Gentili Meteo-Appassionati

in un periodo in cui il forumismo meteorologico si diffonde copiosamente nel web giova senz'altro precisare gli ambiti in cui la oramai diffusa passione per le scienze legate al tempo trova vitale linfa.

Disquisire di meteo oggi, difatti, significa principalmente mettere sul piatto gli output fisico-matematici di una mappa, confrontare con dovuto riguardo i propri o gli altrui dati meteorologici rilevati amatorialmente nei rispettivi siti di osservazione, marcare nel coinvolgente entusiasmo gli eventi in atto dall'esigente altare del nowcasting di turno.

Ma il sofisticato e complesso meccanismo atmosferico che, in guisa di prelibato zuccherino, punzecchia a più riprese la vastità di interessi propri del nostro fantastico hobby, ha un modo tutto suo di comunicare ai nostri occhi i suoi progetti, presenti e futuri: tale modo prende corpo nelle formazioni nuvolose.

Affascinanti, sfuggenti, a volte indecifrabili... e sempre diverse l'una dall'altra, le nuvole si prestano come inscindibile unione tra la meteorologia consacrata ai ragionati calcoli e quella manifestantesi "sul campo", sia essa collegata alla fenomenologia (in atto od in fase di sviluppo) che ad affermata stabilità.

Tante volte alziamo gli occhi al cielo, noi appassionati meteo, per poter godere di quel "valore aggiunto" che le formazioni nuvolose danno in termini di elementi previsionali: e questa nuova stanza del forum di Meteotriveneto si propone di coprire, se non tutta, almeno gran parte della casistica suddetta.

Consiglio dunque ai forumisti di Meteotriveneto, come moderatore di questa stanza, di sviluppare i threads inerenti al solo tema nefologico (cfr "nefologia": studio delle nubi) con il seguente vincolante ordine:

-TITOLO DEL THREAD: riporterà solo il nome della nube (“genere” della nube con eventuali specie e varietà affini) se il forumista che propone il thread é in grado di classificare la nube stessa (ex: "cirrocumulus undulatus" potrebbe costituire il titolo di un thread, dato il termine “cirrocumulus” identificantesi come genere della nube, e “undulatus” come varietà affine); altrimenti, se il forumista non é certo della classificazione data alla nube, apre il thread con il titolo "nube non classificata". Dalla discussione che, potenzialmente, seguirà nel thread, gli altri forumisti e/o il moderatore forniranno informazioni utili alla classificazione della nube in analisi, dopodiché il titolo del thread potrà essere da me modificato.

-SOTTOTITOLO DEL THREAD: assolutamente indispensabile, dovrà indicare la località ove si é svolta l'osservazione della nube di cui all'oggetto (con eventuale sigla provincia tra parentesi), accompagnata da data di osservazione (terminologie come "oggi" o "ieri", volte a sostituire una data, sarebbero da evitare) ed ora di osservazione (o perlomeno "mattina", o "pomeriggio", o "sera"). Nel caso di vecchia foto analogica (digitalizzata con scanner) di cui non é certa la data e l'ora di osservazione, il forumista potrà sottotitolare il thread con la dicitura "data ed ora non specificabili".

-CONTENUTO DEL POST D'APERTURA: dovrà necessariamente riportare una o più foto della nube in analisi, scattata dal sito di osservazione. A completamento del post d'apertura risulterà di assoluto interesse trascrivere le condizioni meteo caratterizzanti lo stesso sito di osservazione almeno 12-24 ore prima dello scatto della/e foto (anche 1 ora prima, in condizioni temporalesche); al tempo stesso invito il "titolare" del thread a riassumere, in uno o più post seguenti, le condizioni meteo caratterizzanti lo stesso sito di osservazione nelle 24-48 ore successive allo scatto della/e foto (anche meno di 6-12 ore, nel caso di imminente sviluppo di temporali). In tal modo si potranno costruire interessanti legami tra le tipologie di nubi presenti e le condizioni meteo sviluppantesi prima, durante e dopo lo scatto fotografico sulle nubi stesse. Non si senta, il forumista, costretto ogni volta ad indicare le condizioni meteo ante-foto e post-foto, soprattutto se la nube in questione é stata ripresa parecchio tempo addietro; ma risulta senz'altro intuitivo pensare che, privandoci di tali informazioni, non potremo certo intavolare una successiva interessante discussione sulla struttura nuvolosa in esame.

Alle varie discussioni cercherò di essere il più possibile presente, nei miei limiti di tempo.
Vi anticipo subito che non sono affatto un profondo conoscitore di nubi, in quanto é solo da un pajo d'anni che ho esteso i miei interessi "nefologici" alle nubi non necessariamente "temporalesche" (definite, quest'ultime, come le più fotografate dai vari appassionati meteo); ma mi ritengo in prezioso possesso di buoni contatti con un certo Damiano Zanocco, da Thiene (VI), che con il suo recente testo intitolato "Sulle Nuvole" si é confermato come ottimo esponente, a livello senz'altro nazionale, dedito a sviluppo e divulgazione della nefologia.
In tal senso ho già informato lo stesso Damiano su questo nuovo progetto di Meteotriveneto: ed un aiuto da parte sua nel classificare le nubi più "difficili" non mancherà di certo.

Con la consapevolezza che, in questa stanza, si potrà fare dell'ottima ed originale meteorologia, auguro a tutti voi un caloroso augurio di "buone nuvole"!!!!

Davide V



"ovunque io possa trovarmi, nei vari momenti della giornata, lei... la mia inseparabile digitale... mi tiene sempre in buona compagnia!!"