PDA

Visualizza Versione Completa : GUIDA PER LA MISURAZIONE DELL’ALTEZZA DELLA NEVE



Direttivo M3V
15-12-2007, 12:26
Si prega di leggere attentamente quanto segue:

La misurazione ufficiale della neve deve essere effettuata, solo quando si verifica una nevicata, nelle prime ore del mattino seguente (possibilmente entro le 9); altre misure potranno essere fatte in altri orari prestabiliti ma non avranno carattere di ufficialità.

Le misure da fare sono sempre due:
· altezza della neve fresca
· altezza della neve totale, comprensiva della neve fresca

Le misure devono essere fatte su una tavoletta di legno appoggiata a terra per la neve fresca e direttamente sul prato, vicino alla tavoletta, per la neve totale.


Neve fresca (HS)
La misura della neve fresca deve essere fatta su di una tavoletta di legno bianca, che deve sempre essere lasciata all’aperto, appoggiata sull’erba.
In caso di nevicata il rilievo deve essere fatto il mattino dopo, eseguendo 2-3 misure in diversi punti della tavoletta, per avere un valore medio, approssimato al cm (es. 14 cm, non 13,5 o 14,5 cm).
Se la neve fresca è inferiore a 1 cm ma superiore a 0,5 cm riportare comunque sul foglio la misura di 1 cm. Se la neve caduta è inferiore a 0,5 riportare il termine “tracce”.
Dopo aver fatto la misura la tavoletta deve essere ripulita dalla neve fresca, in modo da poter misurare la neve che cadrà da questo momento in poi (da misurare l’indomani mattina, alla stessa ora).
La tavoletta va rimessa infine al suo posto, anche appoggiata sopra la neve.
Anche se la nevicata cessa durante la giornata la misura dovrà essere fatta il mattino dopo, alla solita ora.
Si ricorda che SOLO nella misura del mattino la tavoletta va ripulita

Neve totale (HN)
La misura delle neve totale deve essere eseguita su una piccola zona di prato vicino alla tavoletta, denominato “campo di misura”, avente area di circa 2 x 2 m.
Tali misurazioni verranno eseguite grazie ad una palina graduata infissa nel terreno: la palina verrà messa in una posizione ben rappresentativa del sito di osservazione.
La foto seguente mostra, difatti, come l'innevamento dei campi sullo sfondo sia simile all'innevamento nella superficie circostante la palina:
http://www.postimage.org/Pq2GRpXi.jpg (http://www.postimage.org/image.php?v=Pq2GRpXi)

Tutte le misure di neve totale devono essere fatte all’interno del campo di misura, che dovrebbe rimanere più integro possibile da calpestio volontario o accidentale.
L’erba del “campo di misura” deve necessariamente essere tagliata “bassa”: a titolo di esempio i 3 cm misurati su tavoletta devono essere 3 cm anche sul “campo di misura”.

Descrizione dei dati
Per valori maggiori di 0,5 cm, viene generalmente riportato (in HN e HS) il valore misurato in cm con approssimazione all’unità più vicina.
Per valori di neve fresca inferiori a 0,5 cm si scrive "tracce" sia in HN che in HS; quando la neve al suolo in fase di fusione ricopre meno del 50% della superficie di osservazione si scrive "tracce" in HS.
Se nelle ore precedenti la misurazione è piovuto sulla neve fresca, si scrive "pioggia su neve" in COD.
Casi speciali: meno di 0,5 cm con pioggia si scrive "tracce" in HN e HS e "pioggia su neve" in COD; assenza di neve fresca con pioggia su manto nevoso si scrive "pioggia su neve" in COD; pioggia o assenza di precipitazioni su suolo non innevato non si codifica; assenza di precipitazione nevosa con suolo innevato si scrive "-"; precipitazione nevosa senza adesione neve al suolo ed in tavoletta si scrive "neve non cumulantesi"; misurazione non possibile si scrive "misurazione non possibile".
Dato che tali indicazioni sono da attribuirsi agli orari di osservazione, eventuale fenomenologia occorrente al di fuori di tali orari va descritta nelle Osservazioni Integrative; così come nelle Osservazioni Integrative vanno inserite le osservazioni su precipitazioni in forma solida di altro tipo, come graupeln e pioggia ghiacciata, grandine esclusa.

Trascrizione dei dati
I dati verranno trascritti in apposito file .xls (quello allegato!!) compilato sulla scorta del Mod1 AINEVA e qui allegato.
La compilazione dei dati generali in alto a sinistra sarà comprensiva di nome e cognome dell’osservatore seguito da numero di telefono (per rintracciabilità ARPAV nel caso di comunicazioni pomeridiane delle 17 agli organi di stampa).
La pianta descrittiva del sito di osservazione (fattibile in paint o meglio in cad) è necessaria per identificazioni, da parte dei responsabili di validazione, degli ostacoli (case, vegetazione) più vicini al “campo di misura”.
Va compilato anche il settore della foto giornaliera nonché le osservazioni integrative riguardanti la stima del limite delle nevicate, al momento dell'osservazione (S: suolo; oppure 100, 200, 300 m, ecc).

In allegato il modello di compilazione dati: l'esempio riportato in tale modulo é inerente alla stazione di Quinto Vicentino, nel fenomeno nevoso del 15-12-2007.

IMPORTANTE (1): L'OSSERVAZIONE PIU' IMPORTANTE (OBBLIGATORIA) DA FARE E' LA PRIMA DELLA GIORNATA (H 7-9) COINCIDENTE CON LA RIPULITURA (DALLA NEVE) DELLA TAVOLETTA; LE ALTRE SAREBBERO FACOLTATIVE, STA ALLA VOSTRA SENSIBILITA', UNITAMENTE AL TEMPO A DISPOSIZIONE, FARLE O MENO. SAREBBERO DI UNA CERTA UTILITA' ANCHE LE LETTURE DELLE 17, PER LA COMUNICAZIONE DEI DATI DALL'ARPAV AI TG.

IMPORTANTE (2): IL MODELLO DI COMPILAZIONE DATI RIPORTATO QUI SOTTO, UNA VOLTA COMPLETATO (AL TERMINE DELL'EPISODIO NEVOSO, OVVERO A COMPLETA SPARIZIONE DELLA NEVE AL SUOLO) DOVRA' ESSERE SPEDITO DA CIASCUN OSSERVATORE AI SEGUENTI INDIRIZZI:

meteodave@gmail.com per quanto riguarda il monitoraggio della neve nella pianura Veneta.

matteo@venuti.net per quanto riguarda il monitoraggio della neve nella pianura Friulana (e mail di Matteo Venuti, socio nonché membro dello Staff di MeteoTriveneto)

IL SOTTOSCRITTO PROVVEDERA' A RAGGRUPPARE TUTTI I MODELLI IN UN SOLO FILE .XLS CHE SARA' SUCCESSIVAMENTE ARCHIVIATO IN SITO.

Davide V