PDA

Visualizza Versione Completa : schermo passivo davis e schermatura in generale.....



old_nicolò88
07-05-2009, 19:44
il mio sensore è in schermo passivo davis non ventilato, 100 e rotti euro. Ma quanto realmente scherma?? :smoke e soprattutto fornisce un dato "valido" e "attendibile" per i paramatri "normali" meteorologici??
E soprattutto che senso ha confrontare T schermate passive e schermate ventilate??

Per fare un esempio, dalle osservazioni fatte da settembre 2008, io registro max mediamente dagli 0,3 agli 0,9 °C superiori a quelle della stazione arpav di quinto vic. a 5km da qui.
Quanto influisce la schermatura??secondo me molto...se non tutto....
mi piacerebbe sapere cosa ne pensate al riguardo.... ;10)

old_Miche
07-05-2009, 20:38
ciao niccolo', partendo dal presupposto che confrontare i dati con una stazione (anche se fosse della nasa ;9L ) posta a 5km
non ha piu' di tanto senso (il microclima locale puo' influenzare a 50 m figuriamoci oltre) se ne puo' cmq trarre degli spunti ma non oltre ;)
riguardo al ventilato/non-ventilato vige il buon senso di schermare assolutamente il proprio sensore valutandone
sopratutto la ventilazione del luogo dove sara' posizionato (zona urbana, extraurbana)
ricorda pero' che se un passivo e' ben fatto il sensore ben posizionato e sopratutto la massa del sensore e' piu' piccola possibile
i risultati di un confronto P/V posti a 30cm l'uno dall'altro potrebbero essere paragonabilissime :ciauz1

old_doctor
07-05-2009, 23:33
dipende dal tipo di giornata : nelle giornate calde con molti watt puo sovrastimare anche di 1.5, mediamente ho calcolato che il mio ( non ventilato)sovrastima da 0.5- 1.5.

old_nicolò88
08-05-2009, 09:27
ciao niccolo', partendo dal presupposto che confrontare i dati con una stazione (anche se fosse della nasa ;9L ) posta a 5km
non ha piu' di tanto senso (il microclima locale puo' influenzare a 50 m figuriamoci oltre) se ne puo' cmq trarre degli spunti ma non oltre ;)
riguardo al ventilato/non-ventilato vige il buon senso di schermare assolutamente il proprio sensore valutandone
sopratutto la ventilazione del luogo dove sara' posizionato (zona urbana, extraurbana)
ricorda pero' che se un passivo e' ben fatto il sensore ben posizionato e sopratutto la massa del sensore e' piu' piccola possibile
i risultati di un confronto P/V posti a 30cm l'uno dall'altro potrebbero essere paragonabilissime :ciauz1
eh il punto è quello....che il mio sensore è blocchetto non piccolissimo! :pensieroso
i miei dubbi riguardano solo la affidabilità e correttezza dell'assemblaggio (mio artigianale) sensore + schermo, visto la che collocazione dovrebbe essere buona, se non ottimale.
La mia stazione è posta a 2m d'altezza, a 11-12 m dalle mura di casa mia, e da' sui campi quindi nessun problema di riscaldamento urbano ( il che è testimoniato dalle minime, spesso simili o solo poco più alte rispetto a zone disabitate di campagna).
Qualche accorgimento tecnico per limitare il surriscaldamento del sensore??

Ps. Doctor, anch'i ho calcolato una sovrastima variabile delle massime da 0,0 a 1,5 °C, mediamente sugli 0,6-0,8 °C

old_Miche
08-05-2009, 09:57
ciao niccolo', partendo dal presupposto che confrontare i dati con una stazione (anche se fosse della nasa ;9L ) posta a 5km
non ha piu' di tanto senso (il microclima locale puo' influenzare a 50 m figuriamoci oltre) se ne puo' cmq trarre degli spunti ma non oltre ;)
riguardo al ventilato/non-ventilato vige il buon senso di schermare assolutamente il proprio sensore valutandone
sopratutto la ventilazione del luogo dove sara' posizionato (zona urbana, extraurbana)
ricorda pero' che se un passivo e' ben fatto il sensore ben posizionato e sopratutto la massa del sensore e' piu' piccola possibile
i risultati di un confronto P/V posti a 30cm l'uno dall'altro potrebbero essere paragonabilissime :ciauz1
eh il punto è quello....che il mio sensore è blocchetto non piccolissimo! :pensieroso
i miei dubbi riguardano solo la affidabilità e correttezza dell'assemblaggio (mio artigianale) sensore + schermo, visto la che collocazione dovrebbe essere buona, se non ottimale.
La mia stazione è posta a 2m d'altezza, a 11-12 m dalle mura di casa mia, e da' sui campi quindi nessun problema di riscaldamento urbano ( il che è testimoniato dalle minime, spesso simili o solo poco più alte rispetto a zone disabitate di campagna).
Qualche accorgimento tecnico per limitare il surriscaldamento del sensore??

