Citazione Originariamente Scritto da Hailstone Visualizza Messaggio
Da quel che ho capito leggendo, lo Stratwarming in atto non sarà di tipo Major in quanto alla quota corrispondente al geopotenziale di 10 hPA non c'è stata una completa inversione dei venti zonali fino alla latitudine di 60N: dal grafico relativo alla direzione ed all'intensità dei venti zonali, in effetti, si evincerebbe un'inversione dei venti zonali limitata alla porzione compresa fra la latitudine di 90N e 70N (o poco più) circa... E' corretto quanto ho scritto o sono sciocchezze?
Il primo riscaldamento stratosferico con massima estensione prevista per il 2 febbraio verrà classificato certamente come Minor Warming, quello successivo previsto a fine della prima decade del mese è ancora da decifrare. Come hai correttamente inteso, un riscaldamento stratosferico è chiamato Minor se viene osservato un significativo aumento della temperatura (ossia almeno 25 gradi in un periodo di una settimana o meno ) a qualsiasi livello stratosferico in qualsiasi area dell'emisfero invernale, sia esso misurato dalla radiosonda e/o indicato da dati satellitari. I Minor Warming possono essere intensi e talvolta anche invertire il gradiente di temperatura, ma non determinare un’inversione della circolazione a livello di 10 hPa. Quando appunto a 10HPa le correnti zonali vengono sostituite dagli esterlies fino alla latitudine di 60N si ha il cosiddetto Major Warming.