PDA

Visualizza Versione Completa : La rete di rilevamento fulmini di TOA di Blitzortung



old_snapovaz
17-04-2009, 17:39
Dallo scorso anno mi interesso del rilevamento delle scariche atmosferiche.
La mia prima stazione, rigorosamente auto-costruita, è un sistema di tipo "Direction Finding" (rilevazione della direzione di provenienza della scarica) il quale si correla con altre stazioni dello stesso tipo (Lightning Radar) per individuare mediante triangolazione il luogo dell'evento.

Tale sistema è efficace sulle lunghe distanze (500-10.000 Km) ma non in caso di eventi vicini, e la sua precisione è influenzata da una serie di elementi che non dipendono tutti dal suo gestore (errati puntamenti delle antenne delle stazioni correlate, rumore elettrico industriale. ecc.). In definitiva, gli errori di posizione delle scariche rilevate possono essere consistenti e comunque mai inferiori a 1° (by design).

Da alcuni mesi mi sto cimentando con un'altra tecnologia, anche questa a basso costo, definita TOA (Time Of Arrival), per cui viene rilevato il segnale elettromagnetico della scarica e marcato temporalmente con un orologio di alta precisione costituito da un GPS.
I segnale viene elaborato ed inviato ad un server centrale che confronta i marker temporali delle varie scariche e, se la scarica è stata rilevata da almeno 4 stazioni, è in grado di posizionare geograficamente l'evento con una precisione inferiore ad 1 Km (tipicamente 400-800 m.).

Il progetto è di Egon Wanke, il promotore del sito Blitzortung.org, il quale ha elaborato l'elettronica atta a codificare i segnali ed il software centralizzato che raccoglie i dati dalle varie stazioni sparse sul territorio europeo.

Dato che la stagione dei temporali è iniziata, sul sito di Blitzortung è possibile seguire gli eventi mediante le cartine interattive di google map e google earth, aggiornate ogni minuto e pubblicate qui: http://www.blitzortung.org/TOA/Webpages/index.php.
Potrebbe essere interessante ricevere i vostri feedback relativamente ad eventi di cui siete in grado di verificare il luogo di scarica.

Attualmente le stazioni stanno facendo un ottimo lavoro in Europa centrale, data la loro maggiore diffusione nei paesi di lingua tedesca (Blitzortung nasce in Germania) ma speriamo di incrementare in numero di volontari che desiderano partecipare al progetto anche nell'area mediterranea, in modo da ottimizzare la copertura della rete. L'optimum è stato valutato in una stazione ogni 200/300 Km, ma la mia copertura, assieme a quelle di due colleghi posizionati rispettivamente uno sulle coste spagnole ed un altro su un'isola greca, raggiunge agevolmente il nordafrica ed oltre.
In Italia ci sono solo io, per il momento, ma sarebbe opportuno disporre di almeno una o due altre stazioni.

Sono state condotte delle comparazioni delle rilevazioni rispetto alla rete di Euclid.org che usa una tecnologia comparabile (ma non certo per l'entità degli investimenti) ed i risultati sono stati altamente sovrapponibili.

Se volete saperne di più, qui trovate tutto il necessario: http://www.blitzortung.org/TOA/Webpages/TOA_Blitzortung.pdf