Risultati da 1 a 7 di 7
  1. #1
    Socio M3V
    Rete Stazioni M3V
    L'avatar di Rizzo69
    Data Registrazione
    Jun 2008
    Località
    Levico Terme (TN) 490 m.
    Messaggi
    1,640

    Quaderni del Parco"Cambiamenti climatici: effetti sugli ambienti di alta montagna"

    Abbiamo il piacere di comunicare l'uscita del nuovo quaderno del Parco di Paneveggio e Pale di San Martino, al quale ha collaborato anche la nostra Associazione:

    "Cambiamenti climatici: effetti sugli ambienti di alta montagna" è il titolo del nuovo volume della collana "Quaderni del Parco" che vuole testimoniare quello che sta accadendo sulle Alpi - in particolare nel Gruppo delle Pale di San Martino - e lo fa utilizzando la componente morfologica più suscettibile all'innalzamento della temperatura: i ghiacciai.

    I ghiacciai sono strutture morfologiche importanti per molti aspetti: sono una riserva di acqua dolce, conservano al loro interno importanti notizie sul clima passato, sono elementi del paesaggio meravigliosi che hanno modellato e modellano tuttora il territorio.
    Da quasi cent'anni il Comitato Glaciologico Italiano monitora lo stato di salute di questi ammassi. Numerosi studiosi si sono succeduti nel controllo periodico dei ghiacciai: come Richter, Martinelli, Vianello, Castiglioni e tutti hanno certificato uno stato di salute precario dei ghiacciai.
    Solo negli ultimi anni però la situazione si è aggravata al punto tale da far pensare ad una prossima scomparsa dei ghiacciai, almeno di quelli a quote più basse.
    Questo volume vuole rendere disponibile il materiale raccolto dagli studiosi impegnati a monitorare i ghiacciai delle Pale di San Martino.
    Ogni gruppo montuoso ha avuto il proprio apparato glaciale di dimensioni assai variabili; i ghiacciai hanno subito naturali incrementi e decrementi di superficie e volume nelle diverse ere geologiche.
    L'ultimo incremento a causa di un abbassamento delle temperature è durato per 550 anni circa e ha interessato l'arco alpino tra il 1300 ed il 1850.
    Questo periodo, conosciuto come Piccola Età Glaciale (Little Ice Age - LIA in lingua anglosassone), ha favorito l'espandersi dei ghiacciai anche nel gruppo delle Pale di San Martino ed il formarsi di ammassi di ghiaccio.
    Ora con l'innalzamento delle temperature gli ammassi secondari quali il ghiacciaio del Focobon, quelli delle Ziroccole, della Val di Strut o della Val dei Cantoni sono ormai quasi scomparsi mentre i principali, la Fradusta, il Travignolo, la Pala di San Martino cercano di resistere all'innalzamento della temperatura che ne sta lentamente erodendone gli spessori e le superfici.
    Nella prima parte del volume si affrontano gli aspetti di come si forma un ghiacciaio, quali sono gli ammassi e chi ne ha studiato l'evoluzione, a dove si è scoperto vada l'acqua di fusione dei ghiacciai, le stazioni meteorologiche utilizzate nell'analisi.
    La parte centrale contiene l'analisi climatica dei decenni trascorsi partendo dalla fine dell'Ottocento ed una valutazione degli effetti sulle masse glaciali.
    L'ultima parte è dedicata principalmente all'Altipiano delle Pale: all'idrogeologia, ovvero al dove fluisce l'acqua di fusione dei ghiacciai, al Progetto Doline, quei siti freddi che in particolari condizioni registrano temperature prossime od inferiori ai meno 40°C, alla vegetazione delle morene che lambiscono la Fradusta ed il Travignolo, alla fauna.
    Il nuovo volume è curato da Ervin Filippi Gilli, Dottore in Scienze Forestali. Dal 1994 è rilevatore glaciologico e per il Comitato Glaciologico della Società degli Alpinisti Tridentini segue l'area delle Pale di San Martino di Castrozza.
    Il coordinamento della Collana editoriale "Quaderni del Parco" è di Roberto Vinante.
    Per informazioni, gli interessati possono rivolgersi ai Centri Visitatori del Parco tel. 0439 765973
    Anteprime Allegate Anteprime Allegate parcopan-quderno-del-parco-.-13-cambiamenti-climatici-effetti-sugli-ambienti-di-alta-montagna (3.jpg‎  
    La temperatura rilevata nelle “frost hollow” come la matematica non è un’opinione, chiedilo agli abitanti di Oymyakon