Ps. Doctor, anch'i ho calcolato una sovrastima variabile delle massime da 0,0 a 1,5 °C, mediamente sugli 0,6-0,8 °C
se la posizione all'interno dello schermo e' gia' ottimale e collaudata al max potresti rivolgere le fessurine del sensore a N
poi non saprei che altro :pensieroso :ciauz1

old_nicolò88
08-05-2009, 12:46
grazie per il consiglio, vedrò che riesco a fare! ;10)

old_Miche
08-05-2009, 13:09
grazie per il consiglio, vedrò che riesco a fare! ;10)se vuoi in seguito qui http://62.149.166.243/mappe/GoogleMaps.php
ti aspettiamo a braccia aperte ;) :ciauz1

old_nicolò88
10-05-2009, 17:25
ciao niccolo', partendo dal presupposto che confrontare i dati con una stazione (anche se fosse della nasa ;9L ) posta a 5km
non ha piu' di tanto senso (il microclima locale puo' influenzare a 50 m figuriamoci oltre) se ne puo' cmq trarre degli spunti ma non oltre ;)
riguardo al ventilato/non-ventilato vige il buon senso di schermare assolutamente il proprio sensore valutandone
sopratutto la ventilazione del luogo dove sara' posizionato (zona urbana, extraurbana)
ricorda pero' che se un passivo e' ben fatto il sensore ben posizionato e sopratutto la massa del sensore e' piu' piccola possibile
i risultati di un confronto P/V posti a 30cm l'uno dall'altro potrebbero essere paragonabilissime :ciauz1
eh il punto è quello....che il mio sensore è blocchetto non piccolissimo! :pensieroso
i miei dubbi riguardano solo la affidabilità e correttezza dell'assemblaggio (mio artigianale) sensore + schermo, visto la che collocazione dovrebbe essere buona, se non ottimale.
La mia stazione è posta a 2m d'altezza, a 11-12 m dalle mura di casa mia, e da' sui campi quindi nessun problema di riscaldamento urbano ( il che è testimoniato dalle minime, spesso simili o solo poco più alte rispetto a zone disabitate di campagna).
Qualche accorgimento tecnico per limitare il surriscaldamento del sensore??

Ps. Doctor, anch'i ho calcolato una sovrastima variabile delle massime da 0,0 a 1,5 °C, mediamente sugli 0,6-0,8 °C
se la posizione all'interno dello schermo e' gia' ottimale e collaudata al max potresti rivolgere le fessurine del sensore a N
poi non saprei che altro :pensieroso :ciauz1
ruotato il sensore di 180°C all'interno dello schermo da una esposizione circa verso S-E a una circa verso N-W, vediamo se cambia qualcosina di apprezzabile....ma non credo.....

old_Miche
11-05-2009, 06:33
altra cosa che di potrebbe fare sarebbe aggiungere dei piatti allo schermo :pensieroso
so che dellork lo aveva fatto nella sua davis con ottimi risultati, mi sfugge cmq se l'operazione e'
fattibile anche al passivo :pensieroso

old_nicolò88
11-05-2009, 09:41
altra cosa che di potrebbe fare sarebbe aggiungere dei piatti allo schermo :pensieroso
so che dellork lo aveva fatto nella sua davis con ottimi risultati, mi sfugge cmq se l'operazione e'
fattibile anche al passivo :pensieroso
teoricamente si potrebbe fare....unici problemi:
1- dove reperire i piatti davis o uguali a quelli davis (comunque non più di 2 secondo me)
2- ci vuole la barra filettata più lunga
Per il resto credo che la struttura non abbia problemi a reggere anche se leggermente appesantita....