve piuttosto che come per altri il "bel tempo" intenso in senso stretto del termine (sole e mitezza).

    A me piace analizzare il medio/lungo periodo, difficile ma interessante capire come alcuni parametri quali il JS possano essere buoni indici predittivi per una fondata proiezione intorno ai 20/23 gg; ricordo solamente che il peggioramento di fine ottobre è stato anticipato dal sottoscritto di ben 20 gg e Marco può tranquillamente testimoniarlo ;-)

    Cosa ci dobbiamo aspettare? Perché non abbiamo più avuto inverni "old style" con neve anche in pianura? è vero che qualcosa è cambiato?

    Sono domande che tutti i giorni mi vengono poste, sia da utenti del forum, sia in chat che di persona e molte volte mi trovo in difficoltà.

    Aspettare per il futuro: la parola d'ordine è "PRUDENZA" perché le variazioni climatiche ci sono state, ci sono e ci saranno, innegabile mentire di fronte a tale affermazione, tuttavia credo che nel nostro piccolo stiamo assistendo ad un cambiamento veramente EPOCALE in maniera rapida e continua.

    Gli inverni "old style" quelli che Stefano Vi ha citato li abbiamo vissuti negli anni 2008/09, ma anche 2003/04 ed in qualche occasione anche in altre annate, ma anche qua vediamo la classica colonna d'aria da neve che sotto i 100 metri è rovinata da quei 1,5° in più che circa 40 anni fa (invece) permettevano di far nevicare in pianura.
    E di conseguenza rispondiamo anche subito a quel "qualcosa è cambiato": ci troviamo in forte cementificazione/asfalto, tutti riscaldiamo le case e inquiniamo molto di più...probabilmente quel grado e mezzo è frutto di una incuria e gestione negativa dell'uomo...e credo sia difficile da confutare.

    Sicuramente ci stiamo per apprestare a vivere un momento magico, dicembre con le poche ore di luce e con le luci di Natale è qualcosa che nonostante i miei anni siano 36 è sempre emozionante, specie sapendo che i GM fiutano la possibilità di freddo e magari anche la neve; chi si dimentica la nevicata del 10 dicembre 2017? 10 cm in poco più di 1 ora emozionante...qua a Resana, peccato poi per la pioggia.

    Ecco, l'inverno sembra voler "farsi le unghie" per la prima decade con una poco incisiva saccatura, qualche nevicata sopra i 1000/1200 metri e poi nuovo rialzo termico; seguirà molto probabilmente una possibile "erezione" dell'HP verso il Nord Europa con asse in via di individuazione; potrebbe essere una "RODANATA" come una sventagliata di fhoen molto intensa.
    tutto dipenderà da quanto forte sarà la spinta del JS e quanto intensamente reagirà la curvatura, se da SW o da SE; in caso della prima è lecito attendersi un isolamento di un HP nel Nord Europa con tendenza allo spanciamento, mentre se l'asse ruoterà da SE si aprirà un periodo (seconda decade) molto interessante.

    Nei prossimi giorni studieremo bene le varie fasi interlocutorie che potrebbero portarci sotto Natale con un tempo spiccatamente invernale, dove la fase saliente riguarderebbe (ad oggi) il Centro sud con abbondanti nevicate.

  4. #14
    Cirrus L'avatar di cialda
    Data Registrazione
    Aug 2015
    Località
    fonte (TV)
    Messaggi
    431
    Citazione Originariamente Scritto da flavio-resana Visualizza Messaggio
    Bene, iniziamo l'inverno meteorologico con una nuova collaborazione e nuovo spirito di analisi.

    Le belle parole di Marco Rabito ci fanno capire come anche da parte di un professionista possa esserci una propensione verso il freddo e la neve piuttosto che come per altri il "bel tempo" intenso in senso stretto del termine (sole e mitezza).