    Stazione meteo Levico Terme, quota 490 metri
    http://www.meteolevicoterme.it/Dati-...ne-Online.aspx

    Stazione meteo Compet, quota 1390 metri
    http://www.meteolevicoterme.it/Dati-...ompet-(2).aspx

  2. #2
    Socio M3V
    Rete Stazioni M3V
    L'avatar di Rizzo69
    Data Registrazione
    Jun 2008
    Località
    Levico Terme (TN) 490 m.
    Messaggi
    1,640
    Anteprime Allegate Anteprime Allegate corazzata-4.jpg‎  
    La temperatura rilevata nelle “frost hollow” come la matematica non è un’opinione, chiedilo agli abitanti di Oymyakon

    Stazione meteo Levico Terme, quota 490 metri
    http://www.meteolevicoterme.it/Dati-...ne-Online.aspx

    Stazione meteo Compet, quota 1390 metri
    http://www.meteolevicoterme.it/Dati-...ompet-(2).aspx

  3. #3
    Presidente Associazione M3V
    Redazione M3V

    Rete Stazioni M3V
    L'avatar di Boll_Alfo
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Località
    Schio 211 mslm - Noventa Vicentina 13 mslm
    Messaggi
    500
    Ne ho letto una parte perchè è veramente imponente come lavoro...
    Pazzesche le immagini del ghiacciaio del Travignolo Giampaolo, ne avevamo parlato anche a suo tempo quando siamo andati a visitare la mostra.
    E' bello vedere che la Nostra Associazione e il progetto doline siano entrati in un documento di tale importanza...
    Dati meteorologici di Noventa Vicentina: www.9meteo.it/noventa
    Dati meteorologici di Schio: www.9meteo.it/schio

  4. #4
    Consiglio Direttivo M3V
    Responsabile Progetto Nuvole
    L'avatar di Marco_bz
    Data Registrazione
    Dec 2006
    Località
    Bolzano, 250 m
    Messaggi
    2,851
    Grandi, sarebbe bello anche questo volume!
    Adesso mi informo.
    Vorrei vivere un'eterna primavera
    https://www.marcobonatti.it

  5. #5
    Socio M3V
    Rete Stazioni M3V
    L'avatar di Rizzo69
    Data Registrazione
    Jun 2008
    Località
    Levico Terme (TN) 490 m.
    Messaggi
    1,640
    Sempre bello vedere quanto siano apprezzate queste attività della nostra Associazione.
    La temperatura rilevata nelle “frost hollow” come la matematica non è un’opinione, chiedilo agli abitanti di Oymyakon

    Stazione meteo Levico Terme, quota 490 metri
    http://www.meteolevicoterme.it/Dati-...ne-Online.aspx

    Stazione meteo Compet, quota 1390 metri
    http://www.meteolevicoterme.it/Dati-...ompet-(2).aspx

  6. #6
    Consiglio direttivo e Segretario Associazione M3V

    Rete Stazioni M3V

    Data Registrazione
    Dec 2005
    Località
    Bassano del Grappa 128 m slm (+ Nord 136 m) - Nove 92 m slm
    Messaggi
    2,328
    Documenti che rimarranno nella storia climatica. Evidentemente c è chi preferisce guardare i video sui social network. Tra qualche decennio saranno tesi di laurea ed aiuterà a chi studierà il nostro clima. Noi finchè vivremo saremo testimoni di questi successi. Penso anche a chi arriverà dopo
    ...dal caldo sahariano, passando per la mitica brezza, arrivando al freddo dolinatore...

    Progetti in corso - Allerta Meteo (piovosità e livelli idrometrici) su 100 stazioni del Triveneto via SMS e soluzioni low cost e low power per utilizzare stazioni meteo senza l'utilizzo del PC

  7. #7
    Socio Meteotriveneto
    Rete Stazioni M3V
    L'avatar di Philip
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Località
    Bassano del Grappa (VI) 120mt
    Messaggi
    1,147
    I complimenti te li ho fatti in privato, mi ripeto qui! Bravo!
    Dati on line: http://www.meteobassano.it

    Ulteriora mirari, praesentia sequi

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •