PDA

Visualizza Versione Completa : 42D-Busa dei Cornetti Bocchetta Portule (VI)2167m M3V



Direttivo M3V
16-09-2008, 23:19
Collaboratore M3V Birko

Minima assoluta: -34,6°C (novembre 2008)

old_Birko
06-10-2008, 21:00
Qualche foto e informazioni topografiche/geometriche del lago di aria fredda della Busa dei Cornetti di Bocchetta Portule.
Posta sulla dorsale di Cima Portule - zona nord dell'Altopiano dei Sette Comuni (VI)
Coordinate geografiche: 45° 58' 07.32" N - 11° 26' 51.93" E
Coordinate UTM (Datum: European 1950): 50 93 488 N - 6 89 640 E

Indicazione del sito su mappa Google Earth:
http://www.postimage.org/PqKf95J.jpg (http://www.postimage.org/image.php?v=PqKf95J)http://www.postimage.org/aVJq0g9.jpg (http://www.postimage.org/image.php?v=aVJq0g9)http://www.postimage.org/PqKft2S.jpg (http://www.postimage.org/image.php?v=PqKft2S)

Cartografia:
http://www.postimage.org/gxFPO_A.jpg (http://www.postimage.org/image.php?v=gxFPO_A)http://www.postimage.org/aVJSL8S.jpg (http://www.postimage.org/image.php?v=aVJSL8S)

Documentazione fotografica:
http://www.postimage.org/aVJuBBJ.jpg (http://www.postimage.org/image.php?v=aVJuBBJ)http://www.postimage.org/aVJuLAi.jpg (http://www.postimage.org/image.php?v=aVJuLAi)http://www.postimage.org/PqKk5TA.jpg (http://www.postimage.org/image.php?v=PqKk5TA)

Informazioni topografiche e geometriche della dolina e del lago di aria fredda:

Altitudine fondo: 2167 m
Altitudine sella di outflow: 2187 m
Profondità massima (outflow depth): 20 m
Area del lago: 8900 m²
Perimetro del lago: 354 m
Volume del lago: 61800 m³
Sky-view factor:
Elevazione media orizzonte:

Bruno
09-01-2014, 12:16
Molto buona la minima di -38.5°C di questa dolina il 31 dicembre (dati scaricati da Birko, che ancora una volta dimostra il suo buon fiuto per le doline).
Una tale dolina posta in cresta ha bisogno di condizioni perfette per potersi esprimere bene e quando lo fa sforna dei dati molto interessanti, grazie anche all'altitudine. Tra l'altro è quasi sempre la dolina con i più forti e rapidi raffreddamenti (talvolta anche per i riscaldamenti) per sue ridotte dimensioni.

Rizzo69
09-01-2014, 18:34
Molto buona la minima di -38.5°C di questa dolina il 31 dicembre (dati scaricati da Birko, che ancora una volta dimostra il suo buon fiuto per le doline).
Una tale dolina posta in cresta ha bisogno di condizioni perfette per potersi esprimere bene e quando lo fa sforna dei dati molto interessanti, grazie anche all'altitudine. Tra l'altro è quasi sempre la dolina con i più forti e rapidi raffreddamenti (talvolta anche per i riscaldamenti) per sue ridotte dimensioni.

Notte davvero "perfetta" quella del 31/12, anche ai Cornetti di Bocchetta Portule "discesa" della temperatura senza alcun ostacolo da parte di brezze o venti.


49068

old_Birko
07-03-2015, 19:10
Il giorno 19 febbraio 2015 è stato molto particolare alla Busa dei Cornetti di Bocchetta Portule (battuti due record).
1) massimo aumento di temperatura in 15 minuti:
- da una minima di -32,7°C alle ore 3:00 si è passati a -4,4°c in 15 minuti con una variazione di +28,3°C;
- da una minima di -30,7°C alle ore 22:30 si è passati a -2,4°C in 15 minuti con una variazione di +28,3°C;
da considerare che il massimo aumento di temperatura registrato in 15' nei vari inverni di moniotoraggio registrato inprecedenza in tutte le doline era di 23,4°C (Busa Sponde alte nel 2008/2009).
2) Nello stesso giorno la minima è stata di -32,7°C e la massima +12,6°C con un'escursione termica giornaliera di 45,37°C, in precedenza la massima escursione termica registrata nei vari anni in tutte le doline era di 45,2°C (Busa Nord Fradusta nel 2010/2011).

flavio-resana
08-03-2015, 06:25
Il giorno 19 febbraio 2015 è stato molto particolare alla Busa dei Cornetti di Bocchetta Portule (battuti due record).
1) massimo aumento di temperatura in 15 minuti:
- da una minima di -32,7°C alle ore 3:00 si è passati a -4,4°c in 15 minuti con una variazione di +28,3°C;
- da una minima di -30,7°C alle ore 22:30 si è passati a -2,4°C in 15 minuti con una variazione di +28,3°C;
da considerare che il massimo aumento di temperatura registrato in 15' nei vari inverni di moniotoraggio registrato inprecedenza in tutte le doline era di 23,4°C (Busa Sponde alte nel 2008/2009).
2) Nello stesso giorno la minima è stata di -32,7°C e la massima +12,6°C con un'escursione termica giornaliera di 45,37°C, in precedenza la massima escursione termica registrata nei vari anni in tutte le doline era di 45,2°C (Busa Nord Fradusta nel 2010/2011).

Fantastico!
Grazie mille per le informazioni, altopiano che si conferma sempre "estremo"!!

Bruno
08-03-2015, 11:44
Il giorno 19 febbraio 2015 è stato molto particolare alla Busa dei Cornetti di Bocchetta Portule (battuti due record).
1) massimo aumento di temperatura in 15 minuti:
- da una minima di -32,7°C alle ore 3:00 si è passati a -4,4°c in 15 minuti con una variazione di +28,3°C;
- da una minima di -30,7°C alle ore 22:30 si è passati a -2,4°C in 15 minuti con una variazione di +28,3°C;
da considerare che il massimo aumento di temperatura registrato in 15' nei vari inverni di moniotoraggio registrato inprecedenza in tutte le doline era di 23,4°C (Busa Sponde alte nel 2008/2009).
2) Nello stesso giorno la minima è stata di -32,7°C e la massima +12,6°C con un'escursione termica giornaliera di 45,37°C, in precedenza la massima escursione termica registrata nei vari anni in tutte le doline era di 45,2°C (Busa Nord Fradusta nel 2010/2011).

Mi pareva strano che questa dolina, famosa per le fortissime variazioni termiche nel breve periodo (soprattutto grazie alle sue ridotte dimensioni) venisse battuta da Campoluzzo, che finora aveva tutti i record di questa stagione...
Davvero incredibile il rialzo di 28°C in soli 15 minuti!
Ed ora si è presa anche il record della massima escursione termica, che ingorda quasta dolina :-)

Ottima scelta, Enrico, quella di continuare a monitorare questa dolina nonostante non riesca a raggiungere minime notevoli, hai davvero un sesto senso per le doline.

Rizzo69
09-03-2015, 12:14
Il giorno 19 febbraio 2015 è stato molto particolare alla Busa dei Cornetti di Bocchetta Portule (battuti due record).
1) massimo aumento di temperatura in 15 minuti:
- da una minima di -32,7°C alle ore 3:00 si è passati a -4,4°c in 15 minuti con una variazione di +28,3°C;
- da una minima di -30,7°C alle ore 22:30 si è passati a -2,4°C in 15 minuti con una variazione di +28,3°C;
da considerare che il massimo aumento di temperatura registrato in 15' nei vari inverni di moniotoraggio registrato inprecedenza in tutte le doline era di 23,4°C (Busa Sponde alte nel 2008/2009).
2) Nello stesso giorno la minima è stata di -32,7°C e la massima +12,6°C con un'escursione termica giornaliera di 45,37°C, in precedenza la massima escursione termica registrata nei vari anni in tutte le doline era di 45,2°C (Busa Nord Fradusta nel 2010/2011).

Dati incredibili Enrico.

Sono un po' perplesso sulle massime, che tipo di schermo c'è lassu'? Ho notato che quelli in lamierino con ibutton danno molti problemi di schermatura sulle massime col sole (Busa Verle ad esempio, devo sempre rivalidare i dati), vedo una massima di +14°C il 10/02 oltre a quella del 19/02, quei giorni a Passo Vezzena si era arrivati a +8°C e +10°C e stiamo parlando di 900 metri più basso e stazione comunque ben ventilata al sole.

Ai 2200 di Passo Feudo il giorno 10 la massima si è fermata a +2°C ed il 19 a +5°C, potrebbe esserci anche un "accumulo" di aria calda quel giorno sul fondo della Bocchetta, ma francamente mi sembrano un po' altine. Il giorno 10 era ventoso il 19 no.

old_Birko
09-03-2015, 23:27
Dati incredibili Enrico.

Sono un po' perplesso sulle massime, che tipo di schermo c'è lassu'? Ho notato che quelli in lamierino con ibutton danno molti problemi di schermatura sulle massime col sole (Busa Verle ad esempio, devo sempre rivalidare i dati), vedo una massima di +14°C il 10/02 oltre a quella del 19/02, quei giorni a Passo Vezzena si era arrivati a +8°C e +10°C e stiamo parlando di 900 metri più basso e stazione comunque ben ventilata al sole.

Ai 2200 di Passo Feudo il giorno 10 la massima si è fermata a +2°C ed il 19 a +5°C, potrebbe esserci anche un "accumulo" di aria calda quel giorno sul fondo della Bocchetta, ma francamente mi sembrano un po' altine. Il giorno 10 era ventoso il 19 no.
Lo schermo è composto da piattelli di alluminio vernicato di bianco con sopra un piattello più grande (queli distribuiti da M3V assieme alla prima fornitura di ibutton).

Rizzo69
10-03-2015, 08:12
Lo schermo è composto da piattelli di alluminio vernicato di bianco con sopra un piattello più grande (queli distribuiti da M3V assieme alla prima fornitura di ibutton).

Esatto, come quello che avevo io a Busa Verle, col sole sovrastima le massime molto spesso. Tu che ne pensi Enrico?

Bruno
10-03-2015, 15:49
E' il solito problema del diverso comportamento degli schermi con le condizioni critiche che si creano quando, con il sole pieno, il vento diventa molto debole o peggio ancora nullo.
Quel tipo di schermo in lamiera/alluminio fornisce prestazioni pessime in tali condizioni (per il resto non va male) ma anche altri schermi fanno fatica a non sovrastimare eccessivamente la misura. Tutti gli schermi in lamiera/alluminio che abbiamo dismesso (per questi motivi) sono stati consegnati a M3V conoscendo tali limiti, ma lo scopo principale, se ricordate, era quello di misurare abbastanza bene le minime.
L'unico che tiene testa alla vecchia, cara capannina Stevenson (standard WMO per decenni), sembra essere lo schermo Davis.
Lo stesso schermo che usiamo attualmente va un po' in crisi con sole e vento calmo e tutto questo anche con neve al suolo (a causa della notevole radiazione riflessa che penetra più facilmente lo schermo).
Si veda ad esempio il caso di ieri con la massima della stazione di Cortina molto più alta delle altre, registrata proprio in concomitanza di un breve fase con vento molto debole (vedi allegati).

Morale: per le temperature massime e di conseguenza anche per le escursioni termiche giornaliere è abbastanza difficile il confronto fra i vari siti.

Rizzo69
14-03-2015, 00:34
Grazie Bruno per la nota. Ho ben presente (purtroppo) i limiti degli schermi in lamierino, che mi richiedono sempre un lavoro di validazione e/o cancellazione dei dati di Busa Verle ad esempio.

Curiosità, per un dato come quello di Cortina dell'altro giorno come fate? Lo ricavate per interpolazione o che altro?

Ciao.

Bruno
15-03-2015, 08:57
Grazie Bruno per la nota. Ho ben presente (purtroppo) i limiti degli schermi in lamierino, che mi richiedono sempre un lavoro di validazione e/o cancellazione dei dati di Busa Verle ad esempio.

Curiosità, per un dato come quello di Cortina dell'altro giorno come fate? Lo ricavate per interpolazione o che altro?

Ciao.

I dati "anomali" come quello di Cortina li teniamo buoni perché in fin dei conti è una condizione vera dettata dalla calma di vento e soprattutto riscontrabile anche in altre zone attorno alla stazione. In quel punto, a 2 m dal suolo, la temperatura è effettivamente aumentata di 3-4°C in 15-30 minuti, grazie anche alla radiazione riflessa. Mi è capitato più volte in inverno in montagna, con il sole ed il vento quasi calmo di avvertire una forte sensazione di calore, di essere per pochi minuti come in una bolla di aria calda.
Diverso è il caso dei picchi anomali registrati dai nostri sensori lo scorso inverno, in quelle stazioni di montagna dove abbiamo dovuto spalare la neve attorno agli strumenti. La buca che si era venuta a formare, oltre che favorire minime un po' più basse (per la mini-dolina) determinava la formazione di bolle di aria calda durante le calme di vento, bolle che poi salivano e facevano impennare la temperatura per un quarto d'ora/mezz'ora, anche di 6-8°C
Quella era una condizione che si veniva a creare solo in quel punto e allora abbiamo invalidato i dati.

Quindi in caso di datalogger troppo vicino alla neve meglio alzare il palo che scavare una buca attorno

old_flavio verona
15-03-2015, 19:17
E' il solito problema del diverso comportamento degli schermi con le condizioni critiche che si creano quando, con il sole pieno, il vento diventa molto debole o peggio ancora nullo.
Quel tipo di schermo in lamiera/alluminio fornisce prestazioni pessime in tali condizioni (per il resto non va male) ma anche altri schermi fanno fatica a non sovrastimare eccessivamente la misura. Tutti gli schermi in lamiera/alluminio che abbiamo dismesso (per questi motivi) sono stati consegnati a M3V conoscendo tali limiti, ma lo scopo principale, se ricordate, era quello di misurare abbastanza bene le minime.
L'unico che tiene testa alla vecchia, cara capannina Stevenson (standard WMO per decenni), sembra essere lo schermo Davis.
Lo stesso schermo che usiamo attualmente va un po' in crisi con sole e vento calmo e tutto questo anche con neve al suolo (a causa della notevole radiazione riflessa che penetra più facilmente lo schermo).
Si veda ad esempio il caso di ieri con la massima della stazione di Cortina molto più alta delle altre, registrata proprio in concomitanza di un breve fase con vento molto debole (vedi allegati).

Morale: per le temperature massime e di conseguenza anche per le escursioni termiche giornaliere è abbastanza difficile il confronto fra i vari siti.



Verissimo Bruno quando dici che anche il Davis va leggermente in crisi in caso di massime assolate e senza vento, soprattutto se invece dell'hobo o Crio-temp vi è inserito l'I-button.

Rizzo69
16-03-2015, 15:31
I dati "anomali" come quello di Cortina li teniamo buoni perché in fin dei conti è una condizione vera dettata dalla calma di vento e soprattutto riscontrabile anche in altre zone attorno alla stazione. In quel punto, a 2 m dal suolo, la temperatura è effettivamente aumentata di 3-4°C in 15-30 minuti, grazie anche alla radiazione riflessa. Mi è capitato più volte in inverno in montagna, con il sole ed il vento quasi calmo di avvertire una forte sensazione di calore, di essere per pochi minuti come in una bolla di aria calda.
Diverso è il caso dei picchi anomali registrati dai nostri sensori lo scorso inverno, in quelle stazioni di montagna dove abbiamo dovuto spalare la neve attorno agli strumenti. La buca che si era venuta a formare, oltre che favorire minime un po' più basse (per la mini-dolina) determinava la formazione di bolle di aria calda durante le calme di vento, bolle che poi salivano e facevano impennare la temperatura per un quarto d'ora/mezz'ora, anche di 6-8°C
Quella era una condizione che si veniva a creare solo in quel punto e allora abbiamo invalidato i dati.

Quindi in caso di datalogger troppo vicino alla neve meglio alzare il palo che scavare una buca attorno

Grazie Bruno, sempre interessanti le tue spiegazioni.

:ciauz1

Bruno
16-03-2015, 16:22
Grazie Bruno, sempre interessanti le tue spiegazioni.

:ciauz1

Tutto questo essendo consci che poi i vari schermi sovrastimano un po' e in maniera differente questi temporanei rialzi termici...