    A me piace analizzare il medio/lungo periodo, difficile ma interessante capire come alcuni parametri quali il JS possano essere buoni indici predittivi per una fondata proiezione intorno ai 20/23 gg; ricordo solamente che il peggioramento di fine ottobre è stato anticipato dal sottoscritto di ben 20 gg e Marco può tranquillamente testimoniarlo ;-)

    Cosa ci dobbiamo aspettare? Perché non abbiamo più avuto inverni "old style" con neve anche in pianura? è vero che qualcosa è cambiato?

    Sono domande che tutti i giorni mi vengono poste, sia da utenti del forum, sia in chat che di persona e molte volte mi trovo in difficoltà.

    Aspettare per il futuro: la parola d'ordine è "PRUDENZA" perché le variazioni climatiche ci sono state, ci sono e ci saranno, innegabile mentire di fronte a tale affermazione, tuttavia credo che nel nostro piccolo stiamo assistendo ad un cambiamento veramente EPOCALE in maniera rapida e continua.

    Gli inverni "old style" quelli che Stefano Vi ha citato li abbiamo vissuti negli anni 2008/09, ma anche 2003/04 ed in qualche occasione anche in altre annate, ma anche qua vediamo la classica colonna d'aria da neve che sotto i 100 metri è rovinata da quei 1,5° in più che circa 40 anni fa (invece) permettevano di far nevicare in pianura.
    E di conseguenza rispondiamo anche subito a quel "qualcosa è cambiato": ci troviamo in forte cementificazione/asfalto, tutti riscaldiamo le case e inquiniamo molto di più...probabilmente quel grado e mezzo è frutto di una incuria e gestione negativa dell'uomo...e credo sia difficile da confutare.

    Sicuramente ci stiamo per apprestare a vivere un momento magico, dicembre con le poche ore di luce e con le luci di Natale è qualcosa che nonostante i miei anni siano 36 è sempre emozionante, specie sapendo che i GM fiutano la possibilità di freddo e magari anche la neve; chi si dimentica la nevicata del 10 dicembre 2017? 10 cm in poco più di 1 ora emozionante...qua a Resana, peccato poi per la pioggia.

    Ecco, l'inverno sembra voler "farsi le unghie" per la prima decade con una poco incisiva saccatura, qualche nevicata sopra i 1000/1200 metri e poi nuovo rialzo termico; seguirà molto probabilmente una possibile "erezione" dell'HP verso il Nord Europa con asse in via di individuazione; potrebbe essere una "RODANATA" come una sventagliata di fhoen molto intensa.
    tutto dipenderà da quanto forte sarà la spinta del JS e quanto intensamente reagirà la curvatura, se da SW o da SE; in caso della prima è lecito attendersi un isolamento di un HP nel Nord Europa con tendenza allo spanciamento, mentre se l'asse ruoterà da SE si aprirà un periodo (seconda decade) molto interessante.

    Nei prossimi giorni studieremo bene le varie fasi interlocutorie che potrebbero portarci sotto Natale con un tempo spiccatamente invernale, dove la fase saliente riguarderebbe (ad oggi) il Centro sud con abbondanti nevicate.
    Bravo Flavio
    Io aprirei una discussione per i movimenti interessanti che si vedono per la prossima settimana
    Spinta dell' azzorriano verso il 10 con effetti da valutare. Colata fredda su di noi con poca probabilità di ciclogenesi ma cmq possibile.
    Ma il bello verrebbe dopo perché ci dovrebbe essere uno spanciamento con entrata di freddo da est e possibile interazione con l'Atlantico
    Seguiamo gli aggiornamenti....

    ale

  5. #15
    Nimbostratus
    Data Registrazione
    Nov 2016
    Località
    altopiano di asiago
    Messaggi
    2,158
    Citazione Originariamente Scritto da cialda Visualizza Messaggio
    Bravo Flavio
    Io aprirei una discussione per i movimenti interessanti che si vedono per la prossima settimana
    Spinta dell' azzorriano verso il 10 con effetti da valutare. Colata fredda su di noi con poca probabilità di ciclogenesi ma cmq possibile.
    Ma il bello verrebbe dopo perché ci dovrebbe essere uno spanciamento con entrata di freddo da est e possibile interazione con l'Atlantico
    Seguiamo gli aggiornamenti....

    ale

    la mia più grande paura risiede nella possibilità di avere una spinta troppo orientale, da cui deriverebbe un incremento sostanziale di una bolla Nord africana con forte aumento delle temperature in quota e giornate molto miti e soleggiate in quota; lungi da me ipotizzare una cosa così con le mappe attuali, tuttavia non voglio illudermi a tutti i costi che debba arrivare chissà cosa di freddo e/o neve...le notizie eclatanti le lascio a quei 4 ridicoli siti che devono a tutti i costi puntare sui click.

    Poi, per esperienza personale, vedo bene la genesi di basse pressioni in quanto abbiamo ancora un buon surplus termico sul Mar Mediterraneo, per cui basterà veramente poco per dare vita a buoni peggioramenti a carattere fresco con quota neve sicuramente interessante, ma non di pianura, almeno in un primo momento.
    Ricordiamoci che il target per il cambio di "ritmo" l'ho fissato per seconda e terza decade (poi mi direte a posteriori come sono andato ^_^), dapprima con un possibile affondo Nord Altantico (nevicate toste sui monti), mentre la chiusura dovrebbe essere ad opera di un ponte di HP con correnti tese e fredde orientali, stabilizzazione del tempo seguita verso fine anno da "tunnelling basso atlantico" ed apertura della porta atlantica con flusso freddo da EST.
    Non so quantificare quanto potrà essere "gelido" l'Est Europa, dunque il flusso freddo sarà proporzionale alle isoterme previste nei giorni precedenti e quanto questo freddo sarà sedimentato.

    Oggi le GFS12Z potrebbero inquadrare l'evoluzione intorno al 13 come momento di "stacco"; le 240 ore nelle quali abbiamo una griglia ancora accettabile, oltre (come sempre) ci affidiamo ad una coerenza modellistica con uscite simili; qual'ora le uscite siano tutte e 4 diverse si riparte da zero.

  6. #16
    Nimbostratus
    Data Registrazione
    Nov 2016
    Località
    altopiano di asiago
    Messaggi
    2,158
    Citazione Originariamente Scritto da stefano_vi Visualizza Messaggio
    Penso sia un pensiero soprattutto rivolto al pubblico generalista ma comunque certe volte è sempre giusto ricordarlo. Penso che al giorno d'oggi si può prevedere la neve in pianura o almeno quella neve che crea disagi, cioè quella che viene sotto zero e crea disagi alla viabilità. Quante volte l'abbiamo trovata negli ultimi 10 anni? Flavio o qualcun'altro lo saprà meglio di me (forse 3?), però faccio anche io una riflessione. Ad Asiago quota 1000, quante volte succede di vedere una nevicata sotto zero con disagi alla viabilità? una volta le contavo con due mani, ora con una.
    In tutti i casi è sempre l'attesa e l'apprensione all'evento che crea disagi. A tratti penso che era meglio essere disinformati che superinformati e sarà il crucio delle Amministrazioni Comunali nel futuro. Essere informati sempre e talvolta male, può veramente aiutare o fa solo danni??
    Buona neve a tutti ma soprattutto BUON INVERNO, finalmente!

    PS sono sempre dell'idea che la migliore neve è quella vissuta in montagna infrasettimanalmente senza l'ombra di un umano
    ti posso rispondere in maniera molto "banale".
    La neve da "disagi" l'ho vista nel fine dicembre 2005 su Pedemontana e altopiano, nel dicembre 2001 a Padova e pianura, e nel 2009 dicembre qua a Resana.
    Certamente parliamo di neve incredibilmente fredda,intensa, tosta, di montagna.

    Tu credi che l'essere "troppo informati" possa creare disagi? io penso che nei limiti si debbano prevenire certe condizioni che altrimenti minano alla incolumità degli esseri umani, come il 13 dicembre 2001 quando dal sole siamo passati in 1 ora a pioviggine, bora sferzante e -5° con bufera di neve e ghiaccio ovunque.
    Troppo tardi, il danno era fatto. alle 18 avevamo il Veneto paralizzato o quasi.
    Se fosse stata emanata una allerta anche solo 1 o 2 ore prima ( lo si vedeva CHIARAMENTE già dalla mattinata la traiettoria!!!!!!!!!) si sarebbero evitati incidenti e disagi.
    *Cmq w la neve ed il gelo.

  7. #17
    Presidente SerenissimaMeteo
    Socio Meteotriveneto
    L'avatar di Marco Rabito
    Data Registrazione
    Nov 2018
    Località
    Cavazzale (VI)
    Messaggi
    1,588
    Si Flavio, qualcosa potrebbe muoversi (rispetto alla zonalità alta di questi primi giorni del mese), grazie ad una prima ondulazione attorno all'Immacolata.
    Chiaramente se ne parlerà più diffusamente nella discussione sui modelli e, come mia consuetudine magari esprimeró delle considerazioni a distanza più ravvicinata.
    In merito alle riflessioni su quanto sia o meno importante conoscere in anticipo l'evoluzione prevista in casi di importanti episodi freddi con nevicate anche sulle zone pianeggianti, devo dire che trovo delle ragioni innegabili su quanto affermato da Flavio.
    Conoscere in anticipo l'evoluzione dovrebbe essere sempre preferibile allo scopo di pianificare al meglio le proprie attività (ove possibile), tutelare la propria incolumità (talvolta sufficientemente evitando spostamenti che si possono differire o annullare) e dando modo alle autorità di intervenire con tempestività.
    Pensiamo alla salatura delle strade e marciapiedi (troppo spesso dimenticati quest'ultimi) o all'organizzazione di eventuali sgomberi.
    Un servizio previsionale preciso e professionale rappresenterebbe sempre un punto forte, sia per il cittadino che per le autorità preposte.

    Ma qui, specialmente nel nostro paese, casca l'asino.
    E iniziano a prendere forma i ragionamenti che ha fatto Stefano, soprattutto circa le informazioni meteorologiche che giungono al grande pubblico, troppo spesso guidate dai siti del Meteo Gossip o della Meteorologia Commerciale, alla ricerca di facili click e quindi di sensazionalismo mediatico.
    In questo caso le informazioni martellanti, artefatte, non professionali ed esagerate, vanno a penalizzare direttamente l'utente finale.
    Un utente spesso inconsapevolmente complice, ogni volta che ne condivide e rimbalza i contenuti, semplicemente per ignoranza e scarsa cultura meteorologica.

    Senza dimenticare che, troppo spesso, anche importanti siti di informazione o di società quotate, utilizzano suddette (dis)informazioni, amplificandone l'eco mediatico.

    Spetta a noi, appassionati e professionisti, cercare di diffondere presso tutti i canali possibili, la buona meteorologia. Lavorando sulla crescita culturale dei nostri interlocutori e sui giovani che si avvicinano a questa scienza, facendo terra bruciata attorno a questi soggetti.

    Stamattina ho incontrato 160 studenti di terza media, domani più o meno lo stesso numero per un altro istituto e giovedì saranno oltre 400 al Liceo. Sono piccoli passi ma finalizzati al futuro. Si può.

  8. #18
    Nimbostratus
    Data Registrazione
    Sep 2015
    Località
    Vicenza
    Messaggi
    1,632
    Citazione Originariamente Scritto da Marco Rabito Visualizza Messaggio
    Si Flavio, qualcosa potrebbe muoversi (rispetto alla zonalità alta di questi primi giorni del mese), grazie ad una prima ondulazione attorno all'Immacolata.
    Chiaramente se ne parlerà più diffusamente nella discussione sui modelli e, come mia consuetudine magari esprimeró delle considerazioni a distanza più ravvicinata.
    In merito alle riflessioni su quanto sia o meno importante conoscere in anticipo l'evoluzione prevista in casi di importanti episodi freddi con nevicate anche sulle zone pianeggianti, devo dire che trovo delle ragioni innegabili su quanto affermato da Flavio.
    Conoscere in anticipo l'evoluzione dovrebbe essere sempre preferibile allo scopo di pianificare al meglio le proprie attività (ove possibile), tutelare la propria incolumità (talvolta sufficientemente evitando spostamenti che si possono differire o annullare) e dando modo alle autorità di intervenire con tempestività.
    Pensiamo alla salatura delle strade e marciapiedi (troppo spesso dimenticati quest'ultimi) o all'organizzazione di eventuali sgomberi.
    Un servizio previsionale preciso e professionale rappresenterebbe sempre un punto forte, sia per il cittadino che per le autorità preposte.

    Ma qui, specialmente nel nostro paese, casca l'asino.
    E iniziano a prendere forma i ragionamenti che ha fatto Stefano, soprattutto circa le informazioni meteorologiche che giungono al grande pubblico, troppo spesso guidate dai siti del Meteo Gossip o della Meteorologia Commerciale, alla ricerca di facili click e quindi di sensazionalismo mediatico.
    In questo caso le informazioni martellanti, artefatte, non professionali ed esagerate, vanno a penalizzare direttamente l'utente finale.
    Un utente spesso inconsapevolmente complice, ogni volta che ne condivide e rimbalza i contenuti, semplicemente per ignoranza e scarsa cultura meteorologica.

    Senza dimenticare che, troppo spesso, anche importanti siti di informazione o di società quotate, utilizzano suddette (dis)informazioni, amplificandone l'eco mediatico.

    Spetta a noi, appassionati e professionisti, cercare di diffondere presso tutti i canali possibili, la buona meteorologia. Lavorando sulla crescita culturale dei nostri interlocutori e sui giovani che si avvicinano a questa scienza, facendo terra bruciata attorno a questi soggetti.

    Stamattina ho incontrato 160 studenti di terza media, domani più o meno lo stesso numero per un altro istituto e giovedì saranno oltre 400 al Liceo. Sono piccoli passi ma finalizzati al futuro. Si può.
    Bravissimo e bravissimi. Dobbiamo far capire alla gente che certi siti andrebbero banditi..... . Grazie per il vs. Lavoro

  9. #19
    Iridescenza
    Data Registrazione
    Sep 2018
    Località
    Bassano del Grappa - Primiero
    Messaggi
    49
    Buonasera al forum,
    Risulta evidente che le aspettative per questo inverno sono alte.
    Si arriva da un 2018 difficile climaticante ma che forse ci ha reso consapevoli che il ns clima mediterraneo è radicalmente cambiato in peggio.
    Non chiediamo eventi meteo estremi in termini di freddo e neve perché non sono mai stati parte del ns clima ma quantomeno di non essere sempre in sopramedia di 3/5 gradi.
    Sul fronte precipitazioni i mesi invernali risultano generalmente secchi e quindi di nuovo le aspettative devono essere minimali.
    La speranza rimane che questo inverno ci sorprenda in positivo con sorprese che ci possano riconciliare con una stagione che merita di essere vissuta veramente nel suo vero vestito grazie al freddo ed alla neve.

  10. #20
    Altostratus L'avatar di michele85
    Data Registrazione
    Mar 2016
    Località
    Follina 200m slm
    Messaggi
    1,201
    Fai il politico di mestiere😂?

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